TGcomnews24

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

L’acqua di disgelo dell’Himalaya fornisce da bere a milioni di persone

Walter Emerzel potrebbe essere stato seduto in una sala conferenze nuda alla School of Geosciences di Utrecht lunedì mattina, ma la sua testa era in alto sulle montagne. Il professore di idrologia di montagna è deluso di non essere stato in Himalaya da novembre 2019 a causa di Corona. “Le batterie devono essere sostituite nelle stazioni meteorologiche, nella manutenzione delle apparecchiature e vogliamo scaricare i dati”.

Dal 2012 visita due volte all’anno le montagne di Langtang in Nepal, al confine con il Tibet. Grazie al lavoro di Immerzeel e colleghi, questa è la parte più misurata dell’Himalaya in meteorologia. I residenti di Utrecht utilizzano stazioni meteorologiche e droni per monitorare precipitazioni, nevicate, temperatura, umidità e venti. I loro sensori sono senza precedenti in alta montagna e sono appositamente progettati per funzionare in condizioni di freddo estremo o tempeste di neve.

“Sì, è stato un lavoro meraviglioso portare lì quell’attrezzatura.” Un entusiasta alpinista Emerzel ha guidato molte spedizioni di ricerca, avventurose e talvolta pericolose, soprattutto a causa della costante minaccia del mal di montagna. Per arrivarci, lui e il suo team devono prima guidare un giorno da Kathmandu, la capitale del Nepal. Poi una passeggiata di tre giorni nella valle – dormendo in tenda la notte – prima di raggiungere il primo ghiacciaio.

Testo molto strutturato

La sua prima stazione meteorologica era nel villaggio di Qianjing, a un’altitudine di 4000 metri. Successivamente, le installazioni continueranno fino a 6000 metri. Anche le cinghie sono allacciate. Emsel dice che gli oggetti vengono tirati da facchini professionisti. Il team ha saltato occasionalmente più di sessanta di quelle società. “Sono davvero degli eroi.”

Quindi installate una stazione meteorologica con un cacciavite ad un’altitudine di 5600 metri? “Sì, è dura. Il tuo cervello non funziona in quest’aria sottile come al livello del mare. Sei stanco, fa freddo. E non devi dimenticarti di questo cacciavite. Abbiamo sempre un copione molto serrato. ”

Di nuovo in quella piccola sala conferenze a Utrecht, dove Emerzel parla delle sue ricerche sul campo in Himalaya, ma anche dell’altro importante studio che ha fatto. Negli ultimi anni ha determinato quanto siano importanti per il mondo le alte catene montuose. Chiama queste alte montagne “torri d’acqua”. Il termine si è diffuso all’istante presso il grande pubblico. Le montagne sono come torri d’acqua perché immagazzinano grandi quantità di acqua dolce sotto forma di neve e ghiaccio.

L’acqua sciolta e la pioggia delle regioni montuose finiscono nei fiumi, un’ancora di salvezza per i residenti sottostanti. Inoltre, i fiumi di montagna vengono utilizzati per generare energia dall’energia idroelettrica. Secondo Emerzel, fino a 1,9 miliardi di persone nel mondo dipendono dall’acqua che proviene dalle regioni di montagna. Insieme ai suoi colleghi, ha catalogato le 78 torri d’acqua più importanti del mondo e le ha classificate in base alla loro vulnerabilità. I rischi di questo enorme approvvigionamento di acqua dolce non sono solo il cambiamento climatico, ma anche la crescente domanda di acqua e l’uso imprudente delle risorse idriche.

Il terzo polo

Emerzel afferma che le alte montagne stanno giocando un ruolo maggiore nel cambiamento climatico di quanto molti pensano. Quando si parla di ghiaccio in un dibattito sul clima, tutti pensano alle calotte glaciali della Groenlandia, dell’Islanda e dell’Antartide. Ma al di fuori della Groenlandia e dell’Islanda, i più grandi depositi di ghiaccio e neve sulla terraferma si trovano nelle alte montagne del mondo, specialmente in quelle asiatiche. “Questo è il motivo per cui l’Himalaya è talvolta chiamato il Terzo Polo”.

È noto che le catene montuose si riscaldano più velocemente di altre aree della Terra. Di solito, la neve in montagna riflette una quantità relativamente grande di luce solare. Ma a causa del riscaldamento, della neve e del ghiaccio si sciolgono prima, la luce solare viene riflessa meno e le zone montuose si riscaldano più velocemente. Anche il mutevole equilibrio dell’umidità nell’atmosfera e la formazione di nuvole giocano un ruolo in questo rapido riscaldamento.

