L’esercito israeliano sta indagando sull’uccisione di un ragazzino palestinese di 11 anni | all’estero

L’esercito israeliano ha aperto un’inchiesta sull’omicidio di un ragazzino palestinese di 11 anni. È stato colpito al petto in uno strano incidente in Cisgiordania, mercoledì, mentre era in macchina con suo padre.




I fatti sono avvenuti nella cittadina di Beit Ummar, vicino a una base militare israeliana a Hebron. I soldati israeliani hanno riferito di “attività sospetta”: diversi uomini hanno speronato un’auto e hanno iniziato a scavare un pozzo. Quando se ne furono andati, i soldati andarono a dare un’occhiata. Hanno trovato, tra l’altro, una borsa in cui era avvolto il corpo di un neonato.

Un attimo dopo si è alzata un’altra macchina, che i soldati pensavano fosse la stessa. Quando l’autista ha ignorato il segnale di stop militare, hanno sparato prima in aria e poi nelle gomme dell’auto, fermandola.

Quando i soldati sono venuti a dare un’occhiata, hanno trovato Mohamed Alami, 11 anni, morto in macchina. Gli hanno sparato al petto. “Stiamo indagando sull’incidente”, ha detto l’esercito israeliano.

Nasri Sabarneh, sindaco di Beit Ummar, ha detto che il ragazzo era in macchina con suo padre e sua sorella. Secondo Sabarneh, la famiglia ha seppellito il neonato, ma poi i soldati israeliani hanno riesumato il corpo. Quindi ai residenti è stato chiesto di riesumare il corpo e di seppellirlo di nuovo.


We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24