TGcomnews24

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Le api si sono addestrate con successo a tirare fuori la lingua quando annusano il profumo del Coronavirus

Le api lo sentono bene: possono individuare il fiore a chilometri di distanza. A Lelystad, 150 api sono state indagate per vedere se potevano essere addestrate rapidamente a selezionare l’infezione da Coronavirus da test effettuati con un tampone di cotone.

Le api sono state addestrate dalla Wageningen Bioveterinary Research, parte dell’Università e della ricerca di Wageningen, e da InsectSense. Alla ricerca sulla possibilità di utilizzare le api per combattere il virus Corona ha contribuito anche un’università francese.

I ricercatori hanno affermato che “ogni volta che le api sono esposte all’odore di un campione infetto, ricevono la ricompensa di acqua e zucchero”. “Le api soffocano la lingua per prendere l’acqua zuccherata.”

Forse molto affidabile

Facendo questo più di una volta, le api associarono la ricompensa dello zucchero al profumo e iniziarono a rotolare la lingua solo per il profumo, senza la ricompensa. La lingua sporgente è vista da un biosensore.

Secondo i ricercatori, questo metodo è “potenzialmente molto affidabile” perché funziona da tre a cinque api per ogni diagnosi. Non possono ancora fornire percentuali di successo accurate.

I ricercatori affermano che le api possono ancora essere trovate in tutto il mondo e possono essere utilizzate più volte come rilevatore di corona. Quindi possono essere rilasciati. Secondo i ricercatori, è molto improbabile che le api portino particelle virali dopo il loro “ lavoro ”, ma questo è anche oggetto di ulteriori ricerche.

Leggi subito il risultato

Oltre alle api, è necessaria l’attrezzatura per l’addestramento delle api, per ospitare le api addestrate, ed è necessario un biosensore per registrare le crepe dalle lingue. Secondo i ricercatori, i test delle api saranno “molto più economici dei test e dei sistemi attuali già nella fase iniziale”, perché le macchine necessarie sono semplici ei risultati dei test possono essere letti immediatamente.

READ  Nessun test di reazione a catena della polimerasi senza rilevarlo: la morte del microbiologo Thomas Brock (94) | medico