La stagione dell’uva italiana sta andando meglio del previsto

Nella seconda settimana di luglio il rapporto tra domanda e offerta diventa più equilibrato. Il gusto e la buona qualità delle uve ci permettono di condurre diversi cicli di vendemmia. Agricoltori e confezionatori possono seguire bene questo ritmo e prestare attenzione alle tendenze e alle scelte dei consumatori. In questo modo il consumatore ha uve sempre fresche, mature e pronte all’uso”, afferma Calogero Montana, amministratore delegato del Gruppo Montana Italia.

Nonostante il caldo intenso in Italia e il freddo e la pioggia nel Centro e Nord Europa, domanda e offerta sono in armonia. Le condizioni meteorologiche sfavorevoli non hanno frenato i consumi, ma questi si stanno sviluppando favorevolmente grazie a due fattori principali: uve con un grado Brix superiore alle altre annate (tra 17 e 18 gradi) e un prezzo compreso tra 0,10 € e 0,20 €. l’anno scorso. Entrambi i fattori consentono ai consumatori di mangiare con gusto e pagare di meno, il che porta a maggiori acquisti”.

calogero montana

“Attualmente stiamo raccogliendo le varietà Victoria e Black Magic, da tempo apprezzate dai consumatori in Francia e nel resto d’Europa. I prezzi sono leggermente inferiori rispetto al 2020, con un margine di volatilità per i coltivatori intorno al -15%. Questa riduzione non dovrebbe essere considerata perché non stiamo vivendo una perdita di prodotto. Raccogliamo e vendiamo tutto. Quest’anno non ci libereremo di nulla”.

“A chi dice che il Covid ha influito sui consumi, rispondo che l’unico cambiamento materiale è stato il packaging, che è stato riportato in vita per motivi di salute. I consumatori preferiscono colture che nessuno può toccare con mano, quindi è stato necessario investire realizzati in nuove forme di imballaggi chiusi, sostenibili al 100%”.

READ  L'obiettivo europeo di inflazione è stato raggiunto, ma i prezzi continueranno a salire?

“C’è molta confusione sul concetto di qualità. D’altra parte, l’agricoltura biologica continua a crescere, anche se rappresenta ancora una quota minoritaria rispetto all’agricoltura convenzionale e integrata. D’altra parte, i commercianti cercano residui bassi, mentre i controlli spesso riferiscono di anomalie, forse dovrebbe esserci più consultazione tra produzione e vendita al dettaglio e gli esperti di agricoltura dovrebbero svolgere un ruolo più importante a questo punto”.

“Il vero nemico dei nostri prodotti siciliani e italiani in generale non è la concorrenza estera, ma la mancanza di infrastrutture e logistica. Questa dovrebbe essere più efficiente. La concorrenza dipende dai costi e dai tempi. L’Italia è svantaggiata quando si tratta di trasporto dal a sud verso il resto d’Europa per la sua posizione geografica C’è anche una rete stradale obsoleta, e questo richiede un appello alle responsabilità delle autorità competenti”.

“Un altro punto dolente in questo periodo è l’aumento dei prezzi delle materie prime, che incide pesantemente sui nostri investimenti attuali e futuri. Dobbiamo concentrarci nuovamente sul fare in Europa, anche se l’agricoltura alla fine è più costosa. Il profitto non è tutto. È spesso significa disponibilità di materiali e la pulizia è la differenza tra la vita e la morte. La Cina ci tiene in pugno. È molto difficile fare affari, con fluttuazioni dei prezzi e consegne mancate, che ci fanno sembrare inaffidabili”.

“Le alte temperature continueranno a creare problemi alle colture per diverse settimane, soprattutto in Sicilia. Al momento stiamo affrontando la siccità e non abbiamo la possibilità di irrigare tutti gli appezzamenti contemporaneamente. Soffriamo anche di una carenza di Il cosiddetto strumento del reddito di cittadinanza va riconsiderato in modo più efficace e vantaggioso per la società”, conclude Montana.

READ  tiro alla fune polacco-americano

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24