L’idrogeno europeo si precipita verso applicazioni industriali su larga scala

INEOS ha questa settimana annunciare Investirà più di due miliardi di euro in progetti di elettrolisi per produrre idrogeno verde privo di carbonio in tutta Europa. I primi impianti saranno realizzati in Norvegia, Germania e Belgio, mentre sono previsti investimenti anche nel Regno Unito e in Francia.

La prima unità ad essere realizzata è l’impianto di elettrolisi da 20 MW che produce idrogeno pulito mediante elettrolisi dell’acqua. Questo progetto si tradurrà in una riduzione minima di circa 22.000 tonnellate di anidride carbonica2 annualmente riducendo l’impronta di carbonio delle operazioni INEOS a Ravens, un porto norvegese, e fungendo da hub per fornire idrogeno al settore dei trasporti norvegese.

© Michael Gonzalez

In Germania, INEOS prevede di costruire un più grande elettrolizzatore di idrogeno verde da 100 MW presso il suo sito di Colonia. Lo sviluppo supporterà anche la decarbonizzazione delle operazioni in loco di INEOS.

Registrati per ricevere le nostre ultime notizie!

Panoramica settimanale sull’innovazione: ogni giorno uno dei nostri migliori articoli nella tua casella di posta!

Ineos ha fatto l’annuncio all’inizio di questa settimana. L’azienda afferma di essere il più grande operatore europeo di elettrolisi, la tecnologia necessaria per produrre idrogeno verde per la produzione di energia, i trasporti e l’uso industriale.

Coincidenza

Non è l’unico prodotto energetico che si è fatto sentire ultimamente quando si tratta di idrogeno. Conchiglia fatta l’estate scorsa un favore Il più grande sito di elettrolisi dell’idrogeno in Europa sarà commissionato. Questi sono gli elettrolizzatori PEM (dove PEM sta per membrana elettrolitica polimerica), che sono più compatti dei tradizionali elettrolizzatori alcalini.

Elettrolizzatore PEM

L’elettrolizzatore PEM è adatto per lavorare con fonti di energia rinnovabile perché può funzionare dinamicamente al variare dei carichi elettrici. Ciò consente agli elettrolizzatori PEM di funzionare quando l’energia eolica e solare sono più economiche. vera svolta.

READ  Le navi di soccorso che trasportano centinaia di migranti possono attraccare in Italia

Anche l'”impianto di idrogeno” della Shell si trova vicino a Colonia, dove il produttore energetico anglo-olandese produce idrogeno verde. Ci sono piani per espandere la capacità di questo elettrolizzatore da 10 MW a 100 MW.

Non è un caso che entrambi i progetti dipendono fortemente dallo stato del Nord Reno-Westfalia, che, nelle parole del suo primo ministro, si definisce la “regione dell’idrogeno” d’Europa.

Repsol

la settimana scorsa Piede Anche il gigante energetico spagnolo Repsol progetta l’idrogeno. L’azienda ha annunciato investimenti che raggiungeranno oltre 2,5 miliardi di euro entro il 2030. Entro otto anni, Repsoleen punta ad avere una capacità installata di 1,9 gigawatt. Repsol utilizzerà una combinazione di elettrolisi, biogas e catalisi fotoelettrica per produrre idrogeno rinnovabile. Il primo impianto di elettrolisi, con una capacità di 2,5 MW, sarà commissionato nel 2022 a Bilbao.

Fotostimolazione
Produzione di idrogeno mediante fotoelettrocatalisi © Repsol

Repsol è nota per le sue innovazioni nella fotoelettrocatalisi per la produzione sostenibile di idrogeno. Attualmente è in costruzione un impianto pilota a Puertollano.

Frullato d’acqua

La corsa europea verso l’idrogeno si adatta bene ai piani dell’UE, come delineato nel Green Deal e Fit for 55.

L’Europa è pioniera nello sviluppo di molte tecnologie dell’idrogeno pulito. L’Unione europea ha sviluppato un’importante politica strategica, in particolare grazie alla cella a combustibile e all’impresa comune dell’idrogeno, FCH JU). Negli ultimi 13 anni, questo partenariato pubblico-privato ha finanziato progetti per un valore di circa 2 miliardi di euro. Il suddetto progetto Shell fa parte del consorzio europeo Rephyne ed è cofinanziato da FCH JU.

Grazie al ruolo di primo piano dell’Europa, le università e le aziende in Europa hanno aumentato l’efficienza dell’elettrolisi e delle celle a combustibile nell’ultimo decennio, hanno ridotto l’uso di materie prime e dimostrato la fattibilità dei processi industriali a base di idrogeno.

READ  Il capocannoniere Casiera vive in Russia e porta la squadra alla vittoria

L’unico inconveniente è che la maggior parte dei progetti è rimasta per lo più piccola e isolata.

Alleanza dell’idrogeno

Le iniziative INEON, Shell e Repsol, tra le altre, mostrano che ora è il momento per l’applicazione industriale su larga scala delle tecnologie dell’idrogeno (pulito).

Al fine di consentire agli attori del mercato di interagire meglio tra loro, nel 2020 la Commissione europea ha anche istituito la Clean Hydrogen Alliance, una piattaforma per l’industria, i governi nazionali e locali, la società civile e altre parti interessate. In poco tempo, più di 1.500 membri hanno già aderito a questa “Hydrogen Alliance”.

Le tecnologie dell’idrogeno pulito svolgono un ruolo chiave nella transizione del continente verso un’economia a emissioni zero entro il 2050, in linea con l’accordo verde europeo.

Leggi di più sulle sfide dell’idrogeno nel nostro dossier su questo argomento

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24