L’accordo sul clima di Glasgow: niente, ma non abbastanza

Chiunque legga l’accordo che questo sabato, più di 24 ore dopo la fine ufficiale, su Vertice sul clima a Glasgow Ci si potrebbe facilmente chiedere: avrebbero dovuto organizzare tutte quelle sessioni di riunioni notturne, parlando per un giorno più lungo e costringendo centinaia di diplomatici a riprenotare i loro voli di ritorno?

un accordo Dieci fogli A4 contenenti 97 paragrafi Pieno di consigli, avvertimenti, richieste, richiami e una cravatta sulla schiena si può riassumere in una frase: facciamo insieme ciò che abbiamo concordato a Parigi nel 2015 e assicuriamo così che il riscaldamento globale medio rimanga al di sotto dei due gradi, e se possibile essere in una certa misura cosa meno di un grado e mezzo.

I critici lo disprezzavano. E hanno ragione. Perché gli scienziati dell’azione per il clima, che hanno monitorato il valore degli impegni dei paesi da Parigi, sono arrivati ​​questa settimana dopo aver calcolato rapidamente un aumento della temperatura di circa 2,4 gradi Celsius. Più che sufficienti per prevenire il più possibile pericolosi cambiamenti climatici. Questo è ciò che dice l’accordo: i paesi si rendono conto di utilizzare il 45 percento in meno di anidride carbonica2 emissioni entro il 2030 (rispetto al 2010), ma i piani attuali portano a un aumento delle emissioni del 13,7 per cento.

Gli ottimisti vedono principalmente i progressi. Nell’ultima sessione plenaria, l’inviato per il clima di Tuvalu Seif Baeno ha parlato di un “forte messaggio di speranza, promessa e ambizione”. Se più paesi sostengono i loro obiettivi a lungo termine con politiche serie, l’aumento della temperatura potrebbe essere limitato a 1,8 gradi, secondo il Climate Action Tracker. Questo è quasi “ben al di sotto dei due gradi”. Inoltre, la dichiarazione di chiusura nel capitolo su “Scienza e urgenza” indica chiaramente Budget di carbonio che si sta esaurendo rapidamente Che l’umanità è ancora a sua disposizione. La dichiarazione ha anche invitato i paesi a mettere in atto nuovi e migliori piani nazionali per il clima entro la fine del prossimo anno, cosa che dovrebbe avvenire formalmente solo tra cinque anni.

Quindi dipende da come vuoi che appaia. Questo vale per la maggior parte degli argomenti discussi a Glasgow nelle ultime settimane, ma soprattutto per il carbone.

carbone

Quello che all’inizio sembrava essere uno dei più grandi successi al vertice di Glasgow, alla fine si è rivelato nullo. Per la prima volta, l’accordo internazionale sul clima ha segnato esplicitamente la fine del carbone. Gli ottimisti erano felici che il passaggio fosse sopravvissuto nonostante gli sforzi frenetici delle nazioni amanti dei fossili per abbatterlo. Ma all’ultimo momento, si è scoperto che il testo finale sul “carbone” era stato modificato, senza che la maggior parte dei paesi nemmeno se ne rendesse conto. Improvvisamente non si trattava di “eliminare gradualmente” il carbone, ma di “eliminare gradualmente” – non di eliminare gradualmente, ma di ridurre l’uso dei combustibili fossili più inquinanti. Ciò sembra essere avvenuto sotto la pressione di Cina e India, che a quanto pare hanno minacciato dietro le quinte di non accettare l’intero accordo. Il presidente Alok Sharma, non ha potuto trattenere le lacrime quando ha chiesto scusa al pubblico in questo modo. Il termine diluito offre ai lavoratori a carbone l’opportunità di ignorare questo accordo.

READ  Gli olandesi sono bloccati in Sardegna dopo aver contratto il Corona virus

supporto finanziario

L’accordo contiene una condanna dei sussidi ai combustibili fossili. Questo è un passo avanti senza precedenti, se non altro perché identifica esplicitamente per la prima volta carbone, petrolio e gas come cambiamenti climatici. Secondo l’inviato americano per il clima John Kerry, negli ultimi cinque-sei anni sono stati destinati ai combustibili fossili 2.500 miliardi di dollari di sussidi. “Questo alimenta il problema che stiamo cercando di risolvere qui”.

Ma nel testo di chiusura si tratta solo di condannare le sovvenzioni “inefficaci”. Questa è una debolezza, perché in questo modo si crea spazio per i finanziatori per sovvenzionare i combustibili fossili. Tuttavia, i paesi alla fine dovranno inventare una buona storia se continueranno a sostenere determinate forme di energia fossile.

