La terapia cognitiva può aiutare a sbarazzarsi degli antidepressivi

Molti pazienti vogliono sapere se possono ridurre in sicurezza il loro uso di antidepressivi dopo essersi ripresi dalla depressione. Secondo un nuovo studio ad Amsterdam, questo è possibile più spesso di quanto attualmente indicato nelle linee guida.

fermarsi o deglutire? Claudie Buckting sa quanto possa essere difficile questo compromesso per pazienti e medici. Molte persone che si sono riprese dalla depressione vogliono anche smettere di assumere antidepressivi. Ma svezzare quelle pillole non è sempre facile. Perché la deglutizione riduce il rischio che le nuvole scure tornino alla depressione.

Come professore di psicologia clinica in psichiatria, Buckting ha lavorato per vent’anni per prevenire le ricadute nella depressione. Lavora anche come medico presso l’UMC Amsterdam con persone con gravi disturbi dell’umore. Quando sorge questa importante domanda: posso interrompere l’assunzione di antidepressivi? Questa è sempre una decisione complicata. “Vedo, con gli psichiatri del mio dipartimento, quanto sia difficile. Ti senti molto responsabile, perché sai quanto può essere pericolosa questa depressione quando le cose vanno male”.

La domanda viene spesso posta ai medici di base nella stanza di consulenza, Buckting lo sa. I pazienti temono di diventare eccessivamente dipendenti dal farmaco o di sperimentare effetti collaterali, come mancanza di sonno, ansia o mal di testa. Inoltre, la ricerca mostra che circa tre quarti delle persone a cui viene consigliato di continuare a prendere antidepressivi per prevenire le ricadute non lo fanno secondo una prescrizione. Alcuni si fermano prematuramente, altri prendono una dose molto bassa, per esempio. Questo è esattamente il motivo per cui è così importante escogitare un modo alternativo per prevenire le ricadute dopo la depressione, afferma Buckting.

Cosa è meglio per questa persona con queste caratteristiche?

Tuttavia, finora, i medici hanno avuto pochissimi strumenti per determinare quali pazienti possono interrompere in sicurezza l’assunzione di antidepressivi. È noto che è possibile ridurre l’assunzione di antidepressivi in ​​concomitanza con il trattamento. Ma non è ancora chiaro quali pazienti possano diminuire gradualmente senza il rischio di sviluppare nuovamente la depressione. Buckting: “Gli studi sono stati fatti, ma hanno dato delle medie. I medici vogliono sapere: cosa è meglio per questa persona con queste caratteristiche che ho adesso”.

Il gruppo di ricerca Buckting ha lavorato su questo negli ultimi anni. Hanno recentemente pubblicato i loro risultati sulla rivista Jama Psychiatry. La loro scoperta: l’ingestione di antidepressivi non fornisce una protezione migliore contro le ricadute rispetto ad alcune terapie psicologiche. Si tratta della terapia cognitiva preventiva (PCT) e della terapia cognitiva basata sulla consapevolezza (MBCT). Questi brevi trattamenti possono essere una buona alternativa per le persone che soffrono di depressione frequente e hanno un forte desiderio di abbandonare gli antidepressivi. Buckting: “I medici possono offrire loro questa alternativa”.

Questo vale anche per i gruppi ad alto rischio come le persone che hanno già sperimentato diversi episodi depressivi o che hanno più disturbi residui. Questo è fantastico, perché linee guida come le Linee guida multidisciplinari per la depressione affermano che queste persone dovrebbero continuare a usare antidepressivi per prevenire le ricadute.

Non c’è differenza nella ricaduta

La terapia preventiva cognitiva è un training di otto sessioni, distribuite su otto settimane, volte a prevenire le ricadute. Nei Paesi Bassi questo a volte viene fatto sotto la supervisione di un professionista sanitario qualificato o di uno psicologo clinico. L’altro trattamento studiato è simile, ma include elementi di consapevolezza. “C’è qualcosa tra cui scegliere”, dice Buckting. “Uno è più interessato alla diversità con la meditazione, e l’altro non dovrebbe saperne nulla.”

Lo studio di Amsterdam si basa sull’analisi di quattro grandi studi internazionali sulla riduzione degli antidepressivi. Il dottorando Josefien Breedvelt ha messo insieme questi studi ed è stato in grado di confrontare i dati di 714 pazienti. Non è stata riscontrata alcuna differenza nella ricaduta dei sintomi depressivi nel gruppo di pazienti che hanno continuato ad assumere antidepressivi e nel gruppo che è diminuito con la psicoterapia. E del tutto contrariamente alle aspettative, non ha trovato alcuna proprietà che la rendesse più soggetta a ricadute quando ha smesso di assumere antidepressivi.

Tuttavia, questo studio riguarda la riduzione graduale della forma più comune di depressione, chiamata “depressione unipolare”, afferma Buckting. Questo è il più grande gruppo di persone con sintomi depressivi nei Paesi Bassi. Sostiene che si sa molto poco sulle alternative ai farmaci per la depressione maniacale o la depressione psicotica.

Serve più attenzione per la logopedia

Un milione di persone nei Paesi Bassi usa antidepressivi. Si stima che circa 150.000 persone lo facciano per più di un anno. Sono prescritti non solo per la depressione, ma anche per altri disturbi, come il mal di schiena. L’uso di antidepressivi è stato molto nelle notizie negli ultimi anni. I critici ritengono che i farmaci vengano prescritti troppo spesso e troppo facilmente.

“Quando le persone iniziano a prendere antidepressivi, lo fanno per un motivo”, afferma fermamente Buckting. Tuttavia, crede che sia una buona idea prestare maggiore attenzione a queste logopedia per prevenire le ricadute. Crede che le persone con depressione siano spesso trattate solo con antidepressivi. Questi interventi psicologici funzionano naturalmente con ciò che sta accadendo dentro di te. Ti danno gli strumenti per avere più informazioni su te stesso e un maggiore controllo. Questo va oltre il trattamento dei sintomi con i farmaci”.

Partecipare a terapie psicologiche o allenamenti non funziona solo senza farmaci, aggiunge Buckting. È anche di grande valore durante il trattamento con antidepressivi.

E ha concluso in ricerche precedenti che il rischio di ricaduta dopo la depressione è inferiore se il paziente assume antidepressivi dopo il recupero e combina questo con la terapia cognitiva preventiva. Pertanto, il rischio di ricaduta è inferiore del 41% rispetto al semplice continuare a prendere le pillole.

ascolta il paziente

Anche quando i pazienti lo sanno, dice Buckting, vogliono comunque smettere di prendere i loro antidepressivi per una serie di motivi. La cosa più importante, dice, è ascoltare ciò che vuole il paziente. Cita gli studi dello psichiatra Masha Tin Doskat, che ha indagato sul motivo per cui i pazienti volevano interrompere l’assunzione di antidepressivi.

Le cause più comuni non erano gli effetti collaterali, ma la necessità “che tu possa gestirli da solo”. È proprio questo bisogno di indipendenza che i medici possono spesso supportare, afferma Bucking. E con i risultati dell’ultimo studio alla mano, possono tranquillamente raccomandare il taping con i trattamenti studiati.

Leggi anche:

Il giudice deve decidere a quale ritmo il paziente dovrebbe disintossicarsi dagli antidepressivi

Le compagnie di assicurazione sanitaria dovrebbero prestare maggiore attenzione alle diverse velocità con cui i pazienti smettono di assumere antidepressivi, Tess Jansen discute oggi in tribunale.

READ  Un punto positivo per i pazienti affetti da osteoporosi: la medicina antica può ridurre significativamente i disturbi

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24