La startup italiana propone un’alternativa ecologica agli imballaggi in plastica

L’Italian Innovation Vehicle (IUV) offre un’alternativa ecologica agli imballaggi in plastica. Origini dell’innovazione Parla con la startup per sostituirlo con imballaggi di plastica. la soluzione? Imballaggi commestibili e biodegradabili realizzati con prodotti di scarto dell’industria alimentare. Il fondatore Cosimo Maria Palopoli parla di questa nuova tecnologia.

Come funziona?
“Offriamo due tipi di tecnologie di confezionamento. Il primo è uno spruzzatore per prodotti solidi e freschi. Il cibo, per così dire, è ricoperto di spray. Questo spray è composto da prodotti avanzati dell’industria alimentare che vengono tostati., come grani o bucce di frutta e verdura. Puoi dipingere mele o l’opzione con esso. E se ci sono più strati, puoi anche avvolgere bevande con esso, come una specie di bottiglia. L’altro modo è un sottile strato di pellicola destinato a essiccamento, alimenti stabili a scaffale o per imballaggi non alimentari come cosmetici. Questo imballaggio è flessibile come la plastica.”

Ci sono già startup che hanno escogitato alternative agli imballaggi in plastica. Cosa ti rende diverso?
“La maggior parte delle startup si concentra su un settore alimentare e realizza imballaggi per esso. In altre parole, operano in verticale. Operiamo in orizzontale. Offriamo imballaggi per ogni tipo di articolo alimentare e non. Sono adatti molti prodotti diversi. Inoltre, ci sono alcune aziende Startup che portano sul mercato un nuovo tipo di materiale. Spesso lavorano con materiali esistenti come vetro e cartone. Il nostro packaging è completamente nuovo. Si tratta in realtà di un nuovo tipo di polimero che, a differenza della plastica, rispetta la natura”.

La plastica è economica. Come si compete sui costi?
“Attualmente il nostro imballaggio è più costoso della plastica. Speriamo che i costi diminuiscano più lo usi. I costi sono complicati, perché dipende da diversi fattori. Che prodotto usi, quanta vernice o imballaggio hai bisogno, ma sarebbe una stima approssimativa di dieci-quindici euro per 250 millilitri per l’atomizzatore e quattro euro per chilogrammo per lo strato di pellicola.Inoltre, l’uso una tantum di plastica sarà ridotto in futuro dalla legislazione europea.Vogliamo offrire una buona alternativa per le aziende”.

READ  Il principe Andrea sul tappeto con la regina dopo un'accusa di abusi

Quali sono gli ostacoli che incontri?
“Nel 2020 abbiamo fatto un grande salto come azienda. Da tempo negoziamo investimenti con un partner. A causa della pandemia, il partner ha perso interesse e ha iniziato a concentrarsi sugli imballaggi necessari durante la crisi. Abbiamo abbiamo ora trovato un nuovo partner di investimento, Tozzi Green, è una società italiana attiva a livello mondiale nel campo delle energie rinnovabili, e stiamo lavorando anche al crowdfunding per poter offrire il nostro packaging nel nostro Paese e anche fuori dall’Italia. mercato nella seconda metà del 2022”.

fonte: Origini dell’innovazione

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24