L’acne è sostituita dal gioco delle bambole

Il nuovo romanzo per giovani di Rindert Krumhout, Burattinaio a Lampedusa, ambientato a Roma nel 1948. Cinecittà tenta, e al Caffe della Pace Federico Fellini e Luchino Visconti parlano dei film neorealisti che vogliono fare. La coppia di libri Alberto Moravia ed Elsa Morante si siedono al tavolo accanto. In questa storia sono seduti a un tavolo in più. La storia ruota attorno al diciottenne Mathieu che vuole fare l’attore, è amico di loro, ma soprattutto di David. Vive con lui una stretta amicizia che gli fa dubitare della sua sessualità. “David era David, lo amava, anche se l’amore non era fisico. O è lui? Oh Cristo, che complessità.”

La storia dell’affetto emergente e del fare l’amore tra Matteo e Davide è commovente. Krumhout sa come catturare il desiderio e il dubbio che spesso accompagnano l’acne. “Hanno lottato, nuotato, hanno colpito le onde, si sono presi, si sono lasciati andare e sono corsi a riva”. E sebbene questo viaggio di scoperta avvenga sotto il mantello dell’invisibilità dovuto al tempo e alla Terra, sembra del tutto naturale e aperto. È un peccato che la relazione non sia stata ulteriormente esplorata. Sembra che Krumhout pensi che la sua ricerca dell’Italia sia più importante della storia.

Cinema e letteratura italiana

Chi conosce un po’ gli italiani sa che amano parlare di arte e cultura, ma dentro Burattinaio a Lampedusa A volte le lunghe conversazioni sul cinema e sulla letteratura italiana sembrano più di una volta forzate. Sembra che vogliano principalmente fornire informazioni di base sull’opera e la vita degli artisti e sul neorealismo italiano. Peccato, perché la storia di Matteo e Davide vale.

Matteo scopre gradualmente che non vuole fare l’attore ma vuole fare qualcosa per i bambini di strada di Roma. Vuole realizzare un teatro di marionette per orfani e semiorfani che chiedono l’elemosina per la loro esistenza dopo che la guerra li ha lasciati orfani. Nonostante una serie di belle scene, Krumhout non è riuscito a fare di Roma l’ambientazione naturale del romanzo. Questo è fondamentalmente perché tutto completamento Deve essere italiano. Mathieu non si è ancora alzato dal letto quando ha già fame di un piatto di pasta di sua madre. Quando Matteo va a fare un giro in moto con un amico, quest’ultimo gli chiede di fingere di vedere Roma per la prima volta. Questo sembra un trucco per mostrare al lettore le migliori attrazioni. Quando sua nipote Kiara riempie le scatole nel negozio di suo nonno, lo fa con barattoli di acciughe. Allora sarai impegnato. Ha tempo per questo, perché sua madre non vuole uscire con lei per ragioni misteriose. Perché non è del tutto chiaro. La storia si conclude bruscamente con la realizzazione del sogno di Mathieu: uno spettacolo di marionette e la partenza di David per Bologna.

READ  Sigrid Cage risponde alle critiche dopo aver rifiutato la prima offerta di foto e interviste

figli immigrati

Quello che segue è un epilogo in cui Matteo è molto anziano e viene intervistato a Lampedusa per un libro. È qui che tutte le trame ancora aperte sono limitate. Matthew non ha più rivisto David, e si scopre che Chiara era la figlia di un soldato tedesco, sua madre non ha nemmeno osato camminare con lei per strada per la vergogna, e ora Matthew fa spettacoli di burattini ai bambini immigrati dai campi profughi di un’età avanzata. È una strana costruzione che taglia brutalmente e si conclude con una storia suggestiva e avvincente.

Quello che ti resta dopo averlo letto è quel meraviglioso amore in un’Italia un po’ romantica del dopoguerra. Famiglia impegnata, litigi nei caffè di giovani che si chiedono ad alta voce se sono una generazione perduta. Follia e intransigenza del popolo sullo sfondo della ricostruzione. Scene che, senza la salsa densa della ricerca e che contengono un po’ meno cliché, possono essere definite un nuovo realismo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24