L’Australia schiera i suoi soldati nelle Isole Salomone dopo aver appiccato incendi e rivolte

Rivolte e incendi sono scoppiati nelle Isole Salomone, un arcipelago nell’Oceano Pacifico. Il governo australiano ha inviato truppe per ristabilire l’ordine su richiesta dell’arcipelago.

I residenti dell’isola di Malaita hanno incendiato un edificio vicino al parlamento nella capitale Honiara, negozi e una stazione di polizia. Manifestano contro il primo ministro Manasseh Sogavary perché si sentono privati ​​del suo governo. Accusano anche il governo di corruzione e sono scontenti delle aziende cinesi che daranno lavoro nel gruppo dell’isola a stranieri, piuttosto che a gente del posto.

La Cina a Taiwan

La decisione del primo ministro Sugavari del 2019 di interrompere i legami con Taiwan e riconoscere solo la Cina sembra svolgere un ruolo nel conflitto. Sugavari ha detto venerdì che l’interferenza straniera sulla sua decisione di rafforzare i legami con Pechino ha alimentato proteste antigovernative, incendi dolosi e saccheggi, secondo quanto riportato dall’Associated Press.

Pechino vede Taiwan come una provincia rinnegata e impone questa visione ai Paesi con cui ha relazioni. Quindici paesi riconoscono ancora Taiwan come uno stato con pieni diritti.

Soldati dall’Australia a Honiara su richiesta del governo delle Isole Salomone. È stato spedito in base a un accordo di sicurezza firmato dai due paesi nel 2017. “Non è intenzione del governo australiano interferire negli affari interni delle Isole Salomone. Questa è una questione che devono risolvere”, ha detto il primo ministro australiano Morrison.

READ  La Polonia invia brevi messaggi ai migranti alla frontiera: "Tornate a Minsk!" | All'estero

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24