L’Embassy Film Museum di Hollywood apre le sue porte dopo quasi 100 anni

Il nuovo Los Angeles Film Museum era leggendario ancor prima di aprire i battenti. La composizione sembra essere un progetto per la sceneggiatura di un film.

Gli autori del Guinness dei primati non devono ancora saperlo, perché altrimenti l’Ambass, o il Museo dell’Accademia delle arti e delle scienze cinematografiche, avrebbero sicuramente un posto in esso. Dopotutto, ci è voluto poco meno di un secolo – sì, avete letto bene – prima che il Museo del Cinema fosse completo. È costato più di $ 482 milioni. In altre parole, un thriller da museo con una sceneggiatura che nemmeno Hollywood avrebbe potuto inventare.

Da “mandibolare” a “psico”

La New Makkah Gallery per tutti i veri amanti del cinema è di circa 30mila metri quadrati e in una mostra permanente che mostra oltre cento anni di storia del cinema in spezzoni di film, video, poster, oggetti di scena, scenografie, costumi e manufatti. Per questo ha potuto contare sugli archivi dell’Academy, la famosa organizzazione di registi di Hollywood, che ha la più grande collezione di film al mondo con 13 milioni di pezzi.

Puoi vedere lo squalo originale di “Jaws” o il Rosebud, la slitta di “Citizen Kane”, un regalo di Steven Spielberg che ha acquistato il famoso “prop” all’asta negli anni ’80. Mentre Leonardo DiCaprio ha donato parte della sua collezione di vecchie locandine di film. Oppure considera la macchina da scrivere originale che Joseph Stefano ha usato per scrivere “Psycho” di Hitchcock. Anche se i curatori vanno oltre: la mostra non esalta la storia del film.

La cupola, in vetro, acciaio e cemento, contiene una sala cinematografica con più di mille posti a sedere rosso vivo, descritta dall’architetto Renzo Piano come il miglior cinema del mondo.
© Fondazione Museo dell’Accademia

Il museo mette in mostra anche gli aspetti meno attraenti dell’industria cinematografica. Troverai trucchi di ottant’anni per attori bianchi che dovevano interpretare persone di colore. Al secondo piano si trova la galleria “Significant Movies & Movie Makers”, con film che sfondano l’immagine stereotipata delle donne e delle minoranze, ad esempio.

Al piano superiore, la mostra Rolex con “Cinema Stories” mette in evidenza diversi aspetti del cinema, comprese molte carriere dietro le quinte. Dopotutto, Rolex non è solo una montatura al polso di molti attori sullo schermo. Marlon Brando indossava un Rolex in “Apocalypse Now”, così come Bill Paxton in Titanic e Paul Newman in The Colour of Money. Qui potrete ammirare il mitico Rolex Cosmograph Daytona 6239 disegnato da Paul Newman, acquistato all’asta da un collezionista privato nel 2017 per 15,3 milioni di euro. Il marchio di orologi svizzero è anche partner degli Oscar annuali e ha co-finanziato questo museo.

La prima mostra temporanea dalla sua apertura mette in evidenza il lavoro del pittore giapponese Hayao Miyazaki. Mentre la cupola di vetro, acciaio e cemento di nuova costruzione ospita un cinema con oltre mille posti a sedere rosso vivo, il grande architetto Renzo Piano lo ha descritto come il miglior cinema del mondo.

Il museo ospita la più grande collezione di film del mondo.
© Fondazione Museo dell’Accademia

vecchio film dei sogni

Meglio tardi che mai è praticamente il motto di Ampas negli ultimi anni. Già nel 1927, anno di fondazione dell’Accademia, si pensava di costruire un museo del cinema. Il crollo del mercato azionario due anni dopo sospese il progetto per la prima volta, fino agli anni ’40, quando trovò posto nell’ex Trocadero Clubhouse su Sunset Boulevard, con le scarpe di Charlie Chaplin e i riccioli di Mary Pickford come attrazioni. Ma la guerra ha sventato i piani.

