La Russia chiude parzialmente anche il gasdotto verso l’Italia | Finanza

Secondo l’azienda energetica italiana Eni, Gazprom ha ridotto del 15% la fornitura di gas al Paese dell’Europa meridionale. Secondo Eni, Cosprom non ha motivato la decisione. Inoltre, non è chiaro se il gasdotto sarà completamente aperto dopo mercoledì. L’Italia sta cercando di ridurre tale dipendenza e ha già concluso accordi per più gas con Algeria ed Egitto. Il primo ministro italiano Mario Draghi sta attualmente discutendo le forniture di gas a Israele.

Sia l’Italia che la Germania dipendono fortemente dalle forniture di gas dalla Russia per il loro fabbisogno energetico. Durante l’invasione russa dell’Ucraina, l’Italia ha fatto affidamento sulla Russia per il 40% del proprio fabbisogno di gas.

Cosprom

Alla fine del mese scorso, il nostro Paese doveva già fare i conti con la chiusura del gasdotto da parte della Russia. La fornitura di gas a GasTerra, un commerciante di gas di proprietà di Shell, Esso Paesi Bassi e dello stato olandese, è stata sospesa a causa del rifiuto del rublo di pagare il rublo.

Anche altri paesi dell’UE sono stati ignorati dalla compagnia statale russa. I gasdotti sono stati chiusi in Finlandia, Danimarca, Polonia e Bulgaria.

Nel mercato olandese del gas TTF, di rilievo l’imposizione di energia a Italia e Germania da parte di Gasprom. Il prezzo del gas, che lunedì era di 80 euro, è nuovamente salito sotto i 100 euro per kilowattora.

READ  L'italiano vive come un hobbista e segue il Signore degli Anelli

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24