Le regioni italiane vuote cercano di attirare i lavoratori domestici

L’epidemia ci ha insegnato che è possibile lavorare da casa: politici e organizzazioni locali vedono nelle campagne italiane un’opportunità vacante da anni.

Quando il sindaco Federico Balocchi ha pensato al piano che vorrebbe essere rieletto nel 2019, si è concentrato sul piano di sviluppo del suo borgo toscano. Nel nuovo verde Monte Amiata, come può ridare vita a Santa Fiora? “Questo villaggio è vuoto. Sono rimaste solo 2.500 persone “, ha detto Baloch, 36 anni, al murale del municipio.

Ha raggiunto il suo villaggio lontano e ha deciso di scommettere su Internet ad alta velocità. Con la fibra di vetro e gli immobili a buon mercato, pensava di poter attirare abbastanza aziende in dieci anni. “Ma l’avvento del virus ha cambiato tutto. Sospettavo che le persone sarebbero state dirottate in città affollate. Ho pensato: perché un piano di sviluppo decennale – ora dobbiamo sfruttare la nostra opportunità. ”

Così il Comune ha stanziato 60.000 euro per un progetto unico in Italia, uscito in autunno. I lavoratori che vogliono provare cosa significa vivere a Santa Fiora possono ricevere un massimo di 200 euro di affitto per sei mesi. Baloch: “L’affitto medio di un appartamento qui è di 350 euro. 200 euro per una famiglia torinese per andare qui possono non essere determinanti, ma possono essere uno stimolo. ”

Dieci famiglie

In un dato momento, dieci famiglie provenivano principalmente dalla Lombardia settentrionale e urbanizzata. I nuovi arrivati ​​si sono tutti trasferiti nelle loro case in affitto. Baloch: “Ci concentriamo su quelli con una buona dose di istruzione, hanno solo bisogno di una connessione internet veloce per il loro lavoro. Aumentano la nostra popolazione – principalmente – arricchiscono la nostra comunità con la loro esperienza e il loro contributo intellettuale. “Spera che le bellezze arrivino sicuramente a Santa Fiora. Il sindaco sarà molto soddisfatto dei cento nuovi arrivati ​​permanenti: “Gli olandesi sono certamente i benvenuti”.

Santa Fiora è uno dei tanti comuni in Italia che soffrono di sgomberi. I giovani con congedo educativo perché hanno una prospettiva e possono cercare lavoro solo a un livello che è nel nord dinamico del paese – o all’estero. Il problema è cronico, soprattutto nelle regioni meridionali; Negli ultimi vent’anni sono partiti più di due milioni di italiani.

Ma il lavoro massiccio da casa può causare una svolta a causa della diffusione del virus corona. L’anno scorso, la società di ricerca Swimus ha stimato che 100.000 dipendenti delle aziende del nord Italia avevano un lavoro e sono tornati tutti nelle loro regioni meridionali. Un recente sondaggio PWC su piccola scala mostra che un quarto degli italiani altamente istruiti che lavorano all’estero torna nel proprio paese d’origine se riesce a mantenere il lavoro.

Vita semplice

A Santa Piora, il sindaco Balochistan non prende di mira solo gli ex residenti che vivono nel nord, ma i lavoratori domestici che sono attratti dalla tranquilla e armoniosa campagna di Tucson. La life coach e attrice Natasia Kursi, 48 anni, è stata una delle persone che hanno sentito la sua chiamata. Ha disdetto l’affitto a Milano e si è trasferito qui ad ottobre.

“Desideravo una vita meno frenetica e semplice”, dice della sua casa accogliente in un vicolo vicino a Village Square. Ora è un coach online e ogni tanto viene a lavorare per il Milan. Nel frattempo, ha già fatto il lavaggio del cervello al sindaco su cosa può fare per il teatro.

La vita a Santa Fiora si è finora adattata alla sedia di Natasia, ma non si sa ancora se l’attrice continuerà a viverci. “A volte penso: quanto è bello essere qui, bella natura, bel villaggio. Ma a volte penso anche: mio Dio, cosa ho fatto, devo morire di solitudine qui. ”

Rimani vicino alla natura con il tuo laptop

Come il sindaco Balochistan, l’avvocato siciliano Elena Mildello (28) ha visto come l’epidemia di corona abbia avuto un effetto positivo sulle pianure italiane. È tornato a Palermo dal Lussemburgo l’anno scorso e ha fondato un’organizzazione di volontariato chiamata SouthWorking. Militello spiega via Skype: “I politici vogliono che il lavoro del sud dirotta il capitale umano verso quello che chiama l’hinterland: i villaggi con popolazione in declino sono lontani dalle città. Le persone altamente istruite che lavorano solo con i computer, come ingegneri e grafici, possono apprezzare l’aria pulita, l’intimità e la vicinanza della famiglia. ”

Quando gli scettici dicono a Militello che la sua idea è fantastica ma inaffidabile, lui spiega quanto sia risoluto South Working. “Stiamo parlando di come possiamo essere a distanza amichevoli con i datori di lavoro. Insieme al Ministero del Sud, stiamo esplorando come offrire agevolazioni fiscali alle aziende che consentono ai dipendenti di lavorare altrove per poche settimane al mese o pochi mesi a anno. Stiamo allestendo la rete. ”

L’avvocato è ottimista sul fatto che qualche milione di italiani voglia vivere all’interno (part-time). “Più di cinque milioni di italiani hanno iniziato a lavorare da casa a causa del virus. Perché alcuni di loro non continuano a farlo dopo l’infezione? ”

READ  Apta calcola: l'Italia ha le maggiori possibilità di vincere l'Europeo

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24