L’ex presidente francese Hollande: sono stato escluso dai terroristi in Siria

La Francia ha effettuato operazioni militari segrete in Siria per uccidere (potenziali) terroristi. Lo ha detto in un tribunale francese l’ex presidente Francois Hollande. “Dovevamo proteggerci. Così ad alcuni è stato ordinato di tirarne fuori un po’.”

Si trattava di azioni mirate individuali. Hollande ha affermato che nel settembre 2015 anche la Francia ha lanciato un bombardamento aereo della Siria. “Sapevamo dall’inizio del 2015 che l’Isis voleva fare la guerra con noi. Lo hanno fatto e noi abbiamo risposto”. Secondo l’ex presidente, queste azioni hanno preso di mira anche i terroristi: “Volevamo bombardare i luoghi dove si prepara l’attacco, dove si addestra la gente”.

“Esecuzioni mirate”

È la prima volta che l’ex presidente parla pubblicamente dell’eliminazione dei sostenitori dell’Isis in Siria. Nel 2016 è stato pubblicato un libro da due giornalisti investigativi che hanno intervistato l’Olanda. In quelle conversazioni, avrebbe affermato di aver effettuato “quattro esecuzioni mirate” di presunti terroristi in Siria.

L’Olanda lo ha ora confermato pubblicamente per la prima volta in tribunale. È stato ascoltato lì durante il processo per gli attentati del 13 novembre 2015, all’epoca presidente dell’Olanda.

Ha raccontato a lungo al giudice della notte degli attacchi. Poi lui stesso era sul campo di calcio dove è avvenuto il primo attacco.

Bataclan

Holland ha spiegato che i suoi servizi di intelligence stavano prendendo di mira molti sostenitori dell’Isis, anche in Siria. Ma crede che gli attacchi al Bataclan, tra l’altro, non possano essere evitati. “Non sapevamo quali fossero gli obiettivi o quando volessero attaccare. Se avessimo saputo che ci sarebbe stato un attacco in una sala da concerto quella notte, avremmo vietato tutti i concerti quella sera”.

READ  Migliaia di manifestanti a Budapest contro la legge anti-LGBTI

“Naturalmente è un fallimento se c’è un attacco”, ha detto. “Ma siamo stati anche in grado di prevenire gli attacchi”. Il processo per gli attentati è iniziato nel mese di settembre. Ci vogliono nove mesi in tutto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24