La “Zona Proibita” è stata rimappata su Chernobyl

35 anni dopo il disastro nucleare di Chernobyl, specialisti provenienti da Ucraina e Germania stanno rimappando la radioattività nella “zona di esclusione”. Una misurazione completa come questa è stata eseguita l’ultima volta negli anni ’80.

L’area della zona di esclusione intorno alla centrale nucleare è di oltre 2.500 chilometri quadrati. Gli esperti misurano le radiazioni da un’altezza di 100 metri utilizzando due elicotteri e due droni. Non possono avvicinarsi, perché il livello di radiazione è direttamente sopra Il sarcofago che racchiude il reattore nucleare, è ancora pericolosamente alto.

I lavori proseguiranno fino a venerdì. I risultati saranno presentati in una conferenza nell’aprile 2022.

Ancora inabitabile

Il reattore nucleare di Chernobyl è esploso nell’aprile 1986 a seguito di un’esplosione test sbagliato: gli errori hanno causato una reazione eccessiva. È scoppiato un incendio, dopo di che una nube radioattiva ha colpito vaste aree delle repubbliche sovietiche di Ucraina, Russia e Bielorussia. Decine di migliaia di residenti della vicina città di Pripyat sono stati evacuati e l’area intorno alle rovine radioattive è stata sigillata.

L’area è ancora ufficialmente inabitabile, ma l’Ucraina vuole utilizzare l’area in modo più economico. Ecco com’è alla portata dei turisti Vorrebbero che il paese vedesse la regione elencata in Lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO.

READ  Centri di vaccinazione in Francia e lapidi imbrattate di slogan nazisti, senape ed escrementi | all'estero

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24