La vicina gigante rossa sembra aver espulso gran parte della sua superficie

Si scopre che l’ormai famosa stella Betelgeuse ha prodotto un’espulsione di massa senza precedenti nel 2019. Tuttavia, questo spasmo gigantesco non significa che la stella stia per esplodere.

Ricordi l’incidente Betelgeuse? Questa gigante rossa, una delle stelle più luminose del cielo notturno, Era nelle notizie nel 2019. Questo perché la stella di colore rosso di solito brilla molto brillantemente. Tuttavia, la sua luminosità si è improvvisamente indebolita molto rapidamente nell’ottobre del 2019. I ricercatori ora credono di sapere cosa è successo in quel momento: la famosa stella ha soffiato nello spazio una porzione senza precedenti della sua superficie.

cosa sta succedendo?
La stella Betelgeuse si trova a circa 600 anni luce dalla Terra. Tuttavia, la stella è facile da vedere nelle sere limpide. È molto feroce. Inoltre, Betelgeuse si distingue nettamente dalle altre stelle per il colore rosso che possiede. Nel 2019, la stella ha perso credibilità perché la sua luminosità è diminuita rapidamente. Sebbene le giganti rosse mostrino regolarmente variazioni di luminosità, la sorprendente diminuzione della luminosità di Betelgeuse è stata una sorpresa per gli astronomi. Entro il 7 dicembre, la luminosità era scesa a una magnitudine di +1,12. E a metà febbraio, Betelgeuse aveva solo il 36% della sua luminosità normale. Una diminuzione significativa può essere vista anche ad occhio nudo. Betelgeuse non ha sperimentato una luminosità così limitata negli oltre 25 anni in cui gli astronomi hanno osservato la stella. Anche questo fenomeno è magnificamente catturato Ottieni immagini uniche dal telescopio molto grande.

Non è raro che le stelle buttino via pezzi della superficie. Il nostro Sole sta anche spingendo via frammenti del suo sottile guscio esterno: la corona. Queste eruzioni sono anche conosciute come espulsioni di massa coronale. Ma Betelgeuse era molto calda. Si scopre che la gigante rossa espelle circa 400 miliardi (!) di volte la massa di una normale espulsione di massa coronale.

READ  Cos'è la malattia del tampone e come prevenirla? | Storie dietro le notizie

sorpreso
I ricercatori hanno fatto la scoperta dopo aver esaminato i dati del telescopio Hubble, tra le altre cose. È una squadra straordinaria. “Non abbiamo mai sperimentato un’espulsione di massa così massiccia dalla superficie di una stella”, ha affermato il ricercatore Andrea Dupre. “Sta succedendo qualcosa che non capiamo ancora del tutto. È un fenomeno completamente nuovo”.

Gloria
L’eruzione del Titano Oberst del 2019 potrebbe essere stata causata da un enorme pennacchio che si alzava dalle profondità della stella. Il pennacchio ha causato shock e pulsazioni, facendo sì che la stella espellesse gran parte della fotosfera (la parte esterna luminosa della stella). Questo pezzo è uscito nello spazio, si è raffreddato, quindi ha formato un’enorme nuvola di polvere che ha oscurato la luce della stella vista dagli osservatori dalla Terra.

Questa illustrazione mostra i cambiamenti nella luminosità della gigante rossa Betelgeuse, dopo che la massa gigante è stata espulsa da gran parte della sua superficie visibile. L’infiltrazione si è raffreddata in una nuvola di polvere che ha fatto svenire temporaneamente la stella vista dalla Terra. Immagine: NASA, ESA ed Elizabeth Wheatley (STScI)

Le nuove osservazioni forniscono indizi su come le giganti rosse hanno perso massa in tarda età, prima di esplodere in una supernova. L’ammontare della perdita di massa ha un enorme impatto su questa fine fatale. Perché in effetti Betelgeuse non durò a lungo. Questo perché consuma rapidamente il suo carburante. Senza questo combustibile – o fonte di energia – la stella non può più competere con la gravità e una parte della sua massa scorre verso il nucleo. Questo nucleo diventa sempre più pesante e alla fine è destinato a crollare. Il risultato è una massiccia esplosione: una supernova.

READ  Politici, smettetela di raccogliere bandiere

Lunatico
Tuttavia, i ricercatori sottolineano che il comportamento strano e sorprendente di Betelgeuse non è la prova che la stella esploderà presto. In altre parole, l’espulsione di massa coronarica non preannuncia necessariamente la sua fine imminente. In effetti, la stella sembra che si stia lentamente riprendendo. Le immagini di nuova creazione delle giganti rosse giganti indicano che gli strati esterni di Betelgeuse sono stati ragionevolmente restaurati. Tuttavia, la stella è volubile. “Betelgeuse continua a fare cose insolite in questo momento”, afferma Dupree. “Le sue parti interne rimbalzano un po’.”

storia coerente
Ora che i ricercatori hanno messo insieme tutti i pezzi del puzzle del comportamento irregolare della stella prima, dopo e durante l’esplosione, emerge una storia coerente di uno spasmo gigantesco senza precedenti di una stella morente. I ricercatori intendono continuare a monitorare da vicino gli effetti dell’eruzione vulcanica. Potrebbe anche alimentare il James Webb Telescope, che può utilizzare una telecamera a infrarossi per studiare il materiale espulso mentre si allontana dalla stella.

È interessante notare che la regolare pulsazione di 400 giorni della stella è stata interrotta dall’espulsione di massa coronale. Quasi 200 anni fa, gli astronomi misurarono questo ritmo, ma ora quel ciclo costante sembra essere scomparso, almeno temporaneamente. Ciò significa che lo scoppio di Betelgeuse non è certo passato inosservato. Vedremo cosa riserva il futuro.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24