L’Europa è pronta alla battaglia con Omicron: “Bisogna davvero vaccinare tutti” | all’estero

Con oltre un miliardo di dosi di vaccino pronte per l’uso, l’Europa è completamente attrezzata per combattere l’Omicron. C’è anche un urgente bisogno di questo, secondo il capo del comitato von der Leyen, perché il numero dei contagi è in aumento. Con un raddoppio ogni due o tre giorni, l’Omicron sarà la varietà dominante entro la metà di gennaio.




Lo ha detto questa mattina la presidente della Commissione Ursula von der Leyen in un dibattito in corso con il Parlamento europeo in vista del Vertice dei capi di Stato e di governo, dedicato in parte a Corona, domani sera. Sebbene la variante delta sia ancora dilagante – in alcuni Stati membri i tassi di infezione sono più alti che mai – von der Leyen è ottimista sul fatto che possiamo eliminarla con le vaccinazioni: abbiamo le risorse. Ci sono oltre un miliardo di dosi di vaccino pronte”.

Attualmente, il 66 per cento della popolazione dell’UE, giovani e anziani insieme, ha ricevuto la doppia vaccinazione, ovvero più di 300 milioni di persone. 62 milioni hanno già ricevuto un richiamo. Questo è importante, secondo von der Leyen, perché un triplo colpo fornisce la migliore protezione contro l’omikron. Senza alludere alla vaccinazione obbligatoria, come prima, ha sottolineato l’importanza della vaccinazione. “Continuiamo ad avere un forte stress sugli ospedali e molti decessi. Sanità, anziani, giovani adulti ed economia stanno pagando un prezzo pesante. Abbiamo davvero bisogno di vaccinare tutti”.


citazioni

La sanità, gli anziani, i giovani e l’economia stanno pagando un prezzo pesante. Abbiamo davvero bisogno di vaccinare tutti

Ursula von der Leyen, commissario europeo

Un mezzo per raggiungere questo obiettivo, secondo il leader del gruppo PPE Manfred Weber e il collega liberale Stefan Sjourney, è un giro di vite più duro sui gruppi che diffondono disinformazione o mettono in dubbio l’utilità della vaccinazione. Webber: “Se i social media non vogliono cooperare volontariamente, dovremmo, se necessario, forzarlo con la legislazione”. Ritiene che ogni giorno in Europa si verifichino ancora 1.500 decessi per corona lo giustifichino.

I partiti di sinistra hanno criticato gli enormi profitti che l’industria farmaceutica sta ricavando dal virus Corona. Mille dollari al secondo, secondo Iratex García Pérez, leader della fazione socialista, e l’estrema sinistra Manon Aubry. Aubry, a von der Leyen: “Mentre sei un buon samaritano qui, mantieni il monopolio su una manciata di multinazionali da due anni. Sono passati due anni da quando mi sono rifiutato di rilasciare i loro brevetti. Nei 120 secondi Ho parlato qui, hanno già $ 120.000 più ricchi. “

A parte la solidarietà, anche il petrolio

Dopo Aubrey, anche Muhammad Shehim (PvdA) ha gridato: “Perché non andare fino alla fine della pandemia invece delle royalties dei produttori?” – Samira Raphael (D66) ha chiesto una revoca almeno temporanea dei brevetti, in modo che anche i residenti dei paesi poveri possano essere vaccinati rapidamente. “Se non lo facciamo, le variabili continueranno a diffondersi fino a quando tutte le lettere dell’alfabeto non saranno esaurite”, ha affermato il democristiano irlandese Sean Kelly. Nonostante tutte le grandi storie sull’Europa come campione mondiale nell’esportazione di vaccini, von der Leyen ha dovuto ammettere che solo il 7% dei vaccini si trova in Africa. “A parte la solidarietà, anche untuoso”, secondo la socialista fiamminga Kathleen van Prempt. Il capogruppo Garcia Perez: “Stiamo trasformando l’Africa nel continente di Corona”.

Guarda i video delle notizie di tendenza nella playlist qui sotto:

READ  L'Ungheria abolisce la legge discriminatoria sotto la pressione legale europea

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24