Le famose nocciole da spalmare al cioccolato hanno un sapore cattivo in Italia

Ferrero, il produttore di tutti i vasetti di Nudella, preferisce più nocciole del suolo italiano. C’è una forte opposizione al piano.

In una mattina limpida, puoi sentire un forte scoppio nel giardino di arachidi. In una grande nuvola di polvere, la mietitrice è sospesa tra gli alberi. La macchina frantuma nel suo secchio tutte le nocciole cadute a terra a settembre. Alla fine del viaggio, Luca de Piero esamina le piccole noci nel contenitore. “Ce ne sono alcuni quest’anno a causa del gelo di aprile, ma sono buoni”, dice. Il forte e felice contadino guarda con orgoglio il suo giardino con alberi alti un metro appena fuori Civita Castellana, nel centro Italia. Questo gli ha dato un buon reddito e molte soddisfazioni lavorative per oltre trent’anni. “Ma il divertimento è svanito da un po'”, dice De Piero, il viso scuro.

Ciò che lo rende un inferno è che gli ecologisti, il movimento slow food e molti sindaci in questa parte d’Italia si sono schierati contro i coltivatori di arachidi da tre anni. La resistenza di una parte a piantare alberi di arachidi dove non lo sono e il conflitto di un’altra parte per guadagnare il più possibile dai terreni agricoli per l’uso aggiuntivo di pesticidi. “Mi sono sempre sentito un contadino. Ma oggi sembro un inquinante ambientale – si lamenta de Piero mentre il mietitore rimuove alcuni rami da sotto i suoi alberi per non soffocarli. I giardini di nocciole sono diventati un cattivo odore”.

Nel Lamio, a sessanta chilometri da Roma, questa zona collinare dove cresce l’Azienda Agricola De Piero è il più grande fornitore italiano di nocciole. I filari di noccioleti sono lunghi circa un chilometro. Gli alberi di noci funzionano bene qui perché il terreno è vulcanico e il clima è favorevole.

READ  Strano rumor dall'Italia: indagato il giocatore del PSV Mertens Inzine

Non abbastanza

Ma la quantità di arachidi raccolte qui e negli altri tre in Italia non basta al più grande produttore mondiale di pasta di nocciole. L’azienda italiana Ferrero, che produce tutti i vasetti di noodles sulla tavola della colazione in circa 170 paesi, vuole utilizzare più nocciole del suolo italiano nella sua famosa crema spalmabile al cioccolato. Le importazioni dalla Turchia, primo produttore di nocciole, dovrebbero cadere a favore delle noci dall’Italia.

Ferrero ha annunciato il cambiamento nel 2018 con il suo “Progetto Nocciola Italia”. Il produttore di Noodella Hectare vuole aumentare il numero di terreni per la produzione di arachidi da 70.000 a 90.000 entro il 2025. Ferrero, ad esempio, sta rispondendo alle preferenze dei consumatori di oggi chiedendo prodotti alimentari di facile reperibilità con ingredienti che non vogliono arrivare da lontano, come fanno in Turchia. Fin dall’inizio del Progetto Nociola Italia, Ferrero ha aiutato gli agricoltori di tutto il paese a passare alle nocciole. E con successo. La multinazionale garantisce di acquistare una buona parte dei loro raccolti futuri.

Ma il piano di Ferrero va male con alcuni italiani. Si oppongono con veemenza all’aumento dell’eccedenza di nocciole. Questo perché dicono che più alberi di arachidi significano più monocoltura e più uso di veleno. “Solo durante la raccolta, grandi quantità di pesticidi vengono diffuse nell’aria da nuvole di polvere”, ha detto l’attivista ambientale Famiano Crucianelli alla televisione nazionale RAI sulla zona dei noccioleti nel Lazio.

