L’Etiopia accetta il cessate il fuoco dopo la perdita in Tigray | all’estero

Il governo etiope ha accettato un cessate il fuoco temporaneo dopo che i combattenti del Fronte di liberazione del popolo del Tigray hanno catturato la capitale della regione ribelle del Tigray. Funzionari e governo ad interim sono fuggiti, mentre testimoni oculari hanno riferito che le persone hanno festeggiato nel capoluogo regionale, Mikkeli. “Tutti stanno ballando fuori.”




© AP

Il governo di Addis Abeba ha detto che la richiesta del movimento ribelle per un cessate il fuoco è stata immediatamente accolta. La tranquillità dovrebbe consentire agli agricoltori di raccogliere in sicurezza e fornire sollievo senza ostacoli. La stagione della raccolta termina a settembre.

Le forze armate etiopiche controllano dalla fine di novembre la capitale della regione settentrionale. Il primo ministro etiope Abiy Ahmed ha dichiarato all’epoca che era giunto il momento dell’assistenza umanitaria e della ricostruzione e che trattare con la “cricca” del TPLF sarebbe stata prerogativa della polizia. Nel frattempo infuriava il conflitto.

Dieci Val

Mekele, la base del potere de facto del Fronte di liberazione del popolo del Tigray, si trova a circa 500 chilometri a nord della capitale, Addis Abeba, nell’Etiopia federale. I tigrini costituiscono circa il 6% della popolazione, ma per 27 anni hanno controllato il paese con il TPLF, un ex movimento di guerriglia che ha contribuito a rovesciare la dittatura comunista nel 1991.

Il primo ministro Abiy Ahmed, che ha vinto il Premio Nobel per la pace nel 2019 per aver risolto le controversie sui confini con la vicina Eritrea, appartiene al più grande gruppo etnico, gli Oromo, che costituiscono quasi il 35 per cento della popolazione di oltre 100 milioni di persone.

combattimento

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha dichiarato, dopo una conversazione telefonica con Ahmed, di sperare che i combattimenti finiscano. Il Segretario generale ha descritto la situazione nel Tigray come estremamente preoccupante.

Nell’agosto dello scorso anno, la disputa tra il governo e il TPLF si è intensificata, portando alle elezioni. Una base dell’esercito federale a Mekele è stata attaccata all’inizio di novembre, ma nello stesso mese Addis Abeba ha ripreso il controllo della capitale regionale.

Da allora, migliaia di persone sono morte. Anche i soldati eritrei venuti per aiutare le forze etiopi hanno causato molte vittime. Secondo le Nazioni Unite, 350.000 persone rischiano la fame a causa del conflitto. La maggior parte dei 5,5 milioni di abitanti del Tigray ha bisogno di aiuti alimentari.

READ  Liberato in Libia il figlio dell'ex dittatore Gheddafi

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24