L’esperto di difesa Koo Cullen trae queste lezioni dall’uso delle armi in Ucraina | Attualmente

L’esperto di difesa Ko Kullen fornisce agli olandesi informazioni sui conflitti armati da oltre quarant’anni. Per NU.nl segue la battaglia in Ucraina e risponde alle nostre (e vostre) domande. La domanda questa volta è: quali lezioni trae Cullen dall’uso delle armi a questo punto della guerra?

1. Un’antica guerra con una novità

L’ultima volta Ha scritto Sappiamo già che gli esperti sono giunti alla conclusione che la guerra antica conta ancora. Afferrazioni di terra, trincee, cannoni e fanti sono le componenti della guerra ucraina. Chi può sparare fino al punto più lontano con le granate (il più lungo raggio, si chiama nella terminologia) ha la preferenza. Al momento sono i russi. Ma se l’Occidente introdurrà i lanciamissili HIMARS, saranno di nuovo le forze armate ucraine.

Gli Stati Uniti non vogliono fornire cannoni o missili che possano prendere di mira obiettivi nella stessa Russia, perché il rischio di un’escalation sarà troppo grande e nessuno lo vuole. Quindi entrerebbe in gioco il dispiegamento di un’arma nucleare tattica (sul campo di battaglia o in mare come dimostrazione). E sebbene questa opportunità non sia grande, è vicina date le circostanze. La novità è la comunicazione da parte ucraina. È veloce, migliore e flessibile. Questo gioca un brutto scherzo ai russi, perché sembrano operare “rigorosamente”, lasciandoli vulnerabili.

2. Gli Stati Uniti stanno ancora ritardando

Negli stessi Stati Uniti sono stati recentemente effettuati test con la versione HIMARS che ha una gittata molto lunga (missili con una gittata superiore a 500 km) e viene lanciata in modo completamente automatico. L’intelligenza artificiale determina quando e cosa sparare. Questa versione è molto mobile e quindi si “nasconde” dopo l’uso. Una persona, lontana dalla parte anteriore, può vedere tutto sullo schermo e premere il pulsante di avvio o tirare il freno di emergenza, da più sistemi contemporaneamente. Con questo, l’esercito americano afferma di essere in grado di disabilitare le strutture di tiro del nemico in modo convenzionale.

READ  Trump definisce l'uscita degli Stati Uniti dall'Afghanistan un grande insulto | All'estero

Questa guerra uno contro uno non è lontana, ma gli americani hanno questa versione PrSM (missile d’attacco di precisione) Non è stato rilasciato per uso personale, per non parlare di un alleato, per non parlare dell’Ucraina. L’aviazione americana, che non è priva di rivalità reciproca, trova questa avventura militare superflua. Pensano di poterlo fare con i propri aerei.

3. L’effetto dell’atterraggio di aeromobili con costi in aumento

Ma questi aerei in realtà svolgono un ruolo relativamente piccolo nella guerra ucraina. In effetti, ci sono critiche negli Stati Uniti per il ruolo apparentemente esagerato dei costosi aerei da combattimento. nella carta Missione e scopo È stato dimostrato che i russi non sono mai riusciti a raggiungere l’obiettivo classico superiorità aerea ottenere. Le loro perdite sono significative (75 velivoli) rispetto alle difese antiaeree ucraine (solo 24 dei 250 sistemi missilistici S-300 che avevano).

Il Defender sembra avere il vantaggio e sembra valga la pena investire in questo tipo di sistemi. non costoso superiorità aereama più economico negazione dell’aria (Tenere gli aerei completamente lontani) Questo dovrebbe essere il motto, ed è una lezione che l’USAF dovrebbe prendere molto sul serio. Un messaggio duro per l’orgogliosa US Air Force che subì la sua ultima sconfitta a terra il 15 aprile 1953 (!).

Trova l’USAF superiorità aerea Ovviamente con costosi caccia stealth. Ma è stato anche calcolato – un po’ scherzando – che se l’attuale tasso dei prezzi degli aerei da combattimento continua a salire, è possibile acquistare uno di questi aerei dall’intero bilancio della difesa entro il 2054. Per inciso, qualcosa da ricordare anche dal ministro Kajsa Olungren, che acquista altri sei F-35.

