Le turbolenze sui mercati finanziari internazionali non sono ancora finite

Le turbolenze sui mercati finanziari internazionali non sono scomparse martedì dopo il forte calo di azioni, obbligazioni e criptovalute di lunedì. Non si trattava di guarigione.

Gli investitori hanno vissuto un potenziale periodo di stagflazione, con l’economia in stagnazione mentre l’inflazione è molto alta. Stanno aspettando la riunione della banca centrale statunitense, la Federal Reserve, che annuncerà mercoledì l’ammontare degli interessi che verranno raccolti.

Alla fine della scorsa settimana, il movimento dei tassi di interesse doveva essere di 0,5 punti percentuali, a un livello compreso tra l’1,25 per cento e l’1,5 per cento del cosiddetto Tasso del Fondo Federale Il tasso privilegiato negli Stati Uniti per il credito a brevissimo termine nel mercato monetario.

Da allora, le aspettative sono aumentate notevolmente: la maggior parte degli analisti ora ritiene che la banca centrale farà un grande passo mercoledì da 0,75 punti percentuali a un valore compreso tra l’1,5% e l’1,75%. Poiché la banca centrale raramente prende una decisione contraria alle aspettative del mercato per evitare qualsiasi fanfara, gli investitori hanno ipotizzato che questo sarebbe stato anche il risultato della riunione di mercoledì. Anche se si parla sempre più di un possibile spostamento di un intero punto percentuale.

La pressione sui mercati obbligazionari, dove sono fissati i tassi di interesse sui prestiti a lungo termine, è rimasta elevata. Questo mercato ascolta da vicino il tasso di interesse del mercato monetario a breve termine, fissato dalla banca centrale. Negli Stati Uniti, i titoli di Stato a 10 anni sono saliti al 3,43%, il livello più alto dal 2011.

Il tasso di interesse effettivo sui titoli di Stato olandesi a 10 anni, che lunedì è salito oltre il 2%, è salito al 2,13%. I movimenti di questo tasso di interesse sono generalmente correlati agli interessi sui mutui olandesi a lungo termine. Il cosiddetto tasso swap decennale, che guida il mercato dei mutui, è stato superiore di oltre due punti percentuali rispetto all’inizio di quest’anno ed è ora in aumento di 0,7 punti percentuali nel solo mese di giugno.

READ  Eve Vanderhay non è l'unico allenatore che ha subito questo destino - di Fans For Fans

Stress sui mercati obbligazionari europei

La pressione sui mercati obbligazionari europei è stata dimostrata al meglio dal differenziale dei tassi di interesse tra i titoli di Stato tedeschi e italiani a 10 anni, che è salito al 2,51%. La Banca Centrale Europea segue da vicino la diffusione dei differenziali dei tassi di interesse nell’Eurozona, poiché ciò danneggerebbe l’efficacia della politica monetaria.

Le borse americane sono leggermente scese in serata. Anche le azioni europee non sono riuscite a riprendersi dal forte calo dei prezzi di martedì e hanno finito per scendere in media di poco più dell’1%. Ad Amsterdam, l’indice AEX ha chiuso con una perdita dell’1,3 per cento a 652,87 punti, il livello più basso da ottobre 2020. Il più grande perdente, il servizio di pagamento Adyen, ha perso il 5,5 per cento a 1155,40 euro, il livello più basso da due anni e quasi. Il 60 per cento in meno rispetto a sei mesi fa.

Criptovaluta

Il bitcoin, che ha visto un enorme calo dei prezzi lunedì, non è stato in grado di riprendersi da quello martedì. Il titolo è sceso del 2,5% entro la sera a $ 22.600. C’è stata molta tensione attorno a Bitcoin, a causa delle voci che circondano un investitore Bitcoin quotato in Bitcoin Microstrategy. Questo investitore ha preso in prestito $ 205 milioni con oltre 19.000 bitcoin come garanzia. Se il prezzo della criptovaluta scende al di sotto di $ 21.000, Microstratgy riceverà una “richiesta di margine”, il che significa che i fondi dovranno effettuare depositi aggiuntivi come garanzia aggiuntiva per il prestito. Microstrategy aveva già annunciato a maggio di avere ancora abbastanza bitcoin in riserva da poter essere utilizzato come garanzia, in modo che non fosse possibile effettuare una richiesta di margine.

READ  Attenzione al tiro alla fune sull'inflazione in Europa

Martedì mattina il bitcoin è sceso brevemente di circa il 7% attraverso la spaventosa soglia di $ 21.000, ma quando le conseguenze non si sono concretizzate, la moneta è tornata al 2,5%, appena al di sotto del prezzo di lunedì. Lo stesso vale per Ethereum, la seconda criptovaluta più grande.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24