L’Arabia Saudita, produttrice di petrolio, vuole essere climaticamente neutra entro il 2060, ma preferirebbe non farlo internamente

L’Arabia Saudita farà del suo meglio nel 20602-Sii imparziale. Allo stesso tempo, uno dei maggiori produttori mondiali di petrolio sta cercando di modificare a suo favore un rigido rapporto delle Nazioni Unite sui combustibili fossili.




La meravigliosa promessa di CO2– Il futuro neutrale è stato creato oggi dal principe ereditario Mohammed bin Salman. Il ministro dell’Energia Abdulaziz bin Salman ha fornito una spiegazione per questo. Ha detto che il suo paese mira a ridurre le emissioni di gas serra “zero” entro 40 anni. L’annuncio è arrivato all’inizio del primo forum Saudi Green Initiative. Si tratta di un incontro nella capitale Riyadh sulle questioni climatiche, una settimana prima dell’inizio della conferenza globale sul clima COP26 a Glasgow, in Scozia.

Bin Salman ha affermato che il suo paese sostiene un cosiddetto approccio di “economia circolare del carbonio”. Questo approccio si concentra principalmente sulle tecnologie di cattura e stoccaggio del carbonio – che sono ancora futuristiche – piuttosto che sugli sforzi per ridurre efficacemente la dipendenza globale dai combustibili fossili. Gli osservatori hanno affermato che la dichiarazione si applica solo a ciò che l’Arabia Saudita vuole mostrare all’interno dei suoi confini e non si applica ai maggiori investimenti del Regno nelle esportazioni di petrolio e combustibili fossili, in particolare in Asia e in altre regioni.

Glasgow


Citazione

La transizione verso emissioni nette di carbonio zero sarà realizzata in modo da preservare il ruolo guida del Regno nel migliorare la sicurezza e la stabilità dei mercati energetici globali.

Dichiarazione del Forum Saudi Green Initiative

Una dichiarazione rilasciata dal Saudi Green Initiative Forum ha affermato che “la transizione verso emissioni nette di carbonio zero sarà raggiunta in modo da preservare il ruolo guida del Regno nel migliorare la sicurezza e la stabilità dei mercati energetici globali”. Per abbracciare l’onda verde, l’Arabia Saudita vuole generare energia rinnovabile e piantare alberi, tra le altre cose.

Scienziati del clima preoccupati sperano che il vertice globale COP26, che inizierà a Glasgow il 31 ottobre, convincerà i capi di stato di tutto il mondo ad affrontare il riscaldamento globale e le sfide che pone. Alcuni parlano di “l’ultima migliore possibilità del mondo” per evitare che il riscaldamento globale raggiunga livelli pericolosi. Quindi il vertice scozzese dovrebbe innescare un’ondata di nuovi impegni da parte di governi e aziende per ridurre le emissioni di gas serra. La domanda è qual è il valore di tutte queste promesse. L’Arabia Saudita presume nel proprio interesse che il mondo avrà bisogno di petrolio per i decenni a venire. Impegno a ridurre la CO2 entro il 20602Secondo gli esperti, essere neutrali è sostanzialmente un gesto verso il mondo occidentale.

diluizione del rapporto

Dietro le quinte, l’Arabia Saudita continua a cercare di rallentare cose come l’eliminazione graduale degli investimenti nei combustibili fossili durante i negoziati sugli accordi sul clima. I documenti trapelati rivelati per la prima volta dalla BBC giovedì hanno mostrato come l’Arabia Saudita, in particolare, così come altri paesi, tra cui Australia, Brasile e Giappone, stiano facendo del loro meglio per preparare un rapporto scientifico per il Comitato per il clima (IPCC) sulle Nazioni Unite. in modo significativo. . Mitigare il riscaldamento globale. Un consigliere del ministero del Petrolio saudita ha chiesto l’abrogazione di disposizioni che richiedono un’azione rapida sui cambiamenti climatici. L’Australia sta anche facendo tutto il possibile per evitare che le centrali elettriche a carbone debbano chiudere.

All’inizio di questo mese, gli Emirati Arabi Uniti – un altro importante produttore di energia nel Golfo degli Emirati Arabi Uniti – hanno annunciato che si uniranno anche al club dei paesi “net zero” con l’obiettivo di raggiungere le emissioni nette zero entro il 2050. Gli Emirati Arabi Uniti non hanno rilasciato dettagli su Come raggiungere questo obiettivo, ma ha affermato che il Ministero dei cambiamenti climatici e dell’ambiente lavorerà con i settori dell’energia, dell’economia, dell’industria, delle infrastrutture, dei trasporti, dei rifiuti, dell’agricoltura e altri sulle strategie e le politiche dello stato. Il governo degli Emirati Arabi Uniti raggiungerà lo zero netto entro il 2050.

Guarda i video delle notizie nella playlist qui sotto:

READ  Bikini o topless a Blankenberge? possibilità di imporre una grossa multa | all'estero

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24