READ  Politie Ottawa overweegt leger in te zetten tegen demonstranten | Buytenland

4. Questa guerra è caratterizzata dall’entità del danno

Quando la guerra supera i 100 giorni (e presto i quattro mesi), inevitabilmente emergono elenchi di risultati. Sebbene la foto dei cadaveri a Boetsja dica di più alle persone, siamo anche umili riguardo a queste liste perché ci dicono qualcosa.

Svolgono anche un ruolo nel quartier generale dove è prevista la continuazione della guerra. Innanzitutto: l’ultima versione di monitoraggio del supporto Dall’Università di Kiel, i Paesi Bassi sono al 23 ° posto tra i paesi che danno parte delle loro entrate all’Ucraina. Questo è meno Dal Lussemburgo (15) e da molti altri piccoli paesi europei. E anche posto più basso rispetto all’inizio di maggio. Non molto bello.

Nei primi cento giorni la guerra non fu solo brutta ma anche devastante. Le perdite russe potrebbero raggiungere le 25.000, con 80.000 soldati “inutilizzabili” feriti. Nel frattempo, ovviamente, di più. I russi hanno perso 1.000 carri armati, 50 elicotteri, 360 cannoni e circa 40 combattenti. Cancellati o rinviati frettolosamente, per cortesia, i paesi con in mente i missili russi temono che il 60 percento di quelle munizioni fallirà.

Nel frattempo, si dice che l’Ucraina pianga “decine di migliaia” di morti tra militari e civili e il presidente Zelensky ha recentemente parlato del numero che è salito a 100 ucraini morti e 500 feriti un giorno dopo che la guerra si è spostata nel bacino del Donets. Questi numeri sono raddoppiati da allora.

Secondo Kiev, i bombardamenti russi nei primi 100 giorni hanno distrutto quasi 40mila edifici, distrutto 1900 istituzioni educative, distrutto 350 ponti, distrutto 500 ospedali e distrutto altrettante fabbriche.

I bombardamenti russi hanno causato lo sfollamento di sette milioni di persone in Ucraina e da altri sette a otto milioni all’estero (due milioni dei quali sono ora tornati nella speranza di una benedizione). I russi ora occupano il 20 per cento (era il 7 per cento prima del 24 febbraio) del territorio.

READ  Coronatsunami inonda l'Inghilterra, ristoranti e pub si chiudono | all'estero

Inutile dire che l’economia ucraina si è ridotta notevolmente: – 35 per cento, e il danno è stato di 600 miliardi di dollari. D’altra parte, l’economia russa soffre anche di quasi 5.000 sanzioni separate che il Paese deve ingoiare e perché l’inflazione è vicina al 20% su base annua.

La guerra può essere in qualche modo messa in prospettiva (anno dopo anno, ci sono circa 450 grandi conflitti nel mondo, più della metà dei quali violenti) e segnata da conseguenze dirette per il resto del mondo. Secondo il coordinatore delle crisi delle Nazioni Unite Amin Awad, 1,4 miliardi di persone rischiano la fame a causa della mancanza di grano e fertilizzanti.

5. Tutti gli accordi sono solo un pezzo di carta

Con un po’ di ironia, si potrebbe dire che la guerra trasforma tutte le cose belle della politica mondiale in questioni secondarie. Questo vale per il principio del rispetto delle leggi di guerra (per quanto riguarda civili e prigionieri di guerra, il 10% delle munizioni russe è vietato dalla natura), la fame, l’ambiente e molte altre cose “grandi”.

Ma obiettivi elevati come il controllo degli armamenti sono stati sospesi per un po’ di tempo. Questo vale per le minacce russe con armi nucleari, ma accogliamo anche con favore la Finlandia come potenziale membro della NATO, anche se quel paese (come altre grandi potenze, del resto) ha un divieto totale delle mine antiuomo. Si rifiuta† Come ha affermato il ministro della Difesa finlandese Sauli Niinistö: “Tutti gli accordi ora non sono altro che un pezzo di carta”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24