Le persone in tutto il mondo parlano con i bambini nello stesso mamanese

Per il piccolo bambino “appeso”, gli adulti di tutto il mondo parlano con maggiore enfasi, toni più alti e anche con variazioni di tono molto maggiori rispetto a un adulto. E quando iniziano a cantare appositamente per quel bambino, le persone in tutto il mondo cantano con un tono più piatto, un tono più basso e anche con un tempo molto più basso rispetto alle canzoni per adulti.

Ciò è dimostrato dallo studio comparativo su larga scala di “Children’s Talk” di 21 diverse culture di tutti i continenti (dai cacciatori-raccoglitori ai residenti delle grandi città americane). È questa settimana pubblicato in La natura del comportamento umano. Nello studio, a una media di 15 genitori per cultura è stato chiesto come canterebbero e parlerebbero se i loro figli lo facessero.sfocatoÈ stato anche registrato” (“impiccarsi”, “difficile”, “piangere”) mentre cantavano una canzone a caso agli adulti e come raccontavano qualcosa al tester adulto, tutto nella loro lingua. Nel 90% dei ricoveri, il bambino piccolo, fino a due anni, era già presente.

Bambinizzare

La ricerca è stata avviata da un ampio team di linguisti e antropologi di Courtney Hilton e Samuel Mehr (entrambi dell’Università di Harvard). Mehr è anche famoso per un grande studio delle caratteristiche comuni di Ninne nanne e canti da ballo in giro per il mondo. Questa nuova ricerca è iniziata perché spesso si presume che il linguaggio che gli adulti di tutto il mondo usano per conversare con i bambini piccoli sia quasi lo stesso (linguaggio infantile, linguaggio dei genitori, ‘mammiano’,Madre“,”Parla per i bambiniOppure, come dicono i francesi:mamanicaItaliano:Bambini‘ o ‘linguaggio bambinesco‘). Ma questo non è stato adeguatamente studiato, secondo Mehr e Hilton. Al massimo, sono state confrontate registrazioni disparate di culture diverse e non hai mai guardato come suonavano i discorsi o le canzoni normali per gli adulti sugli stessi argomenti. Attraverso l’analisi audio di 1.615 registrazioni di 410 soggetti di prova di 21 culture diverse, tutto questo è stato raggiunto.

READ  Molti pazienti affetti da coronavirus hanno problemi al cervello: questo andrà via, mi chiedo a volte? L'interno

Mehr e Hilton vedono le caratteristiche comuni dei discorsi dei bambini e delle filastrocche come una chiara indicazione che gli “strumenti per comunicare con i bambini” si basano su modelli umani generali, che corrispondono persino a modelli nel mondo animale. Ad esempio, il tono più forte dei bambini si verifica in molte comunicazioni animali come segno di cordialità e apertura, perfetto per calmare i bambini umani. Contrasta con i toni tipicamente bassi delle grida di avviso o delle chiamate minacciose.

Una selezione di registrazioni vocali e audio è stata inviata tramite un canale internazionale (di lingua inglese) Scienza dei cittadini-sito web Si è anche presentata a un ampio panel Internet di quasi settantamila partecipanti provenienti da 187 paesi diversi. In un tipo di test, i partecipanti dovevano indicare se la parte del suono che sentivano era per un bambino o meno. Questo è stato indovinato correttamente più spesso del previsto per caso. C’erano anche alcune differenze in tutto il mondo, sebbene i partecipanti si aspettassero più spesso canzoni e discorsi in una lingua correlata alla propria lingua, forse perché potevano più o meno capire queste parole.

Nessuna canzone per bambini

Secondo i ricercatori, il fatto che il discorso diretto dal bambino e il canto diretto dal bambino abbiano proprietà opposte (troppa concentrazione rispetto alla piattezza), potrebbe essere dovuto al diverso scopo della procedura. persone con la parola “Bambino schizzinoso” Desiderio di distrarre dal disagio: una maggiore variazione nel tono e nella cadenza del discorso attira l’attenzione. Il canto viene utilizzato con un bambino che piange per farlo addormentare: da qui il tono piatto e la leggera variazione. Le differenze potrebbero anche essere state amplificate perché alle persone è stato chiesto di parlare o cantare a un “ragazzo appiccicoso”. Per i bambini felici, le persone possono iniziare a cantare in modo diverso.

READ  Quali sono le differenze tra i vaccini Moderna e Pfizer?

I ricercatori hanno anche notato che il canto e il parlare dei bambini non erano ugualmente popolari in tutte le culture studiate. Nella cultura quechuan/aymarana del Messico, risulta che non ci sono canzoni per bambini nella loro lingua, anche se la gente conosce le filastrocche in spagnolo. E con i nani di Bayaka in Congo, le canzoni per i bambini piccoli sono particolarmente popolari, ma ancora una volta si dice molto poco per i bambini di età inferiore ai due anni.

Sono proprio queste differenze culturali nell’uso del “baby talk” che un’altra ricercatrice, Alejandrina Cristia (Università delle scienze e delle lettere di Parigi), ha pubblicato qualche mese fa. Ottimo articolo di recensione in scienze dello sviluppo. La sua conclusione, basata su 29 studi precedenti in tutto il mondo, è che i bambini di età inferiore ai due anni in un ambiente urbano hanno maggiori probabilità di essere ascoltati da chiacchiere rispetto ai bambini comparabili nelle società agricole o di cacciatori-raccoglitori. I bambini piccoli di Chicago, ad esempio, hanno una probabilità dieci volte maggiore di essere ascoltati dagli adulti rispetto ai loro coetanei in un villaggio Maya dello Yucatan. E questo accelera l’acquisizione della lingua: nelle grandi città, i bambini hanno un vocabolario molto più ampio che nel villaggio Maya.

preoccupazione più grande

Kristia spiega le differenze nel linguaggio dei bambini tra le aree urbane e rurali, tra l’altro sulla base dei diversi obiettivi che i genitori possono avere per la loro educazione. In alcune culture, è più importante che i bambini diventino membri attivi della società piuttosto che svilupparsi individualmente. È anche importante conoscere le corrette forme di indirizzi nelle diverse situazioni sociali. Quindi i genitori non ritengono necessario parlare con i bambini in privato, ma si assicurano che i bambini possano ascoltare le conversazioni di altre persone. Più in generale, la più grande preoccupazione nelle società agricole preindustriali è la sopravvivenza dei bambini, ha affermato Christia. Pertanto, il linguaggio e la rapida crescita cognitiva non sono una priorità.

READ  Basta autotest Da lunedì i numeri di aggiornamento Corona si fermano a Hoeksch Nieuws

In un ambiente più moderno e urbano, la mortalità infantile è più bassa ei bambini sono più stimolati cognitivamente in modo che possano fare meglio a scuola e ottenere un lavoro migliore. E poiché i genitori in città hanno meno figli, c’è anche più tempo a disposizione per ogni singolo bambino.


Leggi anche sull’acquisizione della lingua: La lingua sta arrivando (2004)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24