L’eruzione del vulcano La Palma minaccia l’oro giallo: “Le nostre piantagioni di banane vengono inghiottite”

“Le foglie e i frutti delle mie piante sono pieni di cenere”, ha detto al telefono il coltivatore di banane Hilario Batista dalla sua casa a La Palma. Anche se le sue piantagioni di banane non sono d’intralcio al flusso di lava bollente che ha raggiunto il mare mercoledì, ha comunque visto una buona parte del suo raccolto cadere nell’acqua. “I frutti sono stati distrutti dalla pioggia di cenere. Ho già spazzato via 30 chilogrammi di cenere dal mio tetto”.

Impossibile andarci tutti i giorni

“Cerchiamo di raccogliere il più possibile. Ma per motivi di sicurezza, non sempre ci è permesso andare nelle fattorie. Ieri la lava ha inghiottito un altro campo”, afferma Elisa Martinez dell’azienda bananiera Europlatano, che ha campi nella zona interessata dalla colata lavica.

Gli agricoltori le cui aziende agricole esistono ancora spesso non sono in grado di prendersi cura anche delle banane. “Di solito andiamo tutti i giorni, ma ora è impossibile a causa delle barriere”, dice Martinez.

Isola delle banane

Conosciuta come La Isla Bonita, La Palma è l’isola bellissima, ma è anche conosciuta come Banana Island. Perché dopo Tenerife, La Palma ha la più grande area di piantagioni di banane di tutte le Isole Canarie, quindi metà dell’economia dell’isola opera su questo “oro giallo” e il trenta percento dei posti di lavoro è legato al settore.

L’eruzione del vulcano Cumbre Vieja ha gravemente colpito la coltivazione delle banane: 1.200 dei circa 3.000 ettari di piantagioni di banane a La Palma sono stati danneggiati, afferma l’Associazione canaria dei produttori di banane Asprocan, che stima i danni iniziali in 72 milioni di euro.

READ  Arrestato in Grecia il leader dei rifugiati del partito di estrema destra Alba Dorata

La cenere vulcanica distrugge le banane

“Se il vulcano continua a eruttare e il flusso di lava si espande, o se si sviluppa un ramo, il danno non farà che aumentare. Ogni giorno conta”, ha affermato Manuel Redondo, portavoce dell’Associazione per l’agricoltura e il bestiame delle Canarie.

La vera piaga ora è la cenere vulcanica nera come il jet sulle piante di banana, perché non puoi semplicemente lavarla via, secondo Redondo. “Il frutto è molto fragile. Se la cenere penetra all’interno, il frutto spesso si rompe durante la pulizia. Puoi vederlo quando le banane sono mature. Le ceneri agiscono come una specie di coltello”.

Chiama in Spagna

Secondo Redondo, la colata lavica attraversa una delle più importanti regioni delle banane della Palma. Le banane vengono solitamente conservate in serre di plastica. Se gli incendi – e i pesticidi immagazzinati lì – prendono piede, possono formarsi nuvole tossiche.

La maggior parte delle banane delle Canarie viene venduta sulla terraferma spagnola. È stata lanciata un’azione sui social media per incoraggiare gli spagnoli ad acquistare banane canarie al fine di sostenere gli agricoltori colpiti a La Palma.

La Spagna ha dichiarato La Palma una zona disastrata e ora sta stanziando più di 10 milioni di euro per aiutare gli isolani. Seimila di loro sono stati evacuati e più di ottocento case sono state distrutte a causa dell’eruzione vulcanica.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24