Le forze ucraine si sono ritirate alla periferia di Severodonetsk | Attualmente

Una volta al giorno, NU.nl offre una panoramica della situazione in Ucraina. Questa volta: le forze ucraine sono state spinte alla periferia della strategica città ucraina di Severodonetsk. Inoltre, l’Ucraina non intende liberare il porto di Odessa dalle miniere per consentire nuovamente l’esportazione di grano.

Il governatore della regione di Luhansk Serhiy Hayday ha riferito che le forze russe hanno respinto le forze ucraine alla periferia di Severodonetsk. Ha sottolineato che i russi controllano la maggior parte della strategica città ucraina.

Dice anche che i russi bombardano costantemente la vicina città di Lyschansk. Heidi ha detto che provoca gravi danni.

Mercoledì scorso, il governatore ha affermato che le forze ucraine potrebbero ritirarsi in posizioni più difensive a Severodonetsk. Non è chiaro se ciò sia realmente accaduto.

Il ministero della Difesa britannico ha riferito questa mattina che l’esercito ucraino ha tenuto duro a Severodonetsk. Secondo l’intelligence britannica, nessuna delle fazioni in guerra sembra aver fatto molti progressi nelle ultime 24 ore.

L’Ucraina non vuole estrarre mine nel porto di Odessa per l’esportazione di grano

L’Ucraina non ha in programma di perforare le acque intorno al porto di Odessa per consentire la ripresa delle esportazioni di grano. Gli ucraini temono che la Russia lo utilizzi per attaccare l’importante città portuale.

Turchia e Russia si sono incontrate mercoledì ad Ankara per discutere la creazione di un corridoio di sicurezza per il carico di grano ucraino bloccato nei porti a causa del blocco russo. Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha affermato che la Russia è pronta a facilitare il passaggio sicuro del grano ucraino.

READ  Stati Uniti: la Russia porta al confine con l'Ucraina artiglieria pesante e grandi quantità di carri armati

Il portavoce ucraino Sergei Prachuk ha affermato prima dell’annuncio russo che tutte le esportazioni da Odessa dovrebbero essere controllate dai “paesi della NATO”. La Turchia, membro della NATO, si è offerta di scortare i convogli dai porti ucraini.

Prima della guerra, l’Ucraina era uno dei maggiori esportatori di grano al mondo, rappresentando la metà del commercio mondiale di semi di girasole e olio.

Più di 1.000 prigionieri di guerra ucraini furono inviati in Russia

Più di 1.000 soldati ucraini che si sono arresi nella città portuale di Mariupol, nel sud dell’Ucraina, il mese scorso sono stati trasferiti in Russia per “indagini”, ha riferito l’agenzia di stampa russa. gusto Secondo fonti del ministero della Giustizia.

L’Ucraina chiede il trasferimento di circa 2.000 difensori dello stabilimento Azovstal in uno scambio di prigionieri. I deputati russi vogliono perseguire adeguatamente alcuni soldati. Sono principalmente soldati del reggimento Azov, che secondo la Russia sono nazisti e separatisti filo-russi nella regione del bacino del Donets.

L’Ucraina e la Russia si sono scambiate di nuovo i corpi dei soldati, ha riferito Kiev. Ogni paese trasportava cinquanta corpi. Dei morti ucraini, 37 si sono nascosti a lungo nello stabilimento di Azovstal.

Le Nazioni Unite stanno utilizzando Uber per fornire aiuti umanitari in Ucraina

Il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite ha collaborato con l’app taxi Uber per fornire aiuti umanitari alle aree urbane dell’Ucraina. A causa della guerra, a volte è difficile raggiungere camion di grandi dimensioni.

Il WFP utilizza una versione speciale della piattaforma tecnologica utilizzata da Uber per distribuire auto e furgoni entro 100 km dai magazzini del WFP ai punti di distribuzione. Con questo sistema, tutte le persone coinvolte possono sapere dove si trovano i veicoli e quando i soccorsi raggiungeranno la loro destinazione.

READ  L'inverno di Corona è cupo, ma il Gabinetto parla dei dettagli: "Per una volta prenditi le tue responsabilità"

Le forniture di aiuti sono già state distribuite in questo modo in città come Kiev, Dnipro, Lviv, Vinnytsia e Chernivtsi, secondo i rapporti dell’agenzia delle Nazioni Unite. Secondo il coordinatore dell’emergenza ucraino, la tecnologia gratuita offerta da Uber migliora la cooperazione tra il Programma alimentare mondiale e le aziende locali, rendendo più efficiente la distribuzione.

Il Programma alimentare mondiale ha ampliato le sue attività in Ucraina e dintorni negli ultimi tre mesi. L’organizzazione mira a fornire cibo e denaro a più di 3 milioni di persone al mese nel paese entro la fine di giugno.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24