L’estinzione di massa trenta milioni di anni fa si è rivelata più massiccia di quanto si pensasse in precedenza

Fino al 63 percento dei mammiferi che vivono in Africa e nella penisola arabica si è estinto. Ma solo ora lo abbiamo scoperto.

Circa trenta milioni di anni fa, il clima della Terra è completamente cambiato. A differenza di oggi, il nostro pianeta sta diventando più freddo, le calotte glaciali si sono allargate, il livello del mare è sceso e le foreste lussureggianti hanno lasciato il posto a vaste praterie. Sebbene questo sia noto per annunciare la scomparsa di due terzi delle specie che vivevano in Europa e in Asia all’epoca, i mammiferi africani riuscirono a sfuggire alla danza. Almeno… questo è quello che pensavamo.

Mammiferi Africani
Fino a poco tempo fa si credeva che i mammiferi africani apparissero relativamente indenni. Il clima temperato africano e la vicinanza all’equatore fungevano da cuscinetto che proteggeva la regione dal peggior freddo. Ma ora, grazie a una pletora di fossili trovati nel deserto egiziano in fiamme, i ricercatori hanno dimostrato che i mammiferi africani – nonostante il loro ambiente “bello” – sono stati colpiti tanto quanto le specie in Europa e in Asia.

fossili
Il team ha studiato centinaia di fossili appartenenti a cinque gruppi di mammiferi, consentendo loro di costruire alberi genealogici evolutivi. Ciò ha permesso loro di determinare con precisione il tempo di divergenza delle nuove razze e di cronologicamente la prima e l’ultima apparizione di ciascuna specie. Porta a un risultato interessante. I risultati indicano che tutti e cinque i gruppi di mammiferi hanno subito pesanti perdite nel passaggio dall’epoca geologica dell’Eocene all’Oligocene; Circa trenta milioni di anni fa. “Era davvero un pulsante di ripristino”, ha detto il ricercatore Dorian de Vries.

Alcuni fossili sono stati esaminati. A sinistra: primati, in alto a destra: hyaenodon carnivoro, in basso a destra: roditori. Foto: Matt Borths

Ciò significa che i mammiferi che vagavano per il continente africano sono lontani dal prosperare nel nuovo ambiente freddo. Ciò significa che l’estinzione di massa che è durata trenta milioni di anni è stata molto più grande di quanto si pensasse in precedenza. Fino al 63 percento dei mammiferi che vivono in Africa e nella penisola arabica si è estinto.

READ  Gli Young Devils domani giocheranno contro la Danimarca: "Dobbiamo creare più occasioni" | calcio

Sfide
Le poche specie rimaste non erano facili. Con il raffreddamento delle temperature, l’Africa orientale è stata anche devastata da una serie di eventi geologici catastrofici, come eruzioni vulcaniche e inondazioni basaltiche, massicce eruzioni che hanno coperto vaste aree di roccia fusa. Allo stesso tempo, la penisola arabica si separò dall’Africa orientale, creando il Mar Rosso e il Golfo di Aden.

Sebbene questa possa sembrare una fine piuttosto fatidica, questi gruppi appaiono sorprendentemente nei reperti fossili alcuni milioni di anni dopo. Anche se ha subito una trasformazione. Ad esempio, i roditori e le scimmie riemergenti hanno denti diversi. Erano una nuova specie, mangiavano cibi diversi e facevano di altri habitat la loro casa. “È molto chiaro che il periodo di recupero ha seguito l’estinzione di massa”, ha detto il ricercatore Stephen Heritage. Questo rende anche le estinzioni molto interessanti. “Uccide, ma apre anche nuove opportunità ecologiche per le specie sopravvissute nel Nuovo Mondo”, ha affermato il ricercatore Matt Borths.

Uomini
Ciò significa che l’estinzione di massa della durata di trenta milioni di anni rappresenta un particolare collo di bottiglia evolutivo. Sebbene la maggior parte delle specie si sia estinta, solo poche sono riuscite a sopravvivere. E nei successivi milioni di anni, queste strisce rimanenti si diversificarono. I nostri antenati scimmieschi sono quasi completamente scomparsi dalla faccia della Terra. ca. Perché pochi sono riusciti a sopravvivere. “Se fossero morti 30 milioni di anni fa, non saremmo stati lì prima”, ha detto il ricercatore Eric Seifert. “Fortunatamente, non è successo.”

studiando Rivela che molta diversità è stata persa al confine tra Eocene e Oligocene. Più di quanto si pensasse in precedenza. Ma le specie sopravvissute sembrano aver avuto abbastanza per affrontare il clima fluttuante. Il ricercatore Hisham Salam ha affermato: “I cambiamenti climatici nel corso del tempo geologico hanno formato l’albero evolutivo della vita”. “Quindi raccogliere prove dal passato è un ottimo modo per vedere come il cambiamento climatico sta influenzando gli ecosistemi”.

READ  I reparti pediatrici degli ospedali di Amsterdam sono invasi dal virus RS, gli interventi rimandati

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24