La Turchia indebolisce le sanzioni occidentali alla Russia?

I paesi occidentali sono sempre più preoccupati che la Turchia stia minando la sua guerra economica contro la Russia giocando il ruolo di infrangere le sanzioni. Mentre impongono sanzioni di vasta portata per mettere in ginocchio l’economia russa, il presidente turco Erdogan sta lavorando per approfondire i legami economici con la Russia. Questa chiamata arriva al presidente russo Putin, che sta seriamente cercando modi per allentare la pressione delle sanzioni.

Il vertice bilaterale di venerdì nella località russa di Sochi è l’ultima fonte di preoccupazione occidentale. Lì, Erdogan e Putin hanno stretto accordi per rafforzare i legami economici, soprattutto in campo energetico. La Turchia pagherà il gas russo in rubli come parte della sua graduale transizione verso l’uso delle rispettive valute nazionali negli scambi reciproci. E cinque banche turche utilizzeranno il sistema di pagamento russo Mir in modo che i russi in Turchia possano pagare con una carta: Visa e Mastercard hanno interrotto i loro servizi in Russia.

In questo modo, Erdogan sta cercando di limitare l’impatto della guerra in Ucraina sull’economia turca. La Russia è un importante partner commerciale della Turchia e un importante fornitore di petrolio e gas. Poiché il prezzo dell’energia è aumentato molto a causa della guerra, il disavanzo della bilancia dei pagamenti (rapporto tra importazioni ed esportazioni) è in forte aumento. Ma la banca centrale turca non ha riserve in dollari sufficienti per continuare a pagare le importazioni di energia. Quindi è conveniente che la Turchia possa pagare parte della sua energia in rubli.

turismo

Il sistema di pagamento Mir russo è la linfa vitale del turismo turco, che rischia di essere gravemente danneggiato dalla guerra in Ucraina. I russi hanno costituito il gruppo più numeroso di turisti stranieri lo scorso anno, seguiti dagli ucraini. A causa della guerra, quest’anno non molti andranno in vacanza in Turchia. E se i russi non vengono, l’industria rischia di perdere circa 7 miliardi di dollari di entrate. Per garantire che questa importante fonte di valuta estera non si esaurisca, la Turchia sta facendo in modo che i turisti russi continuino a pagare con una carta.

READ  La Banca centrale europea inizia a testare l'euro digitale

La posizione turca è seguita da vicino dai paesi occidentali. Quando si tratta di rispettare le sanzioni, la Turchia ha una cattiva reputazione. Banche e società turche hanno aiutato Iran e Venezuela a eludere le sanzioni in passato. Come altri membri della NATO, la Turchia ha certamente condannato l’invasione russa dell’Ucraina e Kiev ha inviato droni e armi. Ma la Turchia non ha aderito alle sanzioni statunitensi ed europee contro la Russia. Ciò causerebbe enormi danni all’economia turca.

I diplomatici occidentali temono che la Turchia diventi un rifugio per il denaro russo e una piattaforma per il commercio con la Russia. Il numero di russi che acquistano immobili o fondano una società in Turchia è aumentato notevolmente negli ultimi mesi. Giornale italiano Corriere della Sera menzionato Un misterioso aumento dell’export italiano verso la Turchia (87% anno su anno), e allo stesso tempo un forte aumento dell’export turco verso la Russia del valore di 400 milioni di dollari al mese. Il quotidiano conclude che molti esportatori italiani continuano a commerciare con la Russia attraverso la Turchia.

Anche la Russia sembra chiedere alla Turchia di cercare di aggirare le sanzioni occidentali. L’agenzia di intelligence ucraina ha recentemente intercettato un documento del governo russo in cui proponeva la cooperazione turco-russa, compresi i modi in cui le banche turche potrebbero aiutare la Russia a uscire dalle sanzioni. Washington Post È stato pubblicato per la prima volta la scorsa settimana Sul documento, che l’intelligence ucraina ha condiviso con diversi paesi della NATO. Non è chiaro se le proposte russe siano state discusse a Sochi e come Erdogan abbia reagito ad esse.

READ  Cinque motivi per cui l'UE dovrebbe sperare nel 2022

nessuna fessura

Il governo degli Stati Uniti ha ripetutamente minacciato di imporre “sanzioni secondarie” ai paesi che aiutano la Russia a eludere le sanzioni. Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Wali Ademo è stato a Istanbul a giugno per avvertire i funzionari e i banchieri turchi di non diventare un canale per il denaro russo illecito. I funzionari del governo turco applaudono all’afflusso di denaro russo, purché sia ​​legale.

Le banche turche si stanno comportando con cautela, in particolare le banche private. I russi in Turchia affrontano grandi difficoltà nel settore bancario. Le banche turche controllano attentamente i nuovi clienti russi per evitare problemi con il sistema giudiziario americano. Questa cautela è guidata dall’esperienza della Halkbank, una banca statale turca. Un giudice di New York lo ha incriminato nel 2019 per il cosiddetto complotto oro per petrolio, in cui la banca ha aiutato l’Iran a eludere le sanzioni statunitensi.

Non ci sono ancora tali esempi. Tuttavia, le banche russe nell’elenco delle sanzioni statunitensi hanno recentemente trasferito miliardi di dollari a una filiale con sede in Turchia della Rosatom, di proprietà dello stato. L’accordo aveva lo scopo di completare la costruzione di una centrale nucleare sulla costa mediterranea della Turchia. Inoltre, i diplomatici occidentali temono che il sistema di pagamento Mir russo possa essere utilizzato per aggirare le sanzioni. Le banche turche potrebbero essere oggetto di sanzioni secondarie se inizieranno a utilizzare Mir, Alcuni analisti credono.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24