Le orche hanno distrutto barche a vela al largo della costa spagnola per protesta

© Else Beekman

Anche scienziati, capitani di navi e pescatori vorrebbero saperlo. Di tutti i 69 casi noti di interazioni tra orche e barche quest’estate, 30 barche dovevano essere segnalate. Nazione Vengono rimorchiate in porto perché non possono più farlo con le proprie forze a causa di un timone devastante. Giornale di Siviglia Parla addirittura di 150 barche danneggiate solo quest’estate.

divieto di navigazione

A seguito di questi incidenti, il Ministero dei Trasporti (Mitma) ha emesso un decreto all’inizio di agosto che limita la navigazione tra Capo Trafalgar e Barbate (Cadice) alle navi a vela di 15 metri o più di lunghezza per evitare incontri con le orche. Poi la misura è stata estesa a Green Island dopo che in questa zona si sono registrati sempre più incidenti. La decisione è valida fino al 7 settembre. Quindi l’orca riparte per la Galizia.

Interazioni, non attacchi

Decine di esperti hanno formato un gruppo di lavoro di Orca Ibérica lo scorso autunno per scoprire perché le orche sono alla ricerca di barche. Sono spesso barche a vela più piccole e il loro obiettivo sembra essere un timone. Una volta che le barche sono danneggiate, l’orca se ne va. Dal momento che ci sono stati così tanti casi, effettuati finora da due gruppi di orche, questa non può più essere una coincidenza, secondo gli scienziati. Sperano di scoprire schemi e identificare le orche assassine mappando tutte le loro “interazioni”. Gli esperti non parlano esplicitamente di “attacchi”, ma li chiamano “interazioni”. Non vogliono accusare in anticipo gli animali di intenti malevoli.

Le orche hanno una brutta immagine

“Le orche hanno sempre avuto una brutta immagine”, dice Esteban. E vogliamo impedire alle persone di rispondere in modo aggressivo”. Qualcosa è successo negli ultimi mesi. A marzo, marinai italiani hanno sparato una torcia contro un gruppo di orche dopo essersi scontrati con loro vicino a Gibilterra. Lo si può vedere in un video di sette minuti pubblicato sul Internet I rapporti parlano Un altro resoconto non confermato di marinai che attaccano le orche con le lance per scacciarle.

READ  Il Tempo: il Vaticano dialoga con i talebani

protocollo di sicurezza

Orca Ibérica ha stabilito un protocollo di sicurezza per le barche quando sono molestate da Orcas. Devono spegnere il motore, ammainare le vele, spegnere il pilota automatico, scaricare il timone e avvertire immediatamente le autorità. In nessun caso le persone a bordo possono urlare o intraprendere azioni per spaventare le orche. Se possibile, dovrebbero scattare foto o fotografare gli animali. In questo modo le orche possono essere identificate in seguito.

Animali molto intelligenti

Si stima che 50.000 orche vivano in tutto il mondo, principalmente nel Nord Atlantico. Gli animali possono raggiungere i 10 metri di lunghezza, 5 tonnellate di peso e vivere fino a 80 anni. Vivono in gruppi che stanno insieme per tutta la vita e sono molto socievoli e intelligenti. Fondamentalmente non attaccano le persone. Nulla è mai documentato. Da parte loro, le persone stanno danneggiando le orche cacciando anche la loro preda (tonno), inquinando le acque e disturbandole con l’inquinamento acustico e le barche.

Il tonno è una preda comune

Nello Stretto di Gibilterra si dice che ci siano circa 60 orche ogni anno, molte delle quali sono state identificate. Queste orche si muovono lungo la costa atlantica tra la Galizia e lo stretto di Gibilterra. Là vengono per il tonno. Viene nel Mediterraneo ogni primavera per riprodursi lì. Poiché lo Stretto di Gibilterra è largo solo 14 chilometri nel suo punto più stretto, funge da trappola. Come le orche, anche i pescatori sanno che qui nuotano i tonni rossi. Calano le reti o utilizzano metodi più tradizionali per la cattura del tonno. Capita spesso che i pescatori tirino le lenze e vedano solo la testa del tonno. Il resto è mangiato da un’orca intelligente.

Anche la presenza di orche nello Stretto di Gibilterra è un’attrazione turistica in crescita. In alta stagione, a volte 5 barche lasciano il porto di Tarifa per avvistare orche, delfini e balene.

