Le persone con disturbi alimentari nei Paesi Bassi che cercano aiuto urgente di solito non lo ottengono

Sua madre si rese conto che qualcosa non andava quando un giorno andò a fare una passeggiata nel parco. Non sorprende di per sé: Maurice è sempre stato un bambino atletico e attivo. Fu quel commento che la fece rabbrividire. Quando l’ho chiamato, ha detto: “Ho altre tre volte da fare”.

Ehi? Dovrebbero? il cui, di chi?

Al tavolo della cucina, Morris (15) parla del passato. Nell’estate del 2020 gli è stata diagnosticata l’anoressia nervosa. L’epidemia ha fermato la sua vita in un colpo solo. “Tutto ciò a cui mi aggrappavo, come la scuola e il calcio, è svanito. Il cibo è rimasto”.

Ha iniziato con il packaging che ha studiato meticolosamente. Capì rapidamente quante calorie c’erano in una torta di riso o in una barretta di muesli a memoria. Doveva muoversi costantemente e bere solo acqua. Quando ha chiesto ai suoi genitori cosa stesse succedendo, non aveva le ossa: “Mangio tutto il tempo”.

Le cose sono peggiorate in autunno. A volte si sentiva come se non volesse più essere lì. Ha ricevuto cure attraverso una struttura per la salute mentale dei giovani ed è stato sviluppato un piano di sicurezza per i suoi pensieri suicidi, ma poca attenzione è stata prestata al suo disturbo alimentare. Morris è stato inizialmente allontanato dal medico di famiglia – prima il prelievo di sangue. Poco prima di Natale, era così debole e malnutrito che il dottore lo ha indirizzato al pronto soccorso. È stato accettato lo stesso giorno.

Le persone nei Paesi Bassi che hanno un disturbo alimentare che cercano aiuto urgente di solito non lo ricevono. Poiché l’assistenza ai giovani con anoressia spesso arriva troppo tardi e non è all’altezza, l’allora ministro Hugo de Jong (Sanità pubblica, CDA) l’ha definita così ‘il più grande mal di testa di file’† Era prima della crisi del Corona, quando gli esperti hanno visto un aumento del numero di bambini e giovani con gravi problemi psicologici. I dati nazionali non sono disponibili, ma nell’UMC di Amsterdam, ad esempio, sono stati registrati 36 bambini con anoressia in un periodo di tre mesi nell’autunno del 2020, 24 un anno fa. Karoly Ely, Presidente della Società Olandese di Pediatria, detto di recente Crede che il numero di pazienti con disturbi alimentari sia raddoppiato durante la pandemia.

READ  Il premio Nobel per la fisica va agli scienziati del "riscaldamento globale"

Situazioni di crisi

Sebbene il Gabinetto abbia investito milioni nell’affrontare i disturbi alimentari negli ultimi anni, sono stati istituiti due centri di competenza e altri cooperazione Tra diversi caregiver – è la rapida disponibilità di cure appena migliorato† I tempi di attesa variano in base al fornitore e alla regione, ma aspettare due o tre mesi per un colloquio di ammissione non è raro.

Fondi e personale inadeguati sono un problema nell’assistenza sanitaria mentale dei giovani. Le situazioni di crisi stanno mettendo ancora più pressione sulle cure già sovraccariche ai tempi del COVID-19. Spesso c’è un periodo di attesa dopo il periodo di attesa: prima per il cibo, poi per il trattamento. Poiché i problemi nel frattempo si stanno aggravando, a volte capita che i giovani vengano mandati quando finalmente è il loro turno e finiscano in un’altra lista d’attesa, ha osservato l’anno scorso l’Ispettorato della salute e del benessere dei giovani.

Il fatto che Maurice sia stato in grado di lavorare alla sua guarigione in tempi relativamente brevi è in gran parte grazie a sua madre Mathilde. Quando ho capito che ci sarebbero voluti mesi prima che potessero andare in una clinica specializzata, ho cercato delle alternative. È finita in Isa Power, un’organizzazione che mette in contatto persone che hanno difficoltà a mangiare con allenatori e terapisti esperti e offre programmi, ad esempio, anche per le famiglie. I suoi genitori hanno presentato a Maurice una scelta: cosa vuoi? Questo o un posto di attesa in una clinica?

