La sensazione di YouTube che avrebbe dovuto scegliere un club come l’Ajax


Mastour ha segnato il suo primo gol da professionista solo il 25 gennaio di quest’anno. Non è successo con la maglia del Milan o di qualsiasi altro club europeo, ma al servizio dell’umile Carpi club. Al 10′, il nazionale marocchino del singolare è entrato in una combinazione con il suo compagno di squadra, quindi ha scelto abilmente una posizione nell’area di rigore di Sampenditsi. Mastour recupera palla e poi colpisce palla controllando alle spalle del portiere: 0-1. Tifosi del creativo centrocampista italiano con il marocchino le radici Poteva vedere i bei gol e le azioni necessarie su YouTube, ma abbastanza sorprendentemente, non c’era un solo successo in prima squadra fino all’inizio del 2021.

Hashem Mastour ha giocato solo sei partite con la maglia del BIC Zwolle.

Nato a Reggio Emilia da genitori marocchini, Mastour è stato notato dagli scout dell’Inter già all’età di dodici anni. I suoi obiettivi da superpoteri sono stati filmati nel campionato giovanile e sono andati veloci Ampiamente. Barcellona, ​​​​Real Madrid, Juventus e Manchester City erano desiderosi di aggiungere il talentuoso centrocampista al loro settore giovanile. Il Milan alla fine ha tirato la goccia più lunga e, grazie a 500.000 euro, il tanto discusso Mastour è passato a io sono rossonero. Nel frattempo, il regista ha continuato a stupire gli appassionati di calcio di tutto il mondo con le mosse e i trucchi più intelligenti su YouTube. obbiettivo Lo ha persino descritto come “il miglior quattordicenne del mondo”. Un futuro nascosto sembrava molto luminoso.

Confronto con Schneider, Ronaldinho e Neymar
Negli ambienti calcistici italiani, Mastour era visto come un “fantasista”, un giocatore con molte qualità che poteva giocare praticamente qualsiasi posizione offensiva. Il confronto è stato fatto qua e là con i migliori giocatori come Wesley Sneijder, Ronaldinho e Neymar. Clarence Seedorf, che è tornato al Milan come giocatore nel gennaio 2014, ha ovviamente ricevuto l’hype che circonda Mastour. Nell’ultima giornata della stagione 2013/14, è seguito un posto nella selezione gara per la sfida di campionato del Milan contro il Sassuolo. I grandi talenti del nord Italia hanno visto dalla panchina il gol di Nigel de Jong. Tuttavia, gli ospiti sono tornati alla partita dopo un brutto inizio e Seedorf ha deciso di tenere in panchina l’inesperto Mastour per novanta minuti. Non un record per un centrocampista di talento a soli quindici anni. Avrebbe potuto superare l’icona del club Paolo Maldini, che è stato il giocatore più giovane ad esordire al Milan all’età di 16 anni, tre decenni dopo. Tuttavia, Seedorf Mastour non è stato insignito di questo onore nella primavera del 2014. Tuttavia, sembrava una questione di tempo prima che eseguisse un battesimo del fuoco, anche se era una vana speranza.

READ  Shell nel gruppo leader AEX grazie all'olio più costoso

Intanto pensa Mastour che è ancora molto giovane per la sua carriera internazionale. Nonostante i suoi progressi nel calcio italiano, è stato selezionato al 100% per il Marocco. L’esordio da parte del Paese dei suoi genitori è avvenuto nell’estate 2015. In una partita contro la Libia nelle qualificazioni alla Coppa d’Africa, il sedicenne Mastour è apparso come sostituto un minuto prima del tempo, come il più giovane -ever giocatore internazionale. Altri due inviti alla nazionale marocchina sono seguiti nell’autunno del 2015, ma Mastour non si è presentato come un nuovo giocatore internazionale dopo quel minuto contro la Libia. Anche a livello di club, le sue possibilità sembravano cambiare improvvisamente. Seedorf è stato esonerato dal direttivo del Milan dopo appena cinque mesi di lavoro e gli è succeduto Filippo Inzaghi, anch’egli in carica per un solo anno nel turbolento San Siro. Il richiamo del giovane al debutto non è stato ascoltato dallo stesso Inzaghi, il quale ha visto che Mastour non era ancora pronto a giocare in prima squadra.

Dopo alcune scelte sbagliate in campo tecnico, il Milan ha scelto ancora una volta un ex giocatore come tecnico con la massima responsabilità nel 2017 con l’allora allenatore delle giovanili Gennaro Gattuso. Il toro lo scorso anno ha riconosciuto le qualità e la versatilità di Mastur, ma ha anche lanciato subito un chiaro avvertimento. “Abbiamo parlato regolarmente di recente”, ha detto Gattuso ai media italiani poco dopo la sua nomina. “L’ho anche minacciato scherzosamente perché era famoso per fare video, ma non per le partite che gioca. Hashem non registrerà più video perché gli ho spiegato che gli avevo già tolto i denti! Ora il treno è passato per lui , anche se Hashem non è sulla cinquantina Ha solo 20 anni, è ora che cominci ad affrontare i suoi errori. È importante che giochi più spesso, perché ovviamente il ritmo della gara sta iniziando a rallentare. D’altra parte, io ho anche visto che Hashem è migliorata di recente in una serie di aree”. Quando Gattuso pronunciò quelle parole nell’autunno del 2017, Mastour aveva attraversato due incarichi più o meno infruttuosi in altri paesi.

