Le restrizioni valutarie limitano le esportazioni di frutta italiane in Egitto

Tempi duri per l’esportazione della frutta italiana in Egitto, le nuove regole valutarie complicheranno le transazioni commerciali. Per spiegarci cosa stava succedendo, abbiamo chiesto a Ricardo Martini, amministratore delegato di TCS Tramaco, azienda di trasporti specializzata in import ed export di frigoriferi verso il Nord Africa.

“Dal 1 marzo 2022 la banca centrale egiziana imporrà gradualmente più regole regolamentari, rendendo più difficile l’esportazione di frutta o altre materie prime in Egitto. Le autorità locali hanno confermato che la valuta necessaria per aprire la lettera di credito arriverà esclusivamente da scambi o scambi dall’estero nell’ambito di operazioni di esportazione.

Ricardo Martini al Macfrut 2022

“Il processo a volte può richiedere settimane. Le aziende italiane ora trovano molto difficile spedire frutta in Egitto, alcune esportano su base settimanale. Il principale mercato d’oltremare dell’Egitto per le mele italiane. Le esportazioni di mele si sono dimezzate negli ultimi tre mesi. Durante questo periodo, i magazzini erano vuoti prima dell’inizio della nuova stagione. L’Egitto ha sempre confermato”.

Quale pensi sia la ragione di questo rigoroso controllo valutario?
“L’Egitto ha lottato per molti anni con gravi carenze di valuta. Si consideri la svalutazione storicamente significativa del 2015. La sterlina egiziana è scesa del 52% durante la notte”.

In che modo questi eventi hanno influito sulla strategia monetaria egiziana?
“Non sono un esperto finanziario, ma l’epidemia delle mie relazioni egiziane è stata un duro colpo per il turismo, una delle principali fonti di guadagno in valuta estera, mentre il conflitto russo-ucraino ha ridotto l’offerta di grano e altre materie prime. Questi paesi rappresentano un ostacolo rischio per entrambi i paesi. , A prezzi elevati, la domanda di riserve valutarie è certamente aumentata e il governo egiziano sta dando la giusta priorità ai prodotti essenziali con cui le persone devono occuparsi. , Esclusi tè, carne, pollame, olio, latte in polvere, fagioli, legumi e burro, ovvero gli ingredienti base del cibo locale, se l’Egitto non produce abbastanza di quello che afferma».

READ  Cannavaro vede un vantaggio significativo per l'Italia nel fermare Ronaldo

Sicuramente queste misure dovrebbero stimolare le esportazioni di frutta e verdura in cui l’Egitto è diventato uno dei maggiori fornitori al mondo e garantire rendimenti più elevati sui cambi?
Considerando l’ambiente della logistica marittima, queste automazioni non sempre funzionano. Ad esempio, vediamo il recente lancio di uve egiziane, provenienti principalmente dal nord Europa. Questa è una stagione breve ma intensa. Trasporta più di mille container a settimana.Ad esempio, con le mele dall’Italia e dalla Polonia, le compagnie di navigazione stanno aumentando notevolmente le tariffe di trasporto a causa dello squilibrio tra le rocce in entrata e in uscita. I container vuoti costano denaro da un porto all’altro. Questo aumento delle tariffe di trasporto sta colpendo gli esportatori egiziani, che, come noi, stanno già lottando con l’aumento dei prezzi di fertilizzanti, imballaggi ed elettricità. Inoltre, il mercato europeo è in calo. La pressione del calo dei consumi grava sulle famiglie, che hanno meno soldi da spendere per l’inflazione”.

In quale situazione prevedi di esportare la frutta estiva via mare nei prossimi mesi?
“Le difficoltà di cui parliamo riguarderanno anche l’export di frutta estiva via mare perché la deperibilità di questo frutto, grazie ai brevi tempi di trasporto dai porti italiani, ha reso l’Egitto una delle mete preferite. L’uva italiana non c’è. Ne risente essere esportato in altri paesi”.

Per maggiori informazioni:
TCS Tramaco
Via Magazzini anteriori, 63

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24