L’esordiente Finlandia vuole vincere una medaglia agli Europei: “Il nostro allenatore è fantastico”

mer 22 dic 2021 alle 07:20• Rian Rosendaal • Ultimo aggiornamento: 18:48

Dal 19 gennaio al 6 febbraio 2022 nei Paesi Bassi Coppa Europea Futsal 2022 maneggiare. in un Miti sul futsal Voetbalzone racconta la storia dei partecipanti a questo Campionato Europeo. In questa prima edizione, la nazionale finlandese è stata presentata all’allenatore della nazionale Mikko Martic e al fuoriclasse Banu Otiu. La storia di un piccolo paese nel futsal che cerca di raggiungere la vetta.

di Tim Clean

È il 14 aprile 1912. Il gigantesco Titanic, ritenuto indistruttibile, affondò dopo essersi scontrato con un iceberg. Avanti veloce di 107 anni, il 14 aprile 2019. Con 1-0, la Finlandia, che è al 35° posto nella classifica FIFA Futsal, ha battuto la Spagna, sette volte campione d’Europa. L’enorme pentagono Titanic si schianta contro l’iceberg finlandese. È il primo segnale che la nazionale della Terra dei mille laghi dovrebbe essere presa sul serio dai grandi del futsal europeo. Guidata dall’allenatore Mikko Martic, che ha guidato la nazionale finlandese nel 2013, la debole nazione è pronta a spazzare via l’Europa nel futsal. La Finlandia vuole vincere la Medaglia d’Onore ai Campionati Europei di Futsal nei Paesi Bassi a febbraio.

Laddove la Spagna, sette volte campione d’Europa, può fare affidamento su una forte concorrenza nazionale, il numero quattro europeo Kazakistan naturalizza i brasiliani a tempo di record e i campioni in carica del Portogallo possono basarsi eredità Dal suo campione recentemente ritiratosi Ricardinho, la Finlandia è in realtà un topo grigio nel mondo del futsal. Non ci sono giocatori naturalizzati in Finlandia, nessuna forte concorrenza e certamente nessun grande ritiro. Il freddo paese del nord Europa ha solo giocatori del proprio paese d’origine che giocano nel proprio campionato. Il torneo di calcetto indoor, campionato nazionale finlandese di futsal, non è molto apprezzato in Europa. Nessuna squadra del campionato è arrivata agli ottavi di Champions League. Ma la Finlandia ha un allenatore stimolante dalla Croazia, una mente tattica di nome Miko Martic.

READ  "Bale vuole lasciare, spera di ottenere il via libera per il Real Madrid e sta valutando un cambio di carriera".

Quando Martic è subentrato come capo allenatore nel 2013, la squadra di futsal finlandese era in fase di transizione. La nazionale era già ben organizzata, ma ora si sono fatti investimenti anche nella competizione nazionale. I club sono passati improvvisamente dall’allenamento due volte a settimana a tre o quattro volte a settimana. Sotto l’influenza di Martik, l’istruzione divenne una parte importante. Gli allenatori del club si sono formati meglio, hanno diffuso le conoscenze acquisite e hanno migliorato il futsal finlandese. Martic stesso parlando con zona di calcio Molto umile a riguardo: “Non è che sono venuto e tutto è cambiato. Molti piccoli passi sono stati fatti nella giusta direzione nello stesso periodo. Combinato con la passione che i finlandesi hanno per il futsal, lo sport in questo paese ha fatto grandi progressi negli ultimi pochi anni “.

Nel 2021, la Finlandia sperava di mostrare al mondo cosa poteva fare. In un difficilissimo girone di qualificazione ai Mondiali, con le superpotenze Italia, Portogallo e Bielorussia, hanno sorprendentemente conquistato il secondo posto. Tuttavia, gli scandinavi hanno dovuto riconoscere i loro superiori in Serbia nella finale di qualificazione. 5-6 dittico sono andati perduti. I finlandesi non erano al massimo della potenza bellica. A causa del Corona virus, la partita contro la Serbia è stata più volte rinviata, il che rende difficile la concentrazione. Alcuni giocatori si sono anche ritirati dopo aver contratto il virus. L’eliminazione è stata una pillola amara ma l’orgoglio ha prevalso e ora vogliono la vendetta il più presto possibile.

