Le donne afghane temono il futuro, ma sono anche forti

Non sono separati nemmeno da tre metri. La giornalista afghana Beheshta Arghand e il funzionario dei media talebani Mawlawi Abdul Haq Hamad. Ad esempio, il mondo intero può vedere che i talebani si stanno concedendo un’intervista a una donna sul canale di notizie afghano TOLONews. Lo stesso giorno, hanno anche invitato le donne a entrare a far parte di un nuovo governo.

È un’immagine che si adatta alla campagna che i talebani hanno condotto da quando sono saliti al potere. Mostra che sono diventati moderati. Un portavoce dei talebani li ha rassicurati durante la loro permanenza Prima conferenza stampa. Ma molte donne si preoccupano. Non osano più parlare e non scendono in piazza per precauzione.

“Sono praticamente a casa. Ma è chiaro che noi donne perderemo le nostre libertà”, ha scritto M in un messaggio personale su Instagram da Kabul. Ci sono ore, a volte mezza giornata, tra i contatti. Ha scritto di nuovo: “È spaventoso che le donne siano fuori ora”.

mi sento vuoto dentro

Ora che i talebani hanno invaso l’Afghanistan, il futuro delle donne e delle ragazze afgane è incerto. Il gruppo estremista è noto per essere molto conservatore. Sotto il loro governo alla fine degli anni ’90, che durò cinque anni, alle ragazze non era permesso andare a scuola e alle donne non era permesso lavorare fuori casa. Quanto è realistico l’aggiornamento del gruppo?

Anche il giovane N, con cui abbiamo parlato tramite Instagram, ha un forte scetticismo. La timeline di Instagram di N. è piena di foto allegre e colorate. La foto di ieri è diversa: lei è seduta con le spalle alla telecamera. La didascalia recitava: “Ho lavorato duramente per il mio futuro. Ho fatto tutto per quello che sono oggi, ma i talebani vogliono distruggerlo. Vogliono riportarmi indietro a 20 anni fa”.

READ  Villaggio tedesco spara proiettili di gomma contro i lupi: si stanno avvicinando alle nostre case | all'estero

In una lettera personale, N ha scritto che non va più nel suo ufficio e in realtà non esce. È scettica sulle promesse dei talebani: “Hanno sempre infranto le loro promesse. Noi non ci crediamo”. Le lettere (N) esprimono la sua rabbia per gli afgani lasciati a se stessi. “Anche noi siamo umani, anche noi meritiamo una bella vita”.

I talebani non hanno ancora bussato alla sua porta, come in altre province. Ma li vede fuori per strada. Il futuro è fosco per N, nonostante ciò che dicono oggi i talebani. “Mi sento vuoto dentro, come se non avessi più nulla per cui vivere.” Scrive, non ha speranze ora.

In una conferenza stampa a Kabul, un portavoce dei talebani ha affermato che i diritti delle donne sono rispettati purché rispettino la legge islamica:

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24