La sesta estinzione di massa potrebbe essere stata scoperta. Ma cosa accadde esattamente 19 milioni di anni fa è ancora un mistero

Le estinzioni di massa che hanno spazzato via vaste aree di vita hanno rimodellato la storia della vita sul nostro pianeta. Finora ci sono stati cinque momenti (a partire dal 5 grandi) una vera e propria estinzione di massa, la più grande delle quali avvenne 251 milioni di anni fa, al passaggio dal Permiano al Triassico. In quella che pensavamo fosse l’ultima grande estinzione di massa, 65,95 milioni di anni fa, la maggior parte dei dinosauri si estinse improvvisamente in un periodo di tempo relativamente breve. I ricercatori credono che ora sia sconosciuto prima Ripristina su scala planetaria. È successo circa 19 milioni di anni fa.

Questa estinzione si è verificata negli oceani del mondo e ha decimato gli squali, tra le altre cose. Non si sono ancora ripresi dal danno, Suggerisce un articolo pubblicato su Science.

Il modo in cui gli scienziati hanno scoperto questo di per sé è una storia affascinante. La pelle di uno squalo è costituita da un tipo di pelle del dente che è inclinata all’indietro. Questo rende la pelle in qualche modo simile nella struttura alla carta vetrata (anch’essa usata in passato). Queste squame fungono da scudo protettivo e i loro bordi riducono anche la resistenza degli animali durante il nuoto. Sono microscopici, solo della larghezza di un capello umano, ma gli squali perdono circa 100 di quei denti dermici per ogni dente che perdono, rendendoli un punto fermo nella documentazione fossile. Questa abbondanza lo rende prezioso per gli studiosi che vogliono comprendere il passato.

Nel 2015, Elizabeth Seibert, oceanografa e paleontologa della Yale University, ha ricevuto una scatola di fango che risale a circa 40 milioni di anni fa. Il fango rossastro, estratto da due carote di sedimenti perforate in profondità nel fondo dell’Oceano Pacifico, conteneva denti di pesce, denti di squalo e altri piccoli fossili marini. Usando un microscopio e un pennello molto fine, Seibert ha cercato i due sedimenti e ha contato il numero di fossili nei campioni separati nel tempo da centinaia di migliaia di anni.

READ  La NASA usa un razzo SpaceX per portare una sonda sulla luna Giove - IT Pro - Notizie

Da 88 a 9 tipi

Circa a metà del suo set di dati, ha notato un improvviso cambiamento nei reperti fossili. Diciannove milioni di anni fa, il rapporto tra denti di squalo e denti di pesce è cambiato drasticamente. I campioni più vecchi di quelli di 19 milioni di anni contenevano in genere un dente di pesce su cinque (un rapporto di circa il 20 percento), ma i campioni più recenti avevano proporzioni più vicine all’1 percento. Ciò significa che gli squali sono diventati improvvisamente meno comuni dei pesci, durante un’era conosciuta come il Miocene Inferiore.

Can Seibert e le sue compagne In uno studio precedente Utilizzando lo stesso set di dati, ha anche scoperto che le popolazioni di squali sono diminuite di circa il 90% circa 19 milioni di anni fa.

Quindi gli squali sono quasi completamente scomparsi e deve essere successo qualcosa di serio circa 19 milioni di anni fa per provocarlo. Ma c’è ancora da chiedersi se si sia verificata la vera estinzione o se gli squali siano semplicemente diventati meno importanti in quel periodo. Ulteriori indagini sul contrasto in 1.300 denti della pelle hanno rivelato 88 diverse specie di squali – che chiaramente non è un’immagine accurata di quante specie di squali c’erano nel mondo in quel momento, ma dà un’idea della diversità. Quella cifra di 88 risale ad appena 9 specie circa 19 milioni di anni fa.

causare un mistero

La diminuzione della diversità degli squali indica che a quel tempo erano quasi estinti. In effetti, questo evento potrebbe essere stato più disastroso per gli squali dell’impatto con un asteroide che ha ucciso i dinosauri avvenuto 66 milioni di anni fa. Solo una piccola parte è sopravvissuta in questo mondo post-estinzione.

READ  La concorrenza non giova a questa conoscenza

Gli effetti di questa estinzione potrebbero essere stati avvertiti in tutto il mondo. Risultati coerenti di carote di sedimenti – separate da migliaia di chilometri – Sottolinea che questo è stato un evento veramente globale. Ad oggi, la causa di questa morte di massa è sconosciuta. Non ci sono stati grandi cambiamenti climatici nel primo Miocene, e non ci sono prove di un impatto di un asteroide in quel momento.

Per inciso, gli squali moderni hanno iniziato a diversificarsi di nuovo entro 2-5 milioni di anni dopo l’estinzione, ma è solo una frazione di quello che erano una volta gli squali.

Leggi anche:

(Javed)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24