La scoperta di un nuovo tipo di supernova spiega il mistero del Medioevo

Una supernova termonucleare è l’esplosione di una stella nana bianca dopo che ha guadagnato massa da un’altra stella in una galassia binaria, una stella binaria. Queste nane bianche sono i densi nuclei di cenere lasciati dopo che una stella luminosa – una stella circa 8 volte la massa del Sole – ha raggiunto la fine della sua vita.

Una supernova con collasso del nucleo di ferro si verifica quando una stella massiccia, la cui massa è più di 10 volte la massa del Sole, esaurisce il combustibile nucleare e il suo nucleo di ferro collassa, dando vita a un buco nero o a una stella di neutroni.

Tra questi due principali tipi di supernova – ci sono ancora molte suddivisioni – ci sono supernove che catturano gli elettroni. Queste stelle bloccano le reazioni di fusione se i loro nuclei sono fatti di ossigeno, neon e magnesio: non sono abbastanza pesanti da produrre ferro.

La gravità cerca costantemente di schiacciare una stella e ciò che impedisce alla maggior parte delle stelle di collassare è la fusione nel nucleo causata da una forza opposta o, nei nuclei in cui la fusione si è fermata, gli atomi nel nucleo non possono essere avvicinati l’uno all’altro. .

In una supernova che cattura gli elettroni, alcuni degli elettroni nei nuclei di ossigeno, neon e magnesio dei loro nuclei atomici vengono colpiti in un processo chiamato cattura di elettroni. Questa rimozione di elettroni fa collassare il nucleo della stella sotto il suo stesso peso, catturando l’elettrone della supernova.

Se la stella fosse un po’ più massiccia, è possibile che gli elementi nel suo nucleo si siano fusi in elementi più pesanti, allungandone la vita. Quindi è una specie di moderazione inversa: la stella non è abbastanza leggera da sfuggire al collasso del suo nucleo e non è abbastanza pesante da prolungare la sua vita e poi muore in un modo diverso.

READ  La sperimentazione vaccinale brasiliana "Progetto S" è stata completata, il vaccino cinese è "efficace"

Questa è la teoria che è stata formulata dal 1980 da Kenichi Nomoto dell’Università di Tokyo e da altri scienziati. Nel corso degli anni, i teorici hanno fatto previsioni su cosa cercare durante la ricerca di supernove che intrappolano gli elettroni e dei loro precursori, le sottostelle giganti super chiuse.

Le stelle devono aver avuto molta massa, gran parte di essa è andata persa prima dell’esplosione, e quella massa vicino alla stella morente deve avere una composizione chimica insolita. Quindi, la supernova che cattura gli elettroni dovrebbe avere un’esplosione debole, dare poche precipitazioni radioattive e avere elementi ricchi di neutroni nel suo nucleo, poiché gli elettroni vengono schiacciati nei nuclei atomici e molti protoni trasformati in neutroni.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24