Soldi

L’inviato per il clima di Tuvalu, Seif Baeno, ha mostrato una foto dei suoi nipoti sabato durante i negoziati conclusivi per la conferenza sul clima a Glasgow.
Foto di Robert Perry/EPA

Come sempre nei picchi climatici, il denaro è stato l’ostacolo più grande. I paesi ricchi ammettono con “profondo rammarico” di non aver mantenuto la loro promessa di raccogliere 100 miliardi di dollari (oltre 87 miliardi di euro) all’anno dal 2020 per aiutare i paesi in via di sviluppo. I paesi ricchi ammettono anche di non dividere equamente il denaro disponibile tra adattamento ai cambiamenti climatici (su cui i paesi poveri insistono) e riduzione dei gas serra (su cui i paesi ricchi preferiscono spendere i loro soldi). Nell’accordo, i paesi ricchi si impegnano a migliorare, e così faranno ciò che hanno promesso.

più soldi

perdita e danno, perdite e danni, è stato il problema finanziario più difficile delle ultime ore a Glasgow. I vertici sul clima discutono del diritto dei paesi poveri a risarcire i danni climatici, causati quasi interamente dai paesi ricchi. I paesi ricchi sono più che felici di parlare, ma si rifiutano costantemente di attenersi ai numeri – nemmeno l’Unione europea, che è sempre pronta a fare concessioni di vasta portata. L’accordo contiene solo vaghe promesse. Nella prima bozza del testo si parlava ancora di un ‘gruppo di lavoro’ che dovrebbe dare sostanza a questo, nella dichiarazione conclusiva non era rimasto altro che il ‘Glasgow Dialogue’. Questo argomento verrà sicuramente fuori nei prossimi anni, poiché i paesi poveri si arrabbiano perché i paesi ricchi vedono le riparazioni come una forma di carità.

READ  La parola "matematica" deriva anche dall'avversione olandese per i prestiti linguistici

Regole del gioco

Venerdì sera, il commissario europeo Frans Timmermans ha parlato della disputa in corso su ‘Regolamento di Parigi, norme per l’attuazione dell’Accordo di Parigi, “una pietra nella scarpa”. A Glasgow, la pietra è stata finalmente rimossa. Il commercio di emissioni in particolare è stato un argomento delicato. Jose Cozensen, esperto del settore del Climate Neutral Group, è soddisfatto di quanto concordato. Il doppio conteggio viene evitato il più possibile e i paesi dovrebbero riportare esattamente ciò che stanno facendo. Secondo Cozijnsen, il fatto che milioni di cosiddetti crediti di un precedente trattato sul clima siano ancora accantonati non è un rischio enorme, perché la maggior parte dei paesi non li vuole comunque. “Dobbiamo creare un mercato delle emissioni che migliori, non minacci, le ambizioni”, ha affermato Timmermans. E questo, secondo Kosijnsen, ha avuto successo. I nuovi crediti dovrebbero essere più ambiziosi.

Altre corde

Gruppi di paesi, in varie configurazioni, sono venuti a Glasgow con dichiarazioni e accordi su tutti i tipi di argomenti secondari. Ad esempio, è stato raggiunto un accordo sulla lotta alla deforestazione, che secondo i critici è sospettosamente simile a precedenti accordi non rispettati sullo stesso argomento. La decisione di fermare la vendita di nuove auto a benzina dal 2040 non è stata firmata da paesi come Stati Uniti e Germania, né da grandi case automobilistiche come Volkswagen, BMW e Toyota (mentre hanno firmato General Motors, Mercedes-Benz e Volvo). c’era È necessaria molta pressione politica per rendere i Paesi Bassi E in seguito per convincere la Germania a firmare un accordo per fermare i sussidi ai combustibili fossili. Gli Stati Uniti non hanno firmato, nonostante Kerry avverta che questi tipi di sussidi stanno alimentando il problema climatico. Un accordo per ridurre le emissioni del potente gas serra metano potrebbe avere un impatto significativo nel breve termine. Ma gli Stati Uniti e l’Unione Europea, i promotori, sono ambigui sulle emissioni di metano in agricoltura. E un paese come la Russia, che ha elevate emissioni di metano, non partecipa.

READ  Il nuovo standard chiarisce se un prodotto contiene effettivamente "segni di tracciabilità" | cucinare e mangiare
L’inviato per il clima dell’Unione europea Frans Timmermans ha mostrato venerdì una foto di suo nipote mentre chiedeva l’adozione del testo finale.
Foto: Yves Hermann/Reuters

I negoziati di Glasgow hanno dimostrato ancora una volta quanto sia difficile trovare un accordo sulla politica climatica internazionale. Questo è stato risolto a Parigi separando la meta finale dalla strada che conduceva ad essa. Questo ha aiutato per un po’, ma alla fine, l’ampio divario tra ciò che è stato promesso collettivamente e ciò che è stato fornito dagli stati individualmente ha dovuto essere colmato.

Quasi tutti a Glasgow sentono il bisogno di risolvere questo enorme problema, le grandi parole dei leader di governo nella prima settimana sono state ben ponderate. Ma gli interessi nazionali, e spesso economici, sono così grandi che gli stati vogliono trasferire la responsabilità della soluzione ad altri il più possibile o nel futuro.

Secondo il negoziatore del clima dell’UE Frans Timmermans, una temperatura massima di 1,5 gradi è “legata alla prevenzione di una terra inabitabile”. Ha parlato di “una crisi esistenziale, per molti, non nel futuro, ma oggi”. Ha aggiunto che se questo è vero, non solo possiamo dirlo, ma dovremo agire di conseguenza.

Lo pensa anche il portavoce delle Maldive, Uno dei piccoli stati insulari dove le conseguenze del cambiamento climatico sono già gravemente colpite. “Per due settimane mi sono seduto ai tavoli delle trattative qui a Glasgow, ascoltando discussioni su parole, virgole e punti”. Ha detto che era ora di trattare finalmente il cambiamento climatico come un’emergenza.

ho letto qui Rapporto sui cambiamenti climatici in India

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24