Ogni sei mesi, la squadra di Utrecht entra nella valle di Langtang e lì i ghiacciai ispezionano un altro metro di ghiaccio. Ma Immerzeel non vuole concentrarsi solo su quei ghiacciai, come fanno i glaciologi. Il suo marchio di fabbrica è che vuole comprendere l’intero ciclo di neve, ghiaccio e acqua in alta montagna. A causa di questa ampia prospettiva, è stato recentemente insignito dell’Ammodo Science Prize, un premio di € 300.000 per la ricerca scientifica di base.

Prima che Imerzel iniziasse il suo lavoro sull’Himalaya, non venivano effettuate quasi misurazioni meteorologiche su montagne alte oltre 4.000 metri. Non si sapeva quanto cadesse, nevicasse e soffiò lì. Non sorprende, se sai quanto sia difficile effettuare misurazioni lì. Ma la mancanza di conoscenza è diventata dolorosamente evidente quando nel 2009 sono scoppiate grandi rivolte dopo un rapporto dell’IPCC. Ha affermato che entro il 2035 tutti i ghiacciai himalayani scompariranno, in modo che l’acqua non scorra più attraverso i fiumi asiatici.

Non era vero, dice Emserel. Nessuna ricerca è stata mai condotta nell’area e questa affermazione proveniva da una fonte misteriosa. Ciò ha causato un enorme trambusto. “Il punto è che è probabile che più acqua scenda dalle montagne nel prossimo futuro, dice. Il riscaldamento porta ad un’accelerazione del ciclo idrologico, che porta ad un aumento delle precipitazioni, soprattutto in montagna. Allo stesso tempo, si sta sciogliendo. Quei ghiacciai, provocando la fuoriuscita di più acqua di disgelo. “Quindi il rubinetto è ancora aperto per un po ‘di tempo.” Secondo Emerzel, la disponibilità di acqua non è la più grande preoccupazione in Himalaya al momento.

Valanghe

Inoltre, non tutte le regioni e i paesi saranno colpiti allo stesso modo da un futuro scioglimento della neve ridotto, afferma Emerzel. Le piogge monsoniche del Nepal cadono tra giugno e settembre che riempiono i fiumi. Ma a ovest, vicino al Pakistan, l’acqua di disgelo è davvero importante. “Abbiamo bisogno di una migliore comprensione di dove il ritiro dei ghiacciai è diventato un problema”.

A breve termine, Emerzel preoccupa le condizioni meteorologiche estreme, come piogge torrenziali, tempeste di neve e valanghe. Lo scorso febbraio si è verificato un altro disastro nello stato indiano dell’Uttarakhand, a causa del crollo di un pezzo di ghiacciaio. A circa 15 chilometri dalla centrale, un pezzo di roccia è caduto, provocando un maremoto che ha distrutto la stazione e sommerso la terra. Decine di persone sono state uccise.

Questi tipi di disastri, che si verificheranno più spesso in futuro, sono causati da pareti rocciose che sono diventate instabili a causa del riscaldamento e del ritiro dei ghiacciai e delle precipitazioni alterate e dei modelli di neve, afferma Emsel. Ma al momento non possiamo prevedere correttamente questi cambiamenti. Per prima cosa dobbiamo sapere come far funzionare appieno questo bilancio idrico “.

Con la sua ricerca sul campo in Himalaya, Immerzeel spera di contribuire a quella conoscenza del clima in alta montagna. Nel 2013 è stato il primo a misurare la quantità di neve e pioggia a un’altitudine di 5.000 metri. Seguirono altri studi, ad esempio sul contributo dell’acqua di disgelo nei fiumi. Il team a un certo punto è stato frustrato per non essere in grado di regolare correttamente il bilancio idrico. “Qualunque cosa esca da un’area deve in qualche modo entrarvi, ma si scopre che non è così”.

Ad esempio, lui e il suo team hanno scoperto che la sublimazione in montagna gioca un ruolo molto più importante di quanto si pensasse in precedenza. La sublimazione è il processo mediante il quale il ghiaccio si trasforma istantaneamente in vapore acqueo. Ciò accade soprattutto quando i venti sono forti, c’è molta luce solare e l’umidità è bassa. Imerzel afferma che circa il 20-30% della quantità di neve che cade in montagna scompare direttamente nell’aria attraverso questo processo. Questa neve non finisce nei fiumi.

