Le Nazioni Unite stanno coordinando gli aiuti umanitari in Afghanistan…

Produzioni ANP | Fonte: ANNP

I paesi del G20 hanno incaricato le Nazioni Unite di coordinare gli aiuti umanitari in Afghanistan. Inoltre, tutte le principali nazioni industrializzate concordano sul fatto che i governanti afghani, il movimento radicale talebano islamico, debbano riconoscere i diritti umani e soprattutto i diritti delle donne. Il paese non dovrebbe diventare un rifugio per i terroristi.

“Non dobbiamo arrivare al punto in cui era vent’anni fa”, ha sottolineato il presidente del Consiglio italiano Mario Draghi dopo un vertice speciale del G-20 sul futuro dell’Afghanistan. L’attuale presidente del G20 ha espresso sollievo per il fatto che per la prima volta vi sia una linea comune tra i principali decisori politici mondiali su questo tema.

Alla domanda sul riconoscimento del governo talebano, Draghi ha detto che non era stato discusso e che il tempo era ancora molto lontano. I talebani li giudicano per quello che fanno e non per quello che dicono”. Dopo la restaurazione del Paese, gli islamisti radicali hanno affermato che si sarebbero comportati in modo più moderato rispetto a prima del 2001 e che avrebbero anche concesso alle donne più diritti. Ma c’è sono dubbi al riguardo.

Il nuovo sistema ha un disperato bisogno di aiuto. L’economia è piatta ei talebani stanno facendo i conti anche con le sanzioni internazionali. Molti paesi temono un massiccio afflusso di rifugiati afgani.

READ  Sessione positiva a Wall Street, a due giorni dalla sconfitta

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24