L’Europa non fa eccezione alla regola delle supercar italiane

Il governo italiano chiede un’azione straordinaria da parte dei produttori di supercar, così marchi come Ferrari e Lamborghini possono realizzare auto sportive con motori a combustione più a lungo. Ma la Commissione europea non ne vuole sapere.

L’Europa vuole essere climaticamente neutra entro il 2050. I piani per raggiungere questi obiettivi includono una flotta di veicoli completamente elettrici dal 2035. Attualmente sono previste eccezioni per i produttori che producono meno di 10.000 veicoli all’anno, ma la Commissione europea vuole modificare questa regola in quanto appena possibile. Il governo italiano sostiene esattamente il contrario e vuole una protezione aggiuntiva per le case automobilistiche come Ferrari, Lamborghini e Maserati, in modo che possano utilizzare i motori a combustione un po’ più a lungo.

L’argomento di Roberto Cingolani, il ministro italiano responsabile della “trasformazione ambientale” del Paese? Che i produttori di auto sportive come Ferrari, Lamborghini e Maserati lavorano in una nicchia e che hanno bisogno di una tecnologia speciale per passare alle supercar elettriche al 100%. E questo sviluppo costa semplicemente più tempo e più denaro, il che giustifica una misura eccezionale. Ma questo argomento non ha incontrato molto sostegno da parte della Commissione Europea, che afferma che tutti i produttori devono fare la loro parte per realizzare le loro ambizioni in materia di CO2.

I piani della Commissione europea devono ancora passare al Parlamento europeo e hanno bisogno del sostegno dei paesi europei, quindi resta da vedere prima che le ambizioni vengano tradotte in regolamenti vincolanti. La maggior parte dei produttori è ora cambiata e anche Ferrari e Maserati hanno in programma modelli 100% elettrici.


READ  Il tecnico del Sassuolo non vuole giocare contro il Milan: "Sono molto arrabbiato"

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24