L’area più popolata del mondo è la principale fonte di emissioni di anidride carbonica

La maggior parte dei gas serra e degli inquinanti atmosferici vengono rilasciati su una piccola porzione della superficie terrestre. Le emissioni sono concentrate in un numero limitato di aree urbane. Due squadre diverse l’hanno pianificato in Frontiere nelle città sostenibili Indietro studio cinese e a Lettere di ricerca ambientale pubblicato studi italiano francese.

I centri urbani erano responsabili di circa un terzo delle emissioni di anidride carbonica entro il 2015.2 Più di un quarto degli inquinanti atmosferici come il particolato e l’ossido di azotoXAppaiono gli europei. Questi centri – ad esempio Londra, Seoul e Nuova Delhi – coprono circa il 18 per cento della superficie terrestre (escluso il mare). Questo è circa quattro volte più grande della Francia. Aggiungendo le aree rurali, il 35% della superficie terrestre, queste aree urbane erano responsabili della metà delle emissioni nel 2015.

Gratuito durante la masterizzazione

I cinesi mostrano anche che una piccola parte delle città emette una grande porzione di gas serra. Hanno guardato 167, che è un riflesso di tutte le città del mondo. Le prime 25 città con più anidride carbonica نسبة2 Sulla base dei dati degli anni tra il 2006 e il 2016, è stata responsabile della metà delle emissioni di tutte le città intervistate insieme.

I gas serra e gli inquinanti vengono rilasciati principalmente nelle città attraverso la combustione, ad esempio durante la produzione di energia o i motori per il traffico. L’ammoniaca è un’eccezione. Queste emissioni si verificano principalmente nelle aree rurali, nelle aziende agricole.

a partire dal piani climatici Proposta mercoledì dalla Commissione Europea per dimezzare le emissioni europee entro il 2030, contiene anche principalmente misure relative al traffico e all’energia. Il gas naturale e il riscaldamento dovrebbero diventare più costosi per le imprese e i consumatori a causa della CO2diritti. La quota di energia rinnovabile dovrebbe aumentare in modo significativo.

L’inquinamento provoca i danni maggiori in milioni di città

I ricercatori spesso esaminano le emissioni per ogni paese, afferma Jos Wilders, professore di qualità dell’aria e interazione climatica (Università di Utrecht) e ricercatore presso RIVM. Ma i ricercatori europei hanno preso come punto di partenza il numero di persone in un’area. Wilders ritiene che questo lo renda uno “studio interessante” perché consente un approccio più mirato ai danni ambientali causati dai gas serra e dall’inquinamento atmosferico da particolato. “Inoltre, l’inquinamento atmosferico causa i danni maggiori in quei milioni di città”, afferma Wilders. Perché è qui che molte persone respirano aria inquinata. Wilders descrive i risultati degli studi come “non troppo sorprendenti”, perché “la maggior parte delle attività umane si svolge anche nelle città”.

Le emissioni globali di anidride carbonica sono in aumento2 Tuttavia, anche se l’aumento si sta stabilizzando. Nei paesi poveri e nei paesi con economie emergenti, come l’Asia, le emissioni pro capite nelle principali città sono aumentate tra il 1970 e il 2015 (negli ultimi anni, il set di dati sulle emissioni calcolate non era completo al momento dello studio). Nelle grandi città dei paesi più ricchi, come Europa e Nord America, le emissioni sono diminuite nello stesso periodo, hanno dimostrato gli europei. I cinesi hanno visto la stessa cosa, guardando 42 città da cui erano disponibili dati per almeno due anni consecutivi nel set di dati utilizzato tra il 2005 e il 2016.

I paesi ricchi sono riusciti ad adottare misure per ridurre l’inquinamento e le emissioni di anidride carbonica2 Disconnessione dall’urbanizzazione e dalla crescita economica, hanno concluso gli europei. Modi più puliti per generare energia riducono le emissioni di gas serra. I filtri automatici e di fabbrica fermano un po’ di inquinamento. “Negli anni ’90, la concentrazione di inquinanti nell’aria nei Paesi Bassi era il doppio di quella attuale”, afferma Wilders. Lo studio franco-italiano mostra che la popolazione delle megalopoli nei paesi ricchi è aumentata tra il 1970 e il 2015, ma le emissioni pro capite sono diminuite.

Ma, secondo la visione cinese, le città dei paesi sviluppati attualmente producono in media più emissioni di CO2 pro capite2 Un Paese ancora in via di sviluppo. Ad esempio, San Diego (America) e Melbourne (Australia), ma anche Rotterdam, sono in cima alla lista delle emissioni pro capite dei ricercatori. Ciò è in linea con altri studi, afferma Wilders. La Cina ha le più alte emissioni di anidride carbonica dal 2013.2emissioni di qualsiasi paese, ma gli Stati Uniti hanno uno dei tassi pro capite più alti”. Gli autori cinesi notano anche che i paesi occidentali hanno parzialmente spostato la loro industria nelle regioni in via di sviluppo, in particolare Asia e America Latina.

Le grandi città dei paesi ricchi e poveri sono corresponsabili di una grande porzione di anidride carbonica2emissioni. A dicembre, gli esseri umani emettono di nuovo più anidride carbonica2 rispetto al 2019. Pertanto, gli obiettivi climatici “dovrebbero essere più ambiziosi per tutte le principali città”, ha affermato Shaoqing Chen, uno degli autori dello studio cinese, nelle e-mail.

READ  incidente aereo in un edificio vicino a Milano; Muore ogni 8 a bordo

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24