La vaccinazione Pfizer dopo sei mesi è ancora vulnerabile all’infezione con lieve corona

Una ragazza australiana di 14 anni riceve un vaccino Pfizer. I bambini di età compresa tra 12 e 16 anni sembrano essere protetti dall’infezione da corona per un periodo di tempo superiore alla media dopo un’iniezione di Pfizer.Costruisci Getty Images

chi appare da nuovi numeri Circa tre milioni e mezzo di cittadini, analizzati da accademici americani in collaborazione con il produttore Pfizer. Nella variante delta, prevalente nel nostro Paese, la protezione contro l’infezione è effettivamente scesa a circa il 50 per cento dopo quattro mesi. Secondo gli stessi ricercatori, questo è un segno che “i vaccini di richiamo sono in definitiva necessari per ripristinare alti livelli di protezione”. Ma altri sottolineano che il coronavirus è essenzialmente sulla buona strada per diventare una normale malattia stagionale, causando solo lievi lamentele.

“Si può procedere in due modi”, afferma il professore di immunologia Marjolin van Egmond (Amsterdam, UMC). Oppure dici: prendi un colpo in più come spinta, sarai di nuovo immune per un po’. Oppure si potrebbe dire: lascia che sia il sistema immunitario delle persone stesse, purché non venga meno la protezione dal ricovero.

precursore anticorpale

Secondo i nuovi dati statunitensi, subito dopo la vaccinazione, la possibilità di contrarre il virus si riduce di quasi il 90% rispetto alle persone non vaccinate. Ma dopo sei mesi, quella protezione è solo del 50 percento circa. Le persone vaccinate possono ancora infettarsi e possibilmente trasmettere il virus, se il precursore degli anticorpi contro il virus scompare gradualmente dal sangue.

Van Egmond sottolinea che questo è “perfettamente in linea con ciò che ci si potrebbe aspettare”. Perdi la protezione di prima linea, quindi il virus può sfondare di nuovo. Ti ammali un po’. Ma poi la risposta della memoria entra in gioco e il tuo sistema immunitario previene malattie gravi.

Ciò non toglie che i nuovi numeri siano un po’ deludenti per Van Egmond. “Ti sarebbe piaciuto che quegli anticorpi fossero rimasti in giro un po’ più a lungo”. In Israele, tra gli altri paesi, è stata osservata anche una rapida diminuzione della protezione contro le infezioni.

covid lungo

Le nuove scoperte confermano che il coronavirus sta rapidamente diventando uno dei numerosi virus respiratori circolanti che, come l’influenza e alcuni virus del raffreddore, sono pericolosi solo per i deboli e gli anziani. Per questo motivo, i Paesi Bassi hanno già iniziato a invitare i più vulnerabili a una terza iniezione. Altri paesi, come la Gran Bretagna, stanno scegliendo di vaccinare tutte le persone con più di 50 anni e gli operatori sanitari per limitare la diffusione del virus.

“Una discussione complessa”, afferma Van Egmond. Nelle persone che sono state protette dal ricovero in ospedale con la vaccinazione, l’infezione naturale con il virus può fungere da ulteriore spinta al sistema immunitario contro la corona. “Forse è più conveniente, perché così ottieni una protezione un po’ più ampia.”

D’altra parte, anche un’infezione lieve può causare disturbi a lungo termine, come perdita dell’olfatto e del gusto e affaticamento costante. Van Egmond sottolinea che “la malattia prolungata del Covid è il fattore difficile in questa materia”. Non hai il raffreddore ai polmoni. Se questo risulta essere un grosso problema, c’è molto da dire per i colpi di richiamo.

Gli studenti

“Dobbiamo essere chiari su ciò che vogliamo veramente”, afferma in una dichiarazione il vaccinologo britannico Peter English. Reazione ai nuovi risultati. Ora sappiamo almeno che i vaccini sono più efficaci nel prevenire malattie gravi e meno efficaci nel prevenire malattie lievi. Con il covid-19, in realtà vuoi anche sapere quanto sia efficace la prevenzione del covid-19.

Sorprendentemente, il vaccino Pfizer sembra proteggere gli studenti dalla reinfezione per lungo tempo. I nuovi dati mostrano che dopo quattro mesi, i bambini di età compresa tra 12 e 16 anni sono ancora protetti al 90% dal virus. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che i bambini producono più anticorpi, suggerisce il professore di farmacologia britannico Penny Ward in un commento. “Sarà interessante vedere se questa protezione più elevata verrà mantenuta se la seguiamo più a lungo”.

READ  Fame prolungata: se hai bisogno di riprenderti da uno scricchiolio di carote per due ore

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24