Ha anche fatto una scoperta sorprendente nei cosiddetti ghiacciai detritici, che sono ghiacciai ricoperti da uno spesso strato di detriti. E secondo l’opinione prevalente, si scioglierebbe a una velocità inferiore rispetto ai ghiacciai regolari, perché i detriti avevano un effetto isolante. Immerzeel ha pilotato i droni sui ghiacciai ogni sei mesi per mapparli e scoprire che quei ghiacciai detritici si stanno sciogliendo alla stessa velocità. “In alcuni punti di quel ghiacciaio ci sono correnti sotto il ghiaccio che provocano l’erosione. Formano laghetti e ghiacciai, e qui le cose iniziano a sciogliersi molto”.

Elabora tutte le misurazioni effettuate da Immerzeel in modelli che prevedono come si svilupperà l’equilibrio idrico in montagna e quanta acqua diminuirà nei prossimi decenni. Secondo questi modelli, un terzo degli iceberg in Asia sarà scomparso entro la fine di questo secolo, ipotizzando una temperatura di 1,5 gradi. Poiché è probabile che il riscaldamento acceleri, ciò potrebbe portare a una riduzione del 64%.

La più grande area di irrigazione del mondo

Man mano che questi ghiacciai diventano sempre più piccoli, il ghiaccio che si scioglie fa scorrere sempre più acqua glaciale. I modelli di Immerzeel indicano che intorno al 2060-2070 ci sarà un punto di svolta. Questo è quando il flusso dell’acqua di disgelo glaciale raggiunge il suo picco. Negli anni che seguirono, questo flusso iniziò lentamente ma inesorabilmente a diminuire.

Cosa possiamo fare per sciogliere i ghiacciai? “L’unica vera soluzione è ridurre le emissioni di gas serra su scala globale”, afferma Emsel. Ma vuole anche richiamare l’attenzione sull’interazione tra crescita economica e cambiamento climatico. Questo è precisamente il motivo per cui ha lavorato all’indicatore della torre dell’acqua, per dimostrare che l’approvvigionamento idrico dalle montagne e il loro utilizzo da parte delle persone a valle hanno un effetto così potente l’uno sull’altro.

“I ghiacciai stanno diminuendo, ma allo stesso tempo stiamo lavorando a tutti i tipi di sviluppi nelle regioni montuose. C’è una crescita incontrollata. Sempre più persone vengono a vivere intorno a queste aree montuose, vengono costruite strade, ponti, dighe e si stanno costruendo centrali elettriche. Tutto questo ha un effetto e rende l’ordine. Più vulnerabile. Basta guardare al disastro in India a febbraio “.

L’area più vulnerabile dell’indice è il sistema idrico dall’Himalaya al fiume Indo in Asia, che ospita circa 230 milioni di persone. “Questo è un punto caldo”, dice Emsel. Ci sono i ghiacciai più grandi, i maggiori impatti del cambiamento climatico e il fiume scorre attraverso una pianura arida, che è la più grande area di irrigazione del mondo. Questa regione sarà sottoposta a enormi pressioni e sarà necessaria molta attenzione per ottenere una crescita sostenibile “.

Emerzel afferma che anche le torri d’acqua nelle Ande, nelle Montagne Rocciose e nelle Alpi sono a rischio. “Nell’anno secco del 2018, le navi hanno avuto difficoltà a navigare sul Reno perché era così basso. L’unico punto di fusione delle Alpi scorre ancora attraverso il fiume. Ma anche i ghiacciai alpini si stanno sciogliendo, anche più velocemente di quanto si sciolgono nel Himalaya. “.

In definitiva, Emerzel spera che le regioni montuose, proprio come gli oceani e le foreste pluviali tropicali, entreranno nell’agenda politica poiché i sistemi sulla Terra svolgono un ruolo importante nel cambiamento climatico. È impegnato in questo. Ma il mondo non vuole andare in una direzione allarmante. “Non lo vedo come il mio lavoro.” Anche se sta facendo qualcosa per lui quando vede i ghiacciai in ritirata nella valle di Langtang.

Spera di poterci tornare in autunno. Ma in realtà non poteva aspettare così a lungo.

Leggi anche:

Le calotte glaciali si stanno sciogliendo sempre più velocemente. Come manteniamo i ghiacciai sul posto?

Le calotte glaciali della Groenlandia e dell’Antartide si stanno rapidamente ritirando. Alcuni studiosi sostengono che dobbiamo ancorarlo. Un collega olandese risponde a un’idea pericolosa.

READ  Diminuzione del numero di pazienti in terapia intensiva: ora solo 700, ...