READ  Extra richiesti per la giornata di riprese a Sittard

Da ammirare: manifesti, oggetti di scena, kit, costumi, oggetti d’antiquariato.

Entra nei Golden Sixties e William Pereira, un architetto americano con un budget di quasi $ 16 milioni, più di $ 140 milioni al prezzo attuale. Le cose si mettono di nuovo male, questa volta con il sequestro.

© Ewan Pan / Fondazione Museo dell’Accademia

Alla fine ci vorrà fino al 2006 prima che le cose tornino a muoversi. Quell’anno, l’Academy ha pagato $ 50 milioni per acquistare un appezzamento di terreno a Hollywood. Architetti famosi, tra cui Sir Norman Foster e il vincitore del Premio Pritzker francese Christian de Portsamparc, sono a disposizione. Quest’ultimo è uno dei preferiti. Due anni dopo, rivela i suoi piani. Budget: 400 milioni di dollari.

Puoi sentirlo arrivare: nello stesso momento in cui nel 2008 De Portzamparc ha fatto la sua presentazione, il mercato azionario statunitense sta precipitando a una profondità senza precedenti. Fine della storia, per la millesima volta.

navicella spaziale

Quattro anni dopo, l’Accademia ha proposto l’idea di rinnovare un edificio moderno esistente al Rowe Museum con un budget ridotto e ospitarvi il museo. Stranamente, ha attratto il famoso architetto italiano Renzo Piano, di The Shard a Londra e il Centre Pompidou di Parigi. L’uomo non fu subito conosciuto per i suoi modesti progetti di ristrutturazione.


Chiunque pensi che l’A-list parteciperà agli Oscar del prossimo anno ai 1.000 posti rossi dell’ambasciata sarà deluso.

Se il Comitato prenderà la stessa decisione oggi è una domanda che nessuno osa porsi. Dopotutto, il progetto si trasforma in un incubo finanziario. Il costo totale inizialmente stimato in $ 250 milioni, alla fine sale ad almeno $ 482 milioni.

© Alami

flipper

Come è esploso il budget interstellare? I chip architettonici fungono da filo rosso durante il processo di costruzione. Un architetto separato è stato assunto per rinnovare la facciata dell’edificio esistente da solo. John Fiddler, il britannico che in precedenza era responsabile della manutenzione di Stonehenge, ha sostituito circa la metà delle 365.000 piastrelle di vetro sulla facciata con nuove, realizzate dall’azienda italiana originale.

Mentre l’intero interno dell’edificio esistente è stato smontato e sostituito con pareti di vetro e ascensori trasparenti. “In questo modo vedi la luce che si muove attraverso gli ascensori e vedi le persone che salgono e scendono come se fossero in un flipper”, dice Piano. Una descrizione forse un po’ irriverente della sua stessa realizzazione, che tuttavia gli attribuisce un grande futuro. “Il museo è costituito da un edificio che appartiene alla storia della città e un altro che appartiene al futuro”, ha detto l’architetto al Wall Street Journal.

Partenone

© Alami

La costruzione è stata in gran parte completata nel 2019. Tom Hanks, una delle star del cinema nel consiglio di amministrazione dell’Accademia, ha annunciato l’apertura del museo nell’inverno 2020. Poi è arrivato Corona…

All’inaugurazione del museo a fine settembre, Tom Hanks ha parlato di nuovo. Ci sono altri musei del cinema nel mondo. Ma, con tutto il rispetto, quello dovrebbe essere il Partenone di Los Angeles.

Tuttavia, chi pensa che gli Oscar del prossimo anno si svolgeranno in quel Partenone, con le star sul red carpet e le file in mille poltrone rosse, resterà deluso. I membri dell’Accademia potrebbero aver adocchiato il loro tempio da mezzo miliardo di dollari per quasi cento anni, ma la festa del 2022 si svolgerà al Dolby Theatre.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24