La Turchia non vuole più essere chiamata “Turchia”. Cosa c’è dietro?

La Turchia è ora ufficialmente chiamata Türkiye, che significa “Turchia” in turco. La scorsa settimana, il governo turco ha inviato una lettera alle Nazioni Unite chiedendo che il nome Turchia fosse usato d’ora in poi. Un portavoce delle Nazioni Unite ha affermato che il cambio di nome è entrato in vigore dal momento in cui l’ONU ha ricevuto la lettera. L’uso della lettera “ü”, che non fa parte dell’alfabeto latino, non è stato un problema. Ora è la Turchia invece della Turchia o della Turchia.

La richiesta fa parte di un più ampio sforzo del presidente Erdogan per rinominare il Paese. Questa campagna è iniziata nel dicembre dello scorso anno quando ha emesso un promemoria chiedendo al pubblico di usare la parola “Türkiye” come nome del paese d’ora in poi – in qualsiasi lingua.

“La Turchia è stata accettata come marchio ombrello per il nostro Paese nei forum nazionali e internazionali. “La Turchia è la migliore rappresentazione ed espressione della cultura, della civiltà e dei valori del popolo turco”, ha affermato il presidente.

Erdogan ha incaricato i ministeri e altre istituzioni statali di utilizzare il “turco” nei documenti ufficiali, in particolare nella loro corrispondenza con le organizzazioni internazionali. Ha consigliato alle aziende turche di farlofatto in Turchia“sui loro prodotti di esportazione, piuttosto che”fatto in Turchia† Inoltre, il governo ha lanciato un video promozionale in inglese, a cui partecipano turisti da tutto il mondo’ciao tacchinoDicono mentre vagano per le famose destinazioni di vacanza in Turchia.

tacchino

I media statali di lingua inglese, TRT, Anatolia e la stampa filogovernativa, hanno seguito fedelmente il cambio di nome e hanno anche cercato di spiegare la decisione. Dicono che la scelta del suo nome sia un’espressione della sovranità della Turchia e l’orgoglio di portare un nome turco. I turchi hanno sempre pensato che fosse strano che il nome del loro paese significasse “Turchia” in inglese. Articolo di Mondo TRT Riferito nel dizionario inglese, dove tacchino Viene definito come un “fallimento” o una “persona stupida o stupida”.

I turchi troveranno strano che il loro paese significhi “Turchia” in inglese

All’inizio, i turchi non sapevano se prendere sul serio la campagna. Si sono chiesti cosa vuole ottenere Erdogan con questo. Adesso vuole anche cambiare il nome del Paese? Non pensi a cose più importanti come l’inflazione del 73 percento? Si può imporre un nome turco ad altre regioni linguistiche, specialmente quelle che non usano l’alfabeto latino? Ma la richiesta di cambio nome alle Nazioni Unite dimostra che Erdogan fa sul serio.

READ  Molti "lavoratori ospiti" italiani e spagnoli tornano a lavorare - Wel.nl

La Turchia non è il primo Paese a spingere per un cambio di nome. I paesi di solito lo fanno per dire addio al nome coloniale e per liberarsi simbolicamente del giogo coloniale. La Rhodesia è diventata Zimbabwe nel 1980 e la Birmania è diventata Myanmar nel 1989. Questo ultimo cambio di nome è stato accettato dalle Nazioni Unite e da paesi come Francia e Giappone. Ma c’erano anche paesi, come gli Stati Uniti e il Regno Unito, che rifiutavano di riconoscere la legittimità del Consiglio militare birmano e con esso il potere di rinominare il paese.

Distraiti dal sentirti turbato

La ridenominazione della Turchia sembra destinata principalmente a giocare sui sostenitori nazionalisti di Erdogan e distogliere l’attenzione dalla stagnazione economica, che ha lasciato l’opposizione nei sondaggi d’opinione. Imponendo il nome turco della Turchia ad altre aree linguistiche, in particolare all’inglese, Erdogan sembra voler sottolineare che la Turchia è cresciuta sotto la sua guida in una superpotenza indipendente che l’Occidente non può più dirigere.

La parola “Türkiye” non è così turca: sembra presa dall’italiano o dal francese

Ma questo ragionamento è linguisticamente imperfetto. Secondo il dizionario etimologico dello scrittore e linguista turco-armeno Sevan Nichanyan, il nome “Turchia” è tratto dalla parola italiana “Turchia” o dal francese “Turquie”, che significa “terra dei turchi”. Nishanyan scrive: “Il termine, ampiamente utilizzato dagli occidentali sin dal XIII secolo, sta guadagnando popolarità nell’ultimo quarto del XIX secolo tra i turchi che hanno familiarità con la cultura occidentale”. Pertanto, la Turchia è un prestito europeo, non originale come Erdogan.

Stampa in lingua inglese

Inoltre, non è facile sostituire il vecchio nome, soprattutto se differisce leggermente dal nuovo in termini di ortografia e pronuncia. In ogni caso, per il momento, la stampa anglofona continuerà a utilizzare la Turchia. Anche i leader del governo stanno lottando con il nuovo nome. Ciò è diventato evidente a marzo durante la visita del primo ministro Rutte in Turchia. “È un piacere essere tornato in Turchia”, ha esordito Rutte conferenza stampa congiunta con Erdogan. Ma dopo qualche frase ha parlato ancora di “Turchia”.

READ  Sport Court: Fidget Kevin Durant e Kyrie Irving anche nella lista dei coronavirus dei Brooklyn Nets | gli sport

Il tempo dirà se l’ortografia turca del nome rimane coerente.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24