Le figlie di Marinella e Gisela sono state portate in ospedale

“Poi ho guardato la donna che era venuta a prendere Katrina e l’ho riconosciuta dall’ospedale”, ricorda Marinella. Il persistente accento siciliano non lascia dubbi sulla sua città natale, Mazara del Vallo, una cittadina di pescatori situata all’estremità sud-occidentale dell’isola. “È stato allora che l’ho saputo per certo: l’hanno scambiato”.

analisi del sangue

Fino a quel momento, Marinella non aveva mai vacillato. Pensavo che questo non fosse accaduto. E se vuoi, troverai sempre qualcosa come una zia o una bisnonna”. Ma quella mattina fuori dall’asilo, Marinella era sicura: Melissa non era sua figlia. “Mio marito, mia madre, la mia pediatra, tutti pensavano che io era pazzesco.” Ho deciso di fare un esame del sangue, che toglie ogni dubbio, i gruppi sanguigni non coincidono, Melissa non può essere la figlia di Marinella.

“La mia prima reazione è stata: cosa vuole da me questo pazzo?” Vent’anni dopo, Gisela Fodera stava ridendo un po’ nel momento in cui le è stato detto che Katrina potrebbe non essere sua figlia. Ma anche lei cominciava a insospettirsi. Quella ragazza nel cortile della scuola somigliava molto a lei ea suo marito. Nessun diritto?

vestiti sbagliati

“Ma ho pensato: che sia il mio bambino o no, lo terrò”. Fino al momento nel cortile della scuola, anche Gisela non pensava che Katerina non fosse sua figlia, ma in seguito, quando è diventato chiaro cosa fosse successo, ricorda un incidente avvenuto in ospedale.

“Un bambino è stato portato nella mia stanza vestito in modo inappropriato”, dice. “Quindi la mia risposta è stata: Ehi, questi non sono i miei vestiti, ma invece di controllare se c’era qualcosa che non andava nei bambini, li hanno semplicemente cambiati”.

READ  Il 'General Lee' del protagonista dei Duchi di Hazzard è stato gravemente danneggiato dall'uragano | le auto

test del DNA

Un test del DNA mette fine a ogni incertezza: a Melissa e Katrina vengono assegnati i genitori sbagliati in ospedale. Ma adesso? Un esercito di psicologi, avvocati e medici è chiamato a portare a termine con successo questa strana situazione. Ma sì, c’è un lieto fine?

I quattro genitori si trovano di fronte a una scelta impossibile: consegnare il bambino che consideravano figlio per tre anni ad altri genitori e riprendersi il figlio biologico che in realtà è un estraneo? O tenere quel bambino, rendendosi conto che la tua carne e il tuo sangue crescono altrove?

Genitori, e otto nonni e nonne, lacerati dal dubbio e dal dolore. Questo enorme dilemma è ben illustrato in Sorelle per sempre (Sorelle per sempre), il film strappalacrime trasmesso dalla televisione italiana lo scorso settembre. A fine mese uscirà anche l’omonimo libro dell’autore Mauro Caporicchio.

scambio

“A volte ho pensato: se l’avessi tenuto per me, avrei risparmiato tanta miseria per così tante persone”, dice Marinella Alagna, guardando indietro. Alla fine, su consiglio della psicologa, si decise di vivere insieme sotto lo stesso tetto per un po’ per abituarsi l’un l’altro e facilitare ogni scambio di bambini. A Melissa e Katrina non è stato detto nulla al momento. “Volevamo soprattutto proteggerli”.

Dopo molte discussioni, le famiglie Alagna e Foderà decisero di “scambiare” le ragazze. Dicono ai loro genitori Melissa e Katrina che la cicogna ha commesso un errore ed è tornata dai loro genitori biologici. “Dire che è stato il giorno più duro della mia vita è bello.” Marinella sentiva un groppo in gola. “Sento ancora la sua voce: mamma, vieni a prendermi domani?” Il senso di colpa non va mai via”.

READ  Il sindaco di Roma vuole organizzare un Eurovision Song Contest


Leggi anche
William ha perso i suoi figli (5 e 3 anni) in un incidente: ‘Li porto sempre con me’

Dubbio

Il sospetto rode sempre anche la Gisela. “Il bambino appartiene a chi lo ha allevato e non sempre a chi lo porta. Ho perso tre anni di Melissa e non lo riavrò mai indietro”.

La strana storia tiene a stretto contatto le due famiglie, vivono molto vicine tra loro. Melissa e Katrina crescono insieme e si vedono ogni giorno, anche adesso. Entrambi studiano nella stessa università e vivono a casa dello stesso studente. Tutto sembra andare bene e finisce bene. “Dobbiamo rimanere vigili, ci dicono gli psicologi”, dice Gisela Fodera. Sono stati separati dalla madre e questo trauma può ripresentarsi. Anche dopo tanti anni».

La miniatura di Delaney scopre che i suoi documenti di adozione sono sbagliati:
Leggi anche
Delaney scopre che i suoi documenti di adozione sono sbagliati: “Mi sono sentita persa”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24