Le balene più grandi mangiano molto più di quanto si pensasse, rafforzando il loro ruolo di ingegneri dell’ecosistema

Per quanto riguarda il ruolo delle balene nel riciclaggio dei nutrienti, i ricercatori hanno calcolato che prima delle perdite di balene, le popolazioni di balene producevano l’incredibile quantità di 12.000 tonnellate di ferro fecale ogni anno, 10 volte la quantità che le balene attualmente riciclano nell’Oceano Antartico.

Questi resoconti indicano che quando c’erano molte balene che si nutrivano di krill, doveva esserci molto krill da mangiare.

Savoca ha affermato che il calo del numero di krill dopo la scomparsa di molti dei loro più grandi predatori è noto agli scienziati come il “paradosso del krill”. Il calo del numero di krill è più pronunciato nelle aree in cui le balene sono pesantemente pescate, come nel Mare di Scotia tra l’Oceano Atlantico e l’Oceano Meridionale nel sud-est del Sud America.

“Questo declino non ha senso finché non si considerano le balene che operano come impianti mobili per la lavorazione del krill”, ha detto Savoca. “Questi sono animali delle dimensioni di un Boeing 737, che mangiano e defecano da terra in un sistema che è molto limitato in presenza di ferro in molti luoghi. Queste balene producono semi nell’Oceano Meridionale aperto, e una volta scomparse, resta poco da riciclare quel fertilizzante”.

Il problema è che molto krill che non è stato mangiato va a fondo quando muore. Lì, il ferro contenuto nel fitoplancton, che a sua volta è l’alimento principale per il krill e altri zooplancton, non è di alcuna utilità.

READ  Le rocce lunari trasportate sulla Terra interrompono la linea temporale del sistema solare

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24