L’ex ministro Salvini accusato di aver “sequestrato” 147 persone su una barca

“Non mi aspettavo una medaglia, ma un’esperienza?” Così ha reagito Matteo Salvini alla querela contro di lui iniziata sabato a Palermo, in Sicilia. Salvini, l’allora ministro dell’Interno italiano, nell’agosto 2019 ha vietato alla scialuppa di salvataggio della ONG spagnola Open Arms di attraccare in un porto italiano per diversi giorni. Aveva a bordo 147 migranti salvati. L’attesa fece disperare alcuni di essersi gettati in mare. Alla fine, i pubblici ministeri hanno sequestrato la nave e portato in salvo le persone a bordo. Quindi la barca ha trascorso 21 giorni in mare.

Questo ha portato all’apertura di un’inchiesta presso il tribunale di Palermo con Salvini, ora accusato di sequestro di persona. L’ex ministro rischia quindici anni di carcere. Ma è improbabile che arrivi così lontano, dice Esperto di immigrazione Matthew VillaAssegnista di ricerca presso l’Istituto per le Politiche Internazionali di Milano. “L’accusa di sequestro di persona è complicata da dimostrare. Inoltre, in un caso simile, un altro tribunale siciliano della città di Catania ha stabilito che Salvini non poteva essere accusato di sequestro di persona”.

Quest’altro caso ruota attorno alla Gregoretti, nave della Guardia Costiera italiana fermata anch’essa da Salvini nel 2019. Il tribunale ha dichiarato il caso inammissibile. “Se il sequestro non è avvenuto a Catania, non vedo perché sia ​​apparso all’improvviso nel tribunale di Palermo”, ha detto Salvini. Accusa il tribunale che lo processa di un processo “politicamente motivato”.

Leggi anche: Un caso di droga nell’entourage del leader della Liga Matteo Salvini

Come ministro dell’Interno (tra giugno 2018 e settembre 2019), Salvini, capo del partito di estrema destra della Lega, ha perseguito una rigorosa politica sull’immigrazione. Ha ripetutamente vietato alle navi di soccorso che trasportano migranti di attraccare in un porto italiano. Nelle sue parole, voleva proteggere il confine italiano in questo modo. I suoi avvocati sosterranno al processo che Salvini ha sempre agito di concerto con il governo.

READ  Filtraggio NX leggermente più alto con Damrak IPO

Oscar Camps, fondatore di Open Arms, la vede diversamente. “Salvini usa i migranti come un gioco per farsi coinvolgere in politica dal 2018, quando è diventato ministro”, ha detto al telefono l’attivista da Barcellona. “Le cose sono andate bene negli anni precedenti. Poi molte organizzazioni di soccorso nel Mediterraneo hanno lavorato con la guardia costiera, che da Roma ha coordinato le operazioni di soccorso”.

Come ministro, Salvini ha fatto di più che fermare la barca di Open Arms, afferma Camps. Ha anche lanciato una campagna diffamatoria contro le ONG sui social media. Siamo una piccola ONG che vuole salvare le persone a rischio di vita in mare. Ma ha accusato le ONG come la nostra di contrabbando di persone”.

Era in campeggio in Italia per la prima lo scorso fine settimana Da un film su Open Arms Al Festival del Cinema di Roma. Sabato si recherà a Palermo per iniziare il processo a Salvini. “Mostrare il film in Italia ha sicuramente uno scopo sociale”, afferma Camps. “Le immagini mostrano la nuda verità di persone che rischiano la vita in mare, spogliate di ogni politica”. Ha descritto la tempistica della prima a Roma come puramente casuale. Il processo a Salvini doveva iniziare il mese scorso ma è stato rinviato.

Leggi anche: Il centrosinistra vince le elezioni comunali italianen

Debole, ma non sconfitto

Salvini di solito sa piegare una crisi a suo favore politico. Ci proverà anche questa volta. È già chiaro che la sua difesa inviterà a testimoniare esponenti del precedente governo. Ma l’uomo che sembrava indomabile alle elezioni europee di due anni fa con un buon 34 per cento è a pezzi. Il suo partito della Lega appartiene al governo di ripresa post-Covid del presidente del Consiglio Mario Draghi che ha preso il potere a febbraio, in gran parte perché lo vuole la tradizionale base commerciale della Lega nel fiorente nord Italia.

READ  La croata Rimac condivide la proprietà del marchio di auto sportive Bugatti

Ma Salvini agisce sempre come un politico di opposizione e questo porta a tensioni nel suo partito. Il “ramo di governo” della Lega mette sempre più in discussione la leadership di Salvini e soprattutto le sue espressioni di estrema destra. Di recente, c’è stato anche uno scandalo di sesso e droga che ha coinvolto il guru dei media Luca Morrissey e scarsi risultati nelle elezioni locali.

Un mese di ritardo nel suo processo funziona anche contro Salvini. Avrebbe potuto usare quel processo a settembre per riportare l’immigrazione al centro del dibattito pubblico, ma con l’inverno che si avvicina – quando il mare diventa più freddo e turbolento e meno barche arrivano rispetto alla fine dell’estate a settembre – è ora, dice l’esperto di immigrazione Matteo Villa Giocare politicamente il ruolo dell’immigrazione. “Ciò che preoccupa molto di più gli italiani ora è la pandemia, le opinioni divise sui vaccini e la tessera Covid obbligatoria. In questo dibattito, la politica dell’opposizione Giorgia Meloni (di Fratelli d’Italia di estrema destra, direttore) è stata più prominente”.

Salvini indebolito, ma non ancora sconfitto. “Quando l’inverno sarà finito e le barche torneranno”, prevede Villa, “lui sicuramente gli riporterà il dibattito sull’immigrazione”.

Oscar Camps chiama Salvini “solo” a comparire in tribunale. Allo stesso tempo, ammette, il politico tocca le corde di molti italiani, perché si sentono abbandonati dall’Unione Europea sull’immigrazione. “L’Europa non usa lo stesso linguaggio forte che usava Salvini, ma la mancanza di azione è deliberata e equivale sostanzialmente alla stessa cosa”, afferma Camps. Quindi questo processo riguarda anche i valori su cui si basa l’Unione Europea”.

Ascolta anche questo podcast: Come Salvini trasforma la sua tuta in una campagna

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24