La valigia è piena, secondo il test: ‘Vediamo cosa succede in Italia’

Campo delle immagini celtiche

Faccio un viaggio e lo porto con me: un costume da bagno, buona fede e un certificato di viaggio. Con l’avvicinarsi delle vacanze, c’è una forte richiesta di nuovi test PCR con prove. Venerdì scorso, ai vari posti di blocco della città, i vacanzieri sono arrivati ​​e sono andati all’ultimo minuto a prendere i documenti necessari e si sono chiesti se le misure annunciate dal governo sarebbero state fatte a pezzi stasera.

Arnold Celly era una delle persone che aspettavano davanti alla farmacia del centro sanitario della coffa. Il 29enne Timoner partirà domani per Germania e Italia per dieci giorni. In quest’ultimo paese, i visitatori dovrebbero essere in grado di presentare un certificato di prova di non più di 48 ore. “Andremo in Italia in qualsiasi momento”, dice Celly. “Semplicemente ci è venuto in mente allora. Se è difficile andare, torneremo in Germania. ”

L’ultimo momento

Mentre John Franken aspetta il suo turno, dice: “Non è molto rilassato”. Il 51enne Amsterdammer volerà a Curacao domenica per una vacanza di quattordici giorni. “Abbiamo prenotato all’ultimo minuto. Sono stato su Internet tutta la settimana a guardare tutti gli sviluppi nel mondo e ho dovuto organizzare tutto. Il volo per Curaao era conveniente, abbiamo trovato un buon airbnb. ”

Thibor Varga partirà domani mattina presto da Amsterdam per il nord Italia con tutta la sua famiglia. “Speriamo di rimanere lì per dieci giorni”, dice. Testare tutti i membri della famiglia era ancora un mistero. “Mia moglie ha fatto il test con due bambini all’Hilversum la scorsa notte. Mio figlio Tijs ed io siamo riusciti ad arrivare qui oggi. C’era abbastanza abilità, e principalmente aveva a che fare con il nostro programma. Tutti erano occupati. ”

Visita familiare

Dirk, 43 anni, di Amsterdam, tra due giorni guiderà con la sua famiglia in un campo nel sud della Francia. Sperano di rimanere lì per tre settimane. Possono succedere molte cose in tre settimane, date le epidemie in rapido aumento nei Paesi Bassi. È probabile che gli olandesi all’estero debbano affrontare misure dure nelle prossime settimane, ma Dirk dice che non vuole ancora preoccuparsi di questo. “Speriamo che vada bene.”

Miriam van Norrell-Ars partirà per la Spagna con i suoi genitori questo fine settimana per le vacanze e le visite di famiglia. In auto, nonostante gli avvertimenti per il traffico intenso sulla strada. “Partiremo alle dieci. Il piano è di guidarlo tutto in una volta. Miriam ora ha il suo esame, sua madre è già lì e suo padre è in ritardo. “È così noioso.”

In coda al centro sanitario: Jake e Julia, una giovane coppia di Boston. Hanno incontrato la famiglia ad Amsterdam per più di una settimana. Per un motivo molto speciale, dice Julia. “Mio fratello vive qui. È diventato padre un anno e mezzo fa. A causa delle attività della corona, questa è la mia prima possibilità di vedere mia nuora. Finora era possibile solo zoomare. ”

La coppia si imbarcherà sul volo di ritorno domenica, richiedendo la certificazione. Jake dice che ti verrà chiesto quando arrivi negli Stati Uniti, non solo per viaggiare. “Dobbiamo tenere le nostre mascherine sull’aereo per tutto il volo. È un po’ imbarazzante, ma si può fare” Com’è la situazione a Boston? “Non molto diverso da qui. Saremo sempre qualche settimana avanti a te.”

READ  "La panchina del Parsia potrebbe ancora avere voglia di tornare in Italia"

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24