L’Afghanistan sospende la ricerca dei sopravvissuti al terremoto Attualmente

L’Afghanistan non sta più cercando sopravvissuti al terremoto che mercoledì ha ucciso almeno 1.150 persone. Lo ha detto venerdì un alto funzionario del governo.

Secondo le autorità afgane, quasi 10.000 case sono state distrutte o gravemente danneggiate. Il terremoto, di magnitudo 6,1, è stato il più mortale dal 2002. Il suo epicentro era a 44 chilometri dalla città sudorientale di Khost.

Un portavoce del Ministero per la gestione dei disastri ha affermato che oltre 2.000 persone sono rimaste ferite. Secondo il portavoce, il Paese soffre per la carenza di medicinali e altri aiuti necessari.

I soccorritori della Mezzaluna Rossa, la filiale afgana della Croce Rossa Internazionale, stanno lavorando nell’area per aiutare le persone colpite dal terremoto.

Il governo indiano ha dichiarato venerdì che una squadra è stata inviata in Afghanistan per coordinare i soccorsi. Si dice che anche Pakistan, Iran e Qatar abbiano trasportato rifornimenti di soccorso.

Altri paesi, tra cui Norvegia e Germania, vogliono solo l’aiuto delle Nazioni Unite. In questo modo vogliono evitare che gli aiuti cadano nelle mani dei talebani piuttosto che nella zona colpita.


READ  Almeno 22 persone rimangono uccise in un'esplosione in un hotel di lusso all'Avana, fuori dal Paese

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24