L’acquisizione della banca più antica del mondo è fallita di nuovo

Sembra non esserci fine ai problemi del Monte dei Paschi di Siena, la banca più antica del mondo. Dopo tre mesi di trattative, il governo italiano e il management di UniCredit hanno annunciato domenica che la banca non avrebbe acquisito il Monte dei Paschi. Insieme alla sua concorrente Intesa Sanpaolo, UniCredit è un peso massimo nel mondo bancario italiano.

Il governo italiano è il principale azionista del Monte dei Paschi. Roma ha salvato la banca in difficoltà nel 2017 e oggi possiede una quota del 64% nella banca. Subito dopo questa nazionalizzazione, Roma iniziò effettivamente a cercare opzioni per ri-privatizzare la banca. Questo è imposto anche dalle norme europee. Il premier Mario Draghi dovrà ora convincere l’Ue a posticipare la scadenza, ormai prossima, di fine dicembre. L’Italia non è troppo preoccupata per questo.

Applausi al premier Draghi

Tuttavia, la ricerca di un’altra via d’uscita diventa più difficile. Il governo italiano ha sempre visto i maggiori benefici nella fusione del Monte dei Paschi con un player italiano più grande e sano, come UniCredit. Roma ora ha due opzioni: trovare un nuovo acquirente o lasciare che il Monte dei Paschi regga da solo.

Ieri non era ancora chiaro chi potesse essere questo nuovo candidato acquirente. Le banche BPM e Mediobanca sono indicate come concorrenti. Il giornale dice che un’acquisizione di una banca straniera sembra fuori questione Corriere della Sera, perché le conseguenze sociali di tale vendita sarebbero allora molto più difficili da gestire.

Leggi ancheLa crisi bancaria in Italia è ormai un rischio reale

L’acquisizione fallita è un duro colpo sia per il primo ministro italiano Draghi che per Andrea Orsel, il nuovo amministratore delegato di UniCredit da aprile. All’apertura della Borsa, non solo il titolo Monte dei Paschi è sceso del 9,5 per cento, ma anche il titolo UniCredit è sceso del 4 per cento.

READ  Una multa per l'azienda farmaceutica che ha alzato il prezzo del farmaco da 46 a 14.000 euro

Storia con Siena e la politica

La storia della Banca Monte dei Paschi si intreccia con Siena, l’Italia e la politica nazionale. La banca fu fondata nel 1472, molto prima che si parlasse dell’unità d’Italia. Da secoli la banca è generosa con l’economia locale. Attraverso la Fondazione Monte dei Paschi, la banca e la città di Siena crebbero gradualmente. “La banca faceva parte di un intero sistema istituzionale a Siena, che comprendeva anche le imprese locali, gli enti locali e l’università”, afferma il professore di storia economica Giandomenico Belloso, che da molti anni insegna nella città toscana. Da molti anni a Siena c’è il detto: o lavori in banca, o studi per lavorare lì, o la tua pensione è con il Monte dei Paschi.

Come può una banca in piedi da secoli diventare improvvisamente così gravata? Il Monte dei Paschi ha avuto problemi di prestito, ma Peloso attribuisce la perdita principalmente alla decisione fatale, alla fine del 2007, di acquistare l’italiana Antonveneta Bank (che era di proprietà di ABN Amro) da Santander. “Non solo il prezzo – 9 miliardi di euro – è stato molto alto, ma anche il modo in cui è stato effettuato l’acquisto è stato insolito e quindi problematico”, afferma il professore. Il Monte dei Paschi ha pagato l’intero importo in contanti.

La crisi bancaria internazionale, che seguì un anno dopo, gettò un lungo corso nel business. Il governo italiano ha preso molto sul serio i problemi della banca, diventando così il principale azionista, e ora deve cercare una via d’uscita da questa impasse.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24