La Russia prevede di annettere le province ucraine entro una settimana

I funzionari nominati dalla Russia nelle province di Donetsk, Lugansk, Zaporizhia e Kherson vogliono tenere dei “referendum” sull’adesione alla Russia al più tardi da venerdì a martedì prossimo.

La logica alla base di questo piano è che il risultato atteso renderà queste aree, che coprono circa il 15 per cento del territorio ucraino, territorio russo agli occhi di Mosca. Secondo questa logica, l’esercito ucraino non combatterà più contro l’esercito russo in Ucraina, ma attaccherà la stessa Russia.

Un preludio alla mobilitazione generale?

Dmitry Medvedev, l’ex capo e vice capo del Consiglio di sicurezza russo, lo ha spiegato martedì stesso in un telegramma sul significato di “referendum”: “L’invasione del territorio russo è un crimine che consente l’uso di qualsiasi mezzo di autodifesa per andare in giro.

Secondo la dottrina russa, un attacco al “suolo russo” rende possibile l’uso di armi nucleari. Mosca ha diretto questa velata minaccia dall’inizio dell’invasione su larga scala a febbraio e l’annessione l’ha rafforzata.

L’annessione del territorio ucraino potrebbe anche essere un preludio alla mobilitazione generale in Russia. Finora il presidente Putin ha evitato questa misura drastica, forse non rendendosi popolare. Inoltre, gli analisti militari mettono in dubbio la capacità della Russia di mobilitare rapidamente forze più dispiegabili. Ma un segno che il Cremlino sta prendendo in considerazione è che il parlamento martedì si è affrettato ad approvare una legge che impone sanzioni maggiori per le diserzioni.

In tarda serata, Andrei Kartapolov, capo della commissione per la difesa del Parlamento, ha sostenuto che c’era già una mobilitazione generale. Ma ha detto che la legge marziale viene dichiarata “in alcuni luoghi”.

parte di un paese unito

Per quanto riguarda l’Ucraina, la situazione nei territori occupati dalla Russia non cambierà, ha detto il ministro degli Esteri Dmytro Kuleba, qualunque sia l’esito del “finto referendum”. Afferma che l’Ucraina continuerà a liberare il paese indipendentemente dal fatto che la Russia annette le regioni dopo la fine dei referendum. Kiev vede il piano come un tentativo russo di riprendere l’iniziativa dopo le recenti sconfitte nella provincia di Kharkov.

Il cancelliere tedesco Schulz ha affermato a margine della riunione del Consiglio generale delle Nazioni Unite che anche l’Occidente non accetterebbe come legittimi i “referendum simulati”. “Tutto questo non è altro che un tentativo di nascondere l’aggressione imperialista”. Anche il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca Jake Sullivan ha condannato il “referendum fittizio”.

Statua rossa di Prishtje

I combattimenti continuano in molte province dove la Russia vuole che si tengano referendum pubblici e Donetsk rimane in gran parte nelle mani dell’Ucraina. La maggior parte degli abitanti delle parti occupate della Russia è fuggita dalle proprie case.

L’attesa è stata martedì prima di un’apparizione televisiva congiunta tra Putin e il suo ministro della Difesa Sergei Shoigu. Ma inizialmente è stato ritardato di un’ora e mezza, quindi l’annuncio è scomparso. “Vai a letto”, ha twittato Margarita Simonjan, caporedattore del canale di propaganda statale RT.

READ  "Gli ucraini possono rendere le cose molto, molto difficili per i russi".

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24