L’Europa fortificata è inevitabile. Puntiamo a creare un castello murato per l’immigrazione legale

Marc Elchardus è Professore Emerito di Sociologia presso la Libera Università di Bruxelles (VUB). Il suo contributo appare ogni due settimane, alternato a Vincent Steuer.

Dopo il calo dovuto alla pandemia, torna ad aumentare il numero di domande di asilo e di attraversamenti illegali delle frontiere. Abbiamo visto come i diversi paesi europei hanno risposto a questo. Molta attenzione è stata prestata al cannone vocale greco per scoraggiare gli immigrati e al modo in cui la Danimarca vuole esternalizzare l’elaborazione delle domande di asilo in Ruanda.

Molti paesi adottano misure per impedire alle persone di entrare (illegalmente) nel loro paese e di richiedervi asilo, rendendo difficile per le persone aventi diritto all’asilo ottenere protezione. La migrazione è all’ordine del giorno del Consiglio europeo del 24 e 25 giugno. Mi sembra probabile che le persone passeranno dalle futili discussioni su un inutile schema di distribuzione alla ricerca di accordi con i paesi di origine per frenare l’immigrazione illegale.

Questo sviluppo ha due ragioni principali. Innanzitutto, non ci occupiamo più solo della richiesta di protezione da parte delle persone che hanno asilo. Nella maggior parte dei casi, ora si tratta di persone che utilizzano la loro domanda di asilo alla ricerca di un reddito più elevato. Lo dimostra l’enorme aumento del numero di domande da respingere, dal 37 per cento nel 2016 al 64 per cento nel 2019, per l’intera Unione europea. Inoltre, vediamo che i migranti, che abbiano o meno diritto all’asilo, cercano un futuro migliore piuttosto che protezione. Hanno viaggiato attraverso molti paesi dove potevano cercare protezione. Una volta in Europa, non vogliono nemmeno rimanere nei paesi di arrivo, ma si recano nel più attraente nord-ovest dell’Europa.

READ  Disturbi tra gli utilizzatori di dispositivi per l'apnea: 'Non posso vivere senza di loro'

In secondo luogo, la base di sostegno per l’asilo è debole. La concessione dell’asilo è una questione costosa. Le persone sono disposte a pagare le tasse per questo se ognuno rispetta i propri diritti e doveri, il che significa, tra l’altro, che il richiedente asilo tornerà nel suo paese se l’asilo viene rifiutato. Questo non sta accadendo abbastanza. Nel 2019 a 491mila persone è stato ordinato di lasciare il territorio degli Stati membri dell’UE; 142.000 o il 29 percento lo hanno fatto. Il resto si aggiunge all’ormai grande numero di clandestini (stimato tra 3,9 e 4,8 milioni).

Stiamo infatti assistendo a una politica di apertura delle frontiere: chi arriva in Europa ha circa quattro possibilità su cinque di restarvi, poco meno della metà come rifugiati e poco più della metà come clandestini. Questo è il motivo per cui sempre più paesi europei vogliono impedire alle persone di entrare nel loro territorio. Vogliono combattere l’immigrazione illegale, non limitare l’asilo. Giusto effetti collaterali.

L’aumento della sicurezza delle frontiere sta esacerbando il conflitto tra sostenitori e oppositori delle frontiere aperte. Il primo persegue quattro obiettivi: indebolire i controlli alle frontiere, aumentare gli oneri e prolungare la procedura di asilo, impedire un’efficace politica di rimpatrio (ad esempio contrastando il cosiddetto ingresso residenziale) e regolarizzare la situazione delle persone in situazione irregolare.

Attualmente, le frontiere esterne europee sono monitorate in vari modi. Con tentativi di affrontare le richieste di asilo fuori confine, come vuole la Danimarca, ma anche come proposto nella Carta dell’immigrazione e dell’asilo della Commissione europea. Aiutando a mettere in sicurezza i confini dei paesi nordafricani che soffrono a loro volta di immigrazione illegale. Concludendo accordi con i Paesi di origine e transito che forniscano canali di immigrazione legale in cambio della lotta all’immigrazione clandestina. Con la conclusione di accordi di riammissione per gli immigrati espulsi. Sviluppando tecnologie di controllo e identificazione delle frontiere più efficaci. Tutte queste risorse saranno pubblicate molto di più se la politica sull’immigrazione sarà democratica. In tutti gli Stati membri europei, i sostenitori di un’Europa fortificata, con o senza porte per l’asilo e l’immigrazione legale, sono da tre a quattro volte più numerosi dei sostenitori delle frontiere aperte. Le politiche di immigrazione sono state condotte contro la maggioranza, ma come disse il leggendario presidente americano Lincoln, puoi ingannare tutte le persone per un po’, puoi sempre ingannare alcuni, ma non puoi ingannare tutti per tutto il tempo.

READ  Responsabile di iOS: "Guarda con paura e tremore al numero crescente di infezioni"

L’Europa fortificata è inevitabile. Prendiamo di mira un castello fortificato. Una netta maggioranza vuole una via d’accesso all’immigrazione legale. Poche persone sono ormai convinte che dovremmo amare il diritto all’asilo. È utile che giudici e ONG utilizzino positivamente il loro potere e le loro risorse: combattere l’immigrazione clandestina in modo umano ma deciso, in modo da preservare il diritto di asilo. I rifugiati sono le prime vittime della ricerca sconsiderata e antidemocratica di frontiere aperte.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24