L’ebola a volte dorme nelle persone per anni

L’analisi genetica ora non lascia dubbi: l’epidemia del nuovo virus Ebola nella prima metà del 2021 in Guinea è stata il risultato della riattivazione del virus in un precedente paziente. Dal 2013 al 2016, la Guinea, insieme alla Sierra Leone e alla Liberia nell’Africa occidentale, è stata teatro della più grande epidemia di Ebola mai registrata nella storia, con oltre 28.000 infezioni e 11.000 morti. Il fatto che il virus stesso sia emerso cinque anni dopo dimostra che gli stessi esseri umani possono essere un serbatoio del virus Ebola. Questo è ciò che scrivono i ricercatori internazionali Questa settimana in temperamento natura.

A causa della sua grande importanza, i ricercatori hanno già condiviso il punto principale della loro scoperta con i colleghi tramite il sito a marzo virological.org. Analizzano ogni dettaglio della pubblicazione su Nature.

Il nuovo focolaio in Guinea è iniziato quando una donna di 51 anni di Goike è stata ricoverata in ospedale il 21 gennaio con mal di testa, dolori addominali, nausea, debolezza e vertigini. Rimandata a casa, le è stata diagnosticata la malaria e un’intossicazione alimentare. Sentendosi ancora malata, visitò un altro ospedale e un guaritore tradizionale. Morì tre giorni dopo.

Di fretta

Dopo il funerale, diversi membri della famiglia si ammalarono, compreso il marito. I test di laboratorio hanno mostrato che si trattava di un’infezione da virus Ebola. Il 14 febbraio, le autorità sanitarie della Guinea hanno dichiarato di nuovo un’epidemia del virus Ebola. Ben presto, i contatti delle vittime sono stati rintracciati e vaccinati. Più di diecimila contatti diretti e indiretti e operatori sanitari Ho un proiettile. Dopo altri due contagi segnalati ad aprile, la situazione è rimasta calma. Le autorità hanno dichiarato l’epidemia Maggiori informazioni il 19 giugno. Lo scoppio della malattia è stato limitato a 16 persone infette e 12 di loro sono morte.

READ  Chiudere la centrale elettrica più sporca d'Europa | scienza e pianeta

La composizione genetica del virus Ebola potrebbe essere decifrata da dodici pazienti, dimostrando che il virus era molto simile al virus che fluttuava durante la grande epidemia del 2016. Conteneva le stesse dieci mutazioni distintive. I ricercatori hanno calcolato che l’antenato più recente dei 12 virus analizzati deve aver avuto origine intorno al 22 gennaio 2021, la data della malattia della donna di 51 anni.

Ciò significa che il virus Ebola si nascondeva “latente” nel corpo di una persona, afferma il virologo Martin Peters dell’Università di Montpellier e uno degli autori dello studio. Se il virus avesse avuto origine da una catena di infezione non rilevata nella popolazione, vedremmo più mutazioni. Se fosse tornato agli esseri umani da animali selvatici, sarebbe apparso come un ramo separato dell’albero genetico del virus Ebola. Ma il virus del 2021 è al centro del gruppo di virus che abbiamo visto in Guinea nel 2016.

per sesso

Non si sa come la donna di Joike abbia contratto il virus. Durante la grande epidemia del 2013-2016, non era malata e non ha avuto contatti con pazienti di Ebola. Per quanto può essere certa, non è entrata in contatto con i malati di Ebola attraverso il suo lavoro di ostetrica. Secondo Peters, è ancora solo un’ipotesi. “Potrebbe essere stata infettata attraverso il sesso con qualcuno che era sopravvissuto all’Ebola, o avrebbe potuto avere un’Ebola lieve in quel momento, quindi non è stata testata e registrata”.

Sebbene manchi quest’ultima prova, la conclusione è convincente, afferma il professore di medicina tropicale Martin Grobusch dell’UMC di Amsterdam. “La notizia che un’epidemia può ricominciare improvvisamente in qualcuno che è stato malato per anni e può quindi trasmettere l’infezione ad altri inosservati ci toglie il fiato”, afferma Grobush. Il virus a volte può ancora essere rilevato nei fluidi corporei di persone sopravvissute all’Ebola, specialmente nello sperma. Questo era noto per rappresentare un rischio di ripresentarsi entro pochi mesi a due anni al massimo dopo l’epidemia. Il fatto che ciò sia ancora apparentemente possibile dopo cinque anni dà un senso di impotenza”.

READ  L'influenza aviaria estremamente pericolosa è fiorente nel nord del paese e sono stati trovati centinaia di uccelli selvatici morti

Solleva la questione se siano necessarie nuove misure per combattere l’Ebola. Gli autori suggeriscono di vaccinare tutte le persone intorno agli ex pazienti e possibilmente gli ex pazienti stessi. Grobusch è irremovibile: “La vaccinazione universale non è la risposta, data la fornitura limitata di vaccini e il fatto che non si sa per quanto tempo verrà fornita la protezione. Vedo di più nella vaccinazione mirata dei gruppi a rischio durante un’epidemia, il contatto diretto con i pazienti e il personale medico che cura i pazienti. Questo è ciò che sta accadendo ora.”

Leggi anche: Dal caos dell’epidemia sono emersi buoni vaccini contro l’Ebola

stigma

Anche il suggerimento in temperamento naturaUn articolo per eliminare il virus latente degli ex tossicodipendenti, Grobusch non vede come un’opzione. “Non siamo ancora arrivati. Il miglior farmaco che abbiamo ora, il remdesivir, è nella migliore delle ipotesi moderatamente efficace contro l’Ebola. La domanda è se sia possibile rimuovere il virus dormiente con i farmaci. Questo è difficile perché, ad esempio, noi non sono ancora riuscito a farlo con altre malattie infettive come l’HIV o la tubercolosi”.

Il fatto che i pazienti guariti da Ebola siano ancora una fonte di nuove infezioni a distanza di anni è molto delicato. Lo stigma e l’esclusione sono latenti. “L’unica cosa che possiamo fare al riguardo è mettere le cose in chiaro”, dice Grobush. “Quello che abbiamo visto ora è strano. Non sorprende che lo vediamo nell’Africa occidentale, perché c’è stata la più grande diffusione di sempre. Tuttavia, il rischio è molto piccolo. Dei 17.000 sopravvissuti nell’Africa occidentale, una manciata di uomini potrebbe ancora avere un virus in grado di rilevarlo nel loro sperma.”

READ  Le caviglie gonfie possono indicare insufficienza cardiaca

Ecco perché è meglio investire energie nella scoperta di nuovi focolai. E questa è la buona notizia, dice Grobush, perché è chiaro che le cose stanno andando davvero, davvero bene. “La vigilanza è molto alta, e ciò significa che puoi fermare un focolaio sia che provenga da umani o animali molto rapidamente”. Come esempio, cita la scoperta dell’infezione di Marburg in un uomo che si è ammalato all’inizio di agosto, vicino al luogo in cui si è verificata l’epidemia di Ebola. “Naturalmente le persone hanno subito avuto paura del ritorno dell’Ebola. Ma si è scoperto che si trattava del virus Marburg, che è un virus emorragico strettamente correlato. Grazie al rapido intervento e all’isolamento dei contatti, mi sono limitato a questa contaminazione. Questo è una vittoria: mostra quanto sia forte ed efficace la vigilanza in questo ambito”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24