Diventa un allenatore. Isabel Plasmere, fondatrice di Issa Power, ha accompagnato Maurice con la sua collega Esther. Lo hanno visitato tre volte, a volte quattro volte a settimana. Plasmere ricorda come all’inizio si sedette sul divano “come un uccello morto”. “Non doveva mangiare, non era guarito ed era arrabbiato con tutto e tutti”.

READ  Professore Dott. Venezia 1° Professore della Facoltà di Scienze Matematiche e Fisiche

Anche quando Morris è stata in ospedale per cinque settimane, ha continuato a frequentare. Mi sono seduto accanto a lui mentre mangiava con riluttanza un mandarino. “Ho detto: non ne ho bisogno. Puoi anche rimanere gentile e paziente, non c’è bisogno di prendere parte alla vita”. Dice che è così che ha cercato di svegliarlo. E dai un’idea: perché pensi di aver bisogno di questo? Cosa c’è sotto un disturbo alimentare?

burro sul pane

Quando lei stessa ha lottato con un disturbo alimentare più di quindici anni fa, Plasmere ha notato che la cura era quasi esclusivamente mirata all’aumento di peso. L’unico obiettivo sembra essere: ritrovare un peso sano il più rapidamente possibile. Lo psicologo ha chiesto: “Com’è il cibo, sei riuscito a farlo? “Mettete il burro sul pane”, disse l’esperto, “ma quello di cui avevo davvero bisogno, per lavorare sulla fiducia in me stesso, non è successo”.

Molto è cambiato da allora: l’idea che il trattamento di un disturbo alimentare, soprattutto tra i giovani adulti, richieda la cooperazione tra diversi caregiver è ora ampiamente accettata. Ma fintanto che l’accesso alle cure regolari può durare settimane o mesi, dovrebbe essere chiaro cosa si può effettivamente fare, osserva il gruppo direttivo di esperti nazionali K-EET. Hanno chiesto a Issa Power di creare un programma online: smetti di aspettare

Issa Power impiega 25 formatori e 40 volontari: aiutano circa 500 persone all’anno. Non viene rimborsato (95€ a sessione, circa 1.000€ per il percorso), ma i clienti possono richiedere un budget personale (PGB). Poiché la causa di un disturbo alimentare varia da persona a persona, afferma Plasmere, il miglioramento è quasi sempre personalizzato. Ecco perché Isa Power offre tutti i tipi di metodi, dall’ipnoterapia all’EMDR. Nota che molti malati di anoressia sentono che la loro malattia viene “guardata” e si aggrappano. “Gli esperti di esperienza lo capiscono.” È convinta che la guarigione avvenga nella vita reale. “Quando esci da lì, fa un passo indietro e diventi grande e terrorizzato”.

READ  aumento del numero di segnalazioni di virus RS; Bassa normale a maggio

Per Morris, dice, il disturbo alimentare era legato alle dinamiche familiari. “Non è stato sempre divertente a casa. Ho provato tutte quelle sensazioni e non riuscivo a gestirle bene. Ho pensato spesso: devo essere io”. Sua sorella, nata con un difetto cardiaco, ha bisogno di grandi cure. “Ho preso buoni voti, ero un atleta. Non voglio essere una seccatura”.

Con l’aiuto di Isabelle ed Esther – una “sorta di sorella maggiore” – ha imparato a esprimere i suoi sentimenti e difendersi. Da qualche mese sta andando davvero bene. “A febbraio ho minacciato di riemergere. Se avessi continuato così, segnare sarebbe stata l’unica opzione. Non volevo, volevo essere libero”. Ora gioca di nuovo a calcio, in Premier League. Si è ripreso e vede il disturbo alimentare come parte della sua vita, motivo per cui è aperto al riguardo. “Sono ancora Morris, ma ora una versione migliore.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24