Prodotti locali

Anche Carlo Petrini, fondatore ufficiale del movimento Slow Food – che promuove prodotti regionali genuini ed ecologici – dice di temere la simpatia di Ferrero per le nocciole italiane. Petrini teme che la monocoltura riscontrata nella parte nord di Roma si diffonda ulteriormente. Scriveva sul quotidiano La Stampa: “Quando permettiamo che i benefici economici influiscano sull’ambiente, sul paesaggio e sulla salute delle persone? Una delle qualità preziose di un agricoltore è la diversità dei suoi raccolti; così facendo, conserva una preziosa biodiversità.Nel tentativo di mostrare interesse per i giardini, la sezione toscana del monito di Slowfoot ha pubblicato una lettera aperta su Facebook: “Questa cosiddetta ‘opportunità’ sta sconvolgendo gli equilibri dell’ambiente. (…) Non esagerate con i buoni alberi da olio!

All’estremità settentrionale di Laskio, c’è una continua resistenza intorno al Lago di Bolsena contro la Toscana e l’Umbria. I sindaci di sette città che non si sono accorti della grande piscina sono rimasti scioccati dai piani di Ferrero. Hanno visto un intero gruppo di alberi di arachidi da sud verso il loro bellissimo lago, e insieme hanno presto bandito tali giardini.

Nessuna sorpresa

Il vicesindaco di Polcena, Andrea de Sorde, ha dichiarato in videochiamata che Asofrotti ha subito contestato il divieto. È una cooperativa di coltivatori di noci della zona dell’agricoltore Luca de Piero. Asofruti è andata in tribunale. Ha lanciato la nostra barriera fuori dalla finestra. Questo non è sorprendente perché sappiamo che il nostro controllo è legalmente debole. Dopotutto, gli agricoltori possono decidere da soli cosa coltivare. Non ci piacciono molte piantagioni di arachidi intorno a noi; Ci sono già molti uliveti. Fortunatamente, qui sono apparsi dieci nuovi giardini con alberi marroni. Quindi il suo divieto era un po’ fuori, ma de Sorde ritiene che abbia senso: “Questo è un segnale politico. Volevamo avviare un dibattito pubblico sul controllo dell’uso dei pesticidi e in particolare. Ha funzionato. Il nostro governo provinciale sta ora preparando nuovi regole per questo».

Pompeo Mascagna può essere molto arrabbiato per la connessione tra nocciole, irrorazione di veleno e monocoltura. Mascagna è il leader debole di Asofruti. Nel suo ufficio sterile, dice che la “nausea” deriva da tutte le critiche al piccolo dado. Nijtik: “I nostri agricoltori abituali spruzzano le foglie dei loro alberi di arachidi due volte all’anno contro gli afidi. Uva, cereali e patate, per citarne solo alcuni, vengono spesso spruzzati. Allora perché la nocciola è in quel dannato angolo? Il leader risponde: ” Forse la critica non sta guardando il nostro successo”.

Il coltivatore di nocciole de Piero ha ricevuto il suo raccolto sotto il sole di settembre. Definisce un mito spruzzare troppi pesticidi e Nutella non capisce tutto il clamore del nuovo ettaro. “I sindaci arrabbiati e gli attivisti ambientali probabilmente lo stanno facendo per un guadagno politico perché l’anca sta dicendo che difendi l’ambiente, quindi ottieni voti. La sua faccia si illumina quando inizia a parlare dei buoni dolci all’olio che fa in una piccola impresa domestica. Chiamato Spread Excellent, ho vinto il secondo premio agli International Chocolate Awards l’anno scorso. In effetti, qui non c’è niente di sbagliato con le nostre nocciole.

Leggi anche:

La nutella ungherese ha un sapore amaro

Il ministro ungherese Genos Lazar ha definito i risultati di una nuova inchiesta slovacca “il più grande scandalo dei prossimi anni”. Lo studio mostrerà Ungheria, Slovacchia, Polonia e Repubblica Ceca offrono meno cibo Dei giganti del cibo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24