READ  Analisi | Come Sainz ha mantenuto la Ferrari al vertice del centrocampo

Le barche sono più curiose ma mai toccate

Ruth Esteban è una biologa marina e grande esperta di orche. Ha vissuto nello stretto per 15 anni e ha scritto la sua tesi nel 2015 dal titolo “Ecologia delle orche assassine (Orcinus orca) nella penisola iberica meridionale”. Ho identificato fino a 40 campioni nella zona. Le orche hanno una macchia grigio chiaro dietro la pinna dorsale che è unica per loro. È la loro versione dell’impronta.

Esteban è andata in mare con la sua piccola barca per rintracciare, fotografare e studiare i cetacei, ha contribuito a creare il gruppo di lavoro iberico dell’orca e ha incaricato altri scienziati di parlare con i marinai colpiti, ricevere i dati raccolti e valutarli. “Quando ho lasciato la zona quattro anni fa, ho notato che nel tempo le orche sono diventate più curiose, soprattutto quelle giovani”, racconta Esteban di El Pais. Ma toccare le navi, scontrarsi con loro? “no mai”.

Questa è anche la conclusione della biologa italiana Eva Chiara Carpinelli. Ha anche notato un aumento della sua curiosità durante i suoi anni di ricerca. In particolare, le orche più giovani si sono avvicinate alle barche. “Era solo un interesse, nessuna connessione”, dice a El País.

Bersaglio Orka per attacchi con arpione

Orca Iberica ha concluso conversazioni con le vittime di interazioni, foto e video che Orcas era il bersaglio di attacchi di arpioni. Francisco Gil, direttore del Centro per l’interpretazione delle balene e dell’Aula del Mar de Tarifa (CICAM), lavora da vent’anni come cacciatore di orche. Vede il comportamento senza precedenti di Orcas, che descrive come molto intelligente ed enfatico, come una reazione agli attacchi che hanno avuto l’estate scorsa che sembrano accadere quest’estate. Parlando sul giornale 20 minuti A proposito di orche con tagli e cicatrici e di alcuni animali che hanno ancora parti di arpione nella pelle. Ma può solo indovinare chi ha attaccato gli animali.

READ  Latti degli allevatori italiani notevolmente stabili - Inside Milk

‘Protesta’

Jill ha anche un video – pubblicato online – di un equipaggio di una barca a vela che, quando avvicinato dalle balene, risponde respingendole con una baionetta e altri mezzi aggressivi. Lo scorso autunno, alcuni scienziati di Orca Ibérica hanno concluso che solo tre piccoli animali erano responsabili di incidenti che coinvolgevano barche: Black Gladis, Grey Gladis e White Gladis. Grey Gladys aveva tagli e cicatrici. Si chiedevano cosa fosse successo all’animale? Voleva vendetta?

Secondo Gill, le orche assassine, che possono pesare fino a cinque tonnellate e mezzo, non attaccano barche a vela che possono facilmente affondare perché sono “così intelligenti e sanno che possiamo ucciderle”. Ecco perché il ricercatore interpreta le interazioni ripetute dallo scorso anno come “protesta” da parte degli animali.

L’orca ha contattato solo piccole barche a vela, le cui eliche sono montate davanti al timone e molto lontane dal timone. In questo modo possono mordere i timoni senza rischi e rendere le barche ingestibili. Da qui le raccomandazioni della Guardia Costiera e dell’Orca Ibérica di allineare il timone allo scafo della barca il prima possibile in caso di contatto con le orche.

L’assicurazione come potenziale fattore

Un’altra ipotesi che molti scienziati ritengono sia stata la chiusura dell’anno scorso. In poco meno di tre mesi, non c’erano barche da diporto nello Stretto di Gibilterra, solitamente la rotta marittima più trafficata del mondo, e una calma senza precedenti. Con la fine delle restrizioni al movimento, le barche sono tornate improvvisamente allo stesso tempo. Ciò può causare stress agli animali.

Inoltre, innumerevoli barche a vela sono partite con il permesso per i pescatori di catturare il tonno. Proprio come le orche assassine. Poi alcuni andarono a combattere per il tonno. Orche mangiandole fuori dalle righe e bracconieri scacciando selvaggiamente le orche. Il punto potrebbe essere l’ultima goccia per le orche assassine.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24