Come sembra comune con i talenti emergenti, la dirigenza tecnica del Milan ha deciso di consentire a Mastour di acquisire esperienza in un ambiente diverso a metà 2015. Il proprietario del Malacca Abdullah Al Thani è stato veloce nel portare il talento dell’Accademia del Milan in Spagna in prestito per due stagioni. Ci è voluto del tempo prima che la FIFA desse il via libera al club spagnolo, poiché Mastour aveva solo diciassette anni al momento del contratto di locazione. Infine, il 5 novembre 2015 è arrivato il permesso della FIFA e due giorni dopo il suo debutto a nome del Málaga è stato realtà. In sostituzione di Adnan Taghdwini, Mastour ha giocato solo cinque minuti nella sconfitta per 0-1 in casa contro il Real Betis. L’irruzione allo stadio La Rosaleda si è rivelata l’ultima del ritrovamento del centrocampista ingaggiato. Mastour ha trascorso il resto del 2015/16 in panchina o sugli spalti. Il Malaga non si è preoccupato dei due anni di contratto con il Milan e lo ha riportato in Italia dopo un anno deludente. PEC Zwolle ha offerto una soluzione con un contratto di locazione di una stagione nei Paesi Bassi.

READ  La Francia vuole manipolare le regole del bilancio dell'Unione europea

Non ci è riuscito nemmeno nel campionato olandese
Sfortunatamente, la storia si è ripetuta nell’Eredivisie per il Mestor, a volte poco brillante. Dopo aver debuttato nel PEC nei colori del PEC contro lo Sparta Rotterdam (0-3) nell’agosto 2016, quando Younes ha sostituito Mokhtar nella fase finale, sono seguite solo cinque partite nella squadra dell’allora allenatore Ron Jans. C’era un po’ di scetticismo sulla squadra di calcio, ma ancora una volta Mastour sembrava essere carente a livello fisico. All’inizio della stagione, dopo aver assistito ad alcuni allenamenti, Jans aveva ancora le aspettative necessarie. “Può fare qualsiasi cosa con la palla, cosa che è stata mostrata su YouTube due anni fa. Il pericolo più grande è questo enorme schema di aspettative”, sembrava in una conversazione con calcio internazionale. Sull’erba artificiale di Zwolle, non solo il Mastour di 1,75 metri è stato dato per lasciare il segno nel gioco del PEC. Dopo un anno sconosciuto e incolore nelle corti olandesi, il fragile centrocampista è tornato a Milanello. Al Milan non c’è stata nessuna svolta, e nell’estate del 2018, sei anni dopo il suo ingresso al Milan, la collaborazione tra club e giocatore è stata la fine definitiva. Mastour è andato alla ricerca di una nuova felicità calcistica con una modalità senza trasferimenti.

Clarence Seedorf ha portato Hashem Mastour a scegliere per la partita del Milan quando aveva quindici anni, anche se il tempo di gioco non era imminente.

Nel settembre 2018, l’umile Lamia ha partecipato in Grecia. Anche questa avventura ebbe una fine drammatica. Mastour è tornato temporaneamente in Italia per riprendersi dall’infortunio, secondo suo padre, perché il suo club non ha fornito l’assistenza medica necessaria. Tuttavia, rimase lontano per molto più tempo senza permesso, con grande dispiacere della leadership di Lamia. Mastour non è stato raggiunto affatto per qualche tempo e così il datore di lavoro greco ha minacciato di citarlo in giudizio. Non è arrivato tutto così lontano. Le due parti hanno raggiunto un accordo per rescindere il contratto del centrocampista a marzo 2019. Un mese dopo è seguito un periodo di prova al Parma, ma fino alla conclusione del contratto con lei. gialloblù Questo non ha portato. Mastour si è tolto dalla testa la Serie A e si è unito alla Regina, che è stata attiva in Serie A, nell’autunno del 2019. Il tanto criticato regista ha promesso di riprendersi presto, ed è stato contento di essere stato promosso in Serie B alla sua prima anno con Regina. Tuttavia, presto seguì un nuovo termine di locazione, questa volta a Carpi. È stato in questo club che ha segnato almeno dieci partite di campionato in una stagione per la prima volta nella sua carriera, mentre ha segnato il suo primo gol per una squadra importante nei libri di storia. Ma per Regina, questo non era un motivo per mettere sul tavolo un nuovo contratto. Mastour è di nuovo libero dai trasferimenti, tre anni dopo aver lasciato il Milan.

READ  Il tappeto ha una seconda vita

Nel 2019 Mastour ha fatto il punto sui suoi turbolenti primi anni di cui si discute molto in ambito professionale. Suggerimento su una grande retrospettiva su richiesta Tuttomercatoweb. “C’erano sempre solo aziende o persone misteriose intorno a me, che volevano fare soldi da me in qualche modo. A volte queste cose venivano a scapito delle mie ore di formazione sul campo”. In passato, Mastour avrebbe dovuto scegliere un settore giovanile diverso dal Milan all’età di 12 anni. “A volte penso che sarebbe stato meglio se fossi andato in un club come l’Ajax, che era interessato anche a me. In questo club potevo concentrarmi di più sul calcio, e forse le possibilità di giocare in prima squadra erano maggiori”. tutto, Mastour ha rifiutato di usare la parola “” Contrizione”. “Il percorso che ho intrapreso mi ha aiutato fino ad oggi a diventare la persona che sono ora. Sono ancora molto giovane e c’è tutta una vita davanti a me”. La domanda è quale club si avventurerà nel 2022 con Mastour senza club.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24