Gruppo B Finlandia nella fase a gironi del FIFA Futsal Championship 2022

Questa situazione ha portato alla qualificazione per il Campionato Europeo di Futsal 2022. Nell’ultimo giorno di qualificazione, gli avversari diretti del Belgio sono stati sconfitti 3-2 in una partita diretta. Così la Finlandia si è classificata al secondo posto nel girone, dopo l’Italia, che si è assicurata la partecipazione all’Europeo. Il gol della vittoria è stato segnato dal 36enne capitano Banu Otiu, che ha segnato più di 100 gol in 143 partite. Qual è il suo segreto e la squadra in cui gioca la star?

READ  Coyote ha risposto per primo: "Sono stato ingenuo, ma questi importi non sono corretti"

Autio non è sempre stato un giocatore di futsal. In gioventù ha provato diversi sport: dallo sci, all’hockey su ghiaccio e al floorball fino al calcio. All’età di diciotto anni, Autio ha iniziato a giocare a futsal. Ha dimostrato di avere talento e presto ha giocato da professionista. Nel 2010 ha lasciato la Finlandia per la Spagna ed è diventato il primo finlandese a giocare a futsal professionistico all’estero. Ha giocato anche nel campionato russo ea Malta. Ora che la competizione nazionale finlandese è migliorata, è tornata. Quest’anno, Autio gioca per il Golden Futsal (GFT), che è secondo in campionato. Gioca principalmente di lato, ma può giocare ovunque.

Quando gli è stato chiesto della sua ricerca per segnare, Autio è stato pieno di elogi per i suoi compagni di squadra: “Sono molto fortunato con i miei compagni di squadra, spesso mi lasciano segnare. Ovviamente devi fidarti di te stesso, essere in grado di valutare bene le situazioni, in modo che tu spesso sei al posto giusto al momento giusto e soprattutto devi giocare con passione, la squadra sta giocando molto bene per via di un lungo percorso”. Autio è anche pieno di elogi per Martic: “Il nostro allenatore è l’artefice di questo processo, è fantastico. In qualche modo è riuscito a contagiare tutti con la sua passione per il futsal. Segue da vicino i migliori giocatori, squadre e tattiche”.

“Capisce benissimo perché certe cose succedono in campo”, continua Autio. “Non solo può introdurre nuove tattiche e innovazioni, ma è anche molto bravo a spiegare perché questo deve essere fatto. La squadra è insieme da molto tempo e giochiamo con passione. Subito dopo la partita guardiamo indietro a come le cose sono andate e come potrebbero essere migliorate. Tutti quei piccoli dettagli fanno la differenza. Oserei dire che di tutte le squadre di futsal del mondo è cresciuta di più negli ultimi anni. Facciamo tutto insieme”. E il suo allenatore aggiunge: “I finlandesi fanno tutto con passione. Forse non abbiamo le qualità individuali di altre squadre, ma diamo tutto. La passione è la cosa più importante”.

READ  Il blocco nazionale austriaco sconvolge l'umore delle vacanze

Il motivo potrebbe essere la mancanza di esperienza nella fase finale del torneo. L’attuale numero 14 della classifica europea segna la prima partecipazione in assoluto al Campionato Europeo. Tuttavia, l’allenatore ha questa esperienza. Lo stesso Martic ha giocato nel Campionato Europeo 1999, segnando il primo gol della Croazia nell’ultimo turno. Spera di trasmettere la sua esperienza ai suoi giocatori. La Finlandia è classificata in un girone molto difficile. I finlandesi si classificano tra le vecchie conoscenze di Italia (ottava), Slovenia (11) e Kazakistan, quarta classificata, arrivata in semifinale nell’ultimo Mondiale.

Per i nordisti, partecipare all’Europeo è un sogno che si avvera. Martic: “Siamo solo un piccolo Paese nel mondo del futsal. Rappresentiamo tante persone e loro sono orgogliosi di noi. Vogliamo vincere almeno una delle tre partite e continuare il girone”. Autio sarebbe molto felice di arrivare il più lontano possibile: “Certo siamo i quattro del girone in base alla classifica. Ma crediamo in noi stessi. Vogliamo restare ad Amsterdam fino alla fine del torneo. Ci andiamo per vinci tutto. Se sei realista, molte squadre sono migliori. Ma noi vogliamo fare colpo e lottare per ogni metro.. che le persone ci vedano giocare e pensino: anche questa è una squadra un’altra cosa.


We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24