L’Eurogruppo ha approvato il fondo di emergenza dell’Unione Europea che è uno dei massimi funzionari Ue dopo mesi di polemiche


Foto: ANP

Dopo mesi di discussioni, i ministri delle finanze dell’Eurogruppo hanno deciso di nominare un nuovo capo del MES. L’ex ministro delle finanze lussemburghese Pierre Gramagnea è autorizzato a guidare il fondo di emergenza permanente dell’UE dal 1° dicembre da 19 paesi dell’euro.

Secondo fonti informate, la nomina è stata possibile perché il (nuovo) governo italiano aveva abbandonato la sua opposizione al lussemburghese. I ministri dell’Eurogruppo sono azionisti congiunti del MES e costituiscono il consiglio dei governatori. Devono decidere sulla posizione più alta. Il numero di azioni dei paesi dell’euro nel fondo ESM determina il suo peso di voto. Per la posizione di direttore è richiesto un supporto dell’80%. Questa percentuale non può essere raggiunta senza l’approvazione dei maggiori Stati membri, tra cui l’Italia.

Inizialmente i candidati alla massima carica europea erano quattro, tra cui l’ex ministro degli Esteri Mino Senil. Ritirato a maggio. Anche Gramegna è stato coinvolto fin dall’inizio. Il 64enne lussemburghese è stato ministro delle finanze del suo paese dalla fine del 2013 all’inizio di quest’anno e fa parte dell’Eurogruppo in questa posizione da più di nove anni.

L’ESM, con sede in Lussemburgo, può aiutare i paesi in difficoltà dell’euro con prestiti favorevoli, come ha fatto in precedenza per mantenere finanziariamente a galla la Grecia. In futuro, il fondo potrà anche essere utilizzato per ristrutturare banche in difficoltà o risolvere i fallimenti di queste banche.

READ  Dal Genoa all'FC Den Bosch: gli investitori si lanciano nel